Mercato: idee De Ceglie, Cannavaro e Acquafresca. Intanto Livorno penultimo

Penultimo posto in classifica a 13 punti. Dal 3 gennaio sarà possibile fare acquisti e anche Nicola ha invocato nuovi arrivi il prima possibile

di rcampopiano

Mediagallery

La sconfitta contro l’Udinese fa male, anche perché, complici gli altri risultati, il Livorno è sceso al penultimo posto in classifica con 13 punti. Dietro c’è solo il Catania a 10. Terzultimo posto per il Sassuolo a quota 14. Una situazione che probabilmente era immaginabile, ma in molti speravano che non si potesse realizzare. Adesso occorrerà stringersi ancora di più attorno ad una squadra che oggettivamente di più non può fare. Molto passerà da Spinelli: a lui il compito di rafforzare la rosa durante il mercato di riparazione.

La classifica – Il pomeriggio non si è aperto certo nel migliore dei modi. Il gol di Diamanti ha regalato tre punti al Bologna che ha scavalcato, in un solo balzo, Sassuolo e Livorno toccando quota 15 assieme al Chievo. I clivensi infatti sono stati surclassati dal Torino con un roboante 4-1. Stessa sorte, ma con esito diverso (0-1) per il Sassuolo con la Fiorentina. Queste due sconfitte rappresentato una boccata d’aria per il Livorno che continua ad avere il quartultimo posto a solo due lunghezze. Il prossimo turno non sarà tra i più facili visto che la banda di Nicola farà visita alla Fiorentina, ma attenzione alle sfide salvezza: Chievo-Cagliari, Catania-Bologna e Genoa-Sassuolo.

Il mercato – A fine partita anche Nicola ha, finalmente, ammesso che questa squadra necessita di rinforzi come il pane. Dal 3 gennaio sarà possibile fare acquisti e il tecnico ha invocato nuovi arrivi il prima possibile. Chissà se al Franchi non ci sia già qualche volto nuovo. Quello che serve ormai è noto: un esterno sinistro, un difensore e un attaccante. Ma andiamo con calma. Questa parte di stagione ha evidenziato come Ceccherini alla distanza sia risultato il migliore del reparto arretrato con Emerson che lo tallona. Purtroppo, al momento, né Coda né Valentini offrono garanzie quindi serve tornare sul mercato. Con il Napoli era stato intavolato un discorso per Paolo Cannavaro, ma c’è da capire se la società partenopea accetterà di accollarsi parte dello stipendio. A sinistra, Peluso è inarrivabile mentre Molinaro non convince del tutto. Ecco quindi spuntare il nome di De Ceglie che chiede di poter giocare. Lui sarebbe l’esterno ideale per il 3-5-2 di Nicola. L’alternativa è Mesbah.
In attacco Borja ed Emeghara dietro la lavagna. Il sogno resta Floccari, ma il suo ingaggio rappresenta un vero problema. Le alternative principali sono Ardemagni del Chievo e Acquafresca del Bologna anche se, probabilmente, verrà fatto un tentativo anche per Maxi Lopez in uscita dal Catania. Serve gente d’esperienza, quindi occorre attingere dalla serie A.

Riproduzione riservata ©