L’analisi di Perotti: “La squadra non rende come ci aspettavamo, ma possiamo ancora salvarci”. Mercato, tre nomi

Il direttore dell'area tecnica: "Il mercato? Le parole del presidente Spinelli sono state chiare"

di rcampopiano

Mediagallery

IL PUNTO SUL MERCATO – LEGGI QUI

Le dichiarazioni al veleno di Spinelli hanno lasciato il segno. Il presidente, per la prima volta, ha accusato tutti di questo rendimento: dai direttori sportivi allo staff tecnico. Non ha risparmiato nessuno. Forse questo non era il momento migliore per lasciarsi andare a questa sfuriata vista la situazione particolare che si sta vivendo in casa Livorno. La classifica, con solo 13 punti, piange e c’è bisogno di stare tutti uniti per il bene della squadra. Ieri, 23 dicembre, c’è stato un summit a Genova tra Spinelli e i vertici societari per capire che futuro attende il Livorno. Il direttore dell’area tecnica Perotti commenta così quanto accaduto: “Le dichiarazioni del presidente vanno interpretate per quelle che sono. Noi al momento stiamo cercando di risolvere la situazione nel miglior modo possibile. La squadra non sta facendo quanto ci si aspettava e la speranza è che ci metta più agonismo e determinazione in quello che sta facendo. L’obiettivo della salvezza può essere ancora centrato, anche se occorre poter competere con le squadre che lottano per il nostro stesso obiettivo. Il mercato? Le parole di Spinelli sono chiare”. Poche parole ma significative. Al telefono la voglia di parlare del direttore non era molta. Evidentemente nemmeno lui si aspettava un attacco così diretto da parte del presidente.

Inutile dire che la salvezza passa dal mercato, ma prima c’è da vendere. Nella rosa ci sono giocatori che non rientrano nei piani dell’allenatore per vari motivi e non sono all’altezza di un campionato come la serie A. Decarli, Lambrughi, Belingheri, Borja, Mosquera tanto per fare qualche nome sono i principali indiziati a cambiare maglia. Una volta che la società avrà sistemato questi giocatori allora si potrà sperare nei rinforzi. Senza dimenticare il caso Botta che ormai sta diventando quasi una barzelletta: l’ultima data buona per il suo arrivo sembra essere il 27. Staremo a vedere.

Riproduzione riservata ©