Palio, stravince il Venezia. S. Jacopo nei 4. Borgo e Pontino trionfo nei “rosa” e “under”

di rcampopiano

Mediagallery

La 78esima edizione del Palio Marinaro si tinge ancora di biancorosso. E’ l’inarrestabile armo del Venezia che sale sul gradino più alto del podio. Dietro, a 13 secondi di distacco, l’Ovosodo Benci Centro. A strappare il “bronzo” ci ha pensato il Pontino a tre secondi di distanza dai biancogialli. Remo nero al Livorno Sud, fanalino di coda con 35 secondi di distacco dalla prima posizione. Con questo successo, l’armo biancorosso si conferma autentico dominatore, per l’ennesima volta, della stagione remiera avendo trionfato in tutte le gare alle quali ha partecipato. Anche nell’ultima gara dell’anno, il Venezia ha fatto il vuoto dietro di sé. Già al primo giro di boa aveva un’imbarcazione di vantaggio. Un margine questo che ha mantenuto fino all’ultimo. Più avvincente invece la lotta per il secondo posto con Benci e Pontino a darsi battaglia. Alla fine l’ha spuntato il gozzo del presidente Stefanini che si deve accontentare, nuovamente, della medaglia d’argento. A raccontare questa intensa giornata ci hanno pensato le voci di Massimiliano Bardocci e Valeria Volpe.
Ordine d’arrivo e tempi:
1° Venezia 9’56”57
2° Ovosodo Benci Centro 10’09’55
3° Pontino 10’12’05
4° Labrone 10’15”21
5° Borgo 10’24”40
6° S.Jacopo 10’24”96
7° Salviano 10’25”65
8° Livorno Sud 10’31”99

Gozzi a 4 -Vince il S.Jacopo nei gozzi a 4 remi in un’avvincente sfida che ha visto trionfare i biancoverdi sul Venezia per una manciata di secondi. Sul gradino più basso del podio il Salviano. Se il Venezia ha dominato la categoria dei gozzi a 10, lo stesso si può dire per il San Jacopo nei 4. Nessuno è riuscito a scalzare dal gradino più alto del podio l’equipaggio biancoverde in tutte le gare remiere. Una stagione straordinaria se si pensa che i ragazzi del presidente Contesini non hanno neanche una vera e propria cantina nella quale allenarsi: “Forse è proprio questo il segreto di questi ragazzi – commenta il numero uno – abbiamo fatto una stagione straordinaria che ci riempie d’orgoglio. Per me tuttavia è l’ora di lasciare visto che ho rassegnato le dimissioni poco tempo fa. Spero che chi venga dopo di me farà altrettanto bene”.
Ordine d’arrivo e  tempi:
1° S. Jacopo 11’17”06
2° Venezia 11’21”86
3° Salviano 11’35”49
4°Borgo 11’53”99
5°Pontino 12’23”63
6° Labrone 12’36”92

Le parole dell’assessore – Presente, in qualità di rappresentante del Comune, l’assessore allo sport Nicola Perullo che ha fatto il punto su questa stagione remiera: “E’ una manifestazione che andrebbe valorizzata di più. L’anno prossimo sarà quello di maturità perché ci saranno degli importanti cambiamenti. Faremo in modo che tutta Italia venga a conoscenza delle nostre tradizioni. Le gare remiere sono belle perché sono combattute ed è questo lo spirito con il quale affrontare questo tipo di eventi”.

Special Olimpics – A fare da antipasto alle gare dei big, nel pomeriggio sono scesi in acqua i gozzi di Special Olimpic, con a bordo ragazzi con difficoltà intellettive. Oltre agli equipaggi di Sportlandia, hanno gareggiato due imbarcazioni “straniere”: una di San Miniato, l’altra di Spezia. A tagliare per primo il traguardo, sulla distanza di 500 metri, è stato Sporlandia 1, seguito a ruota dai “gemelli” del 2 e 3.

Ordine di arrivo
1 Sportlandia 1 3’22″86
2 Sportlandia 2 3’49″67
3 Sportlandia 3 3’55″13
4 Spezzina Velocior 4’17″72
5 Canottieri San Miniato 4’19″71

Le gare della mattina, gozzi “rosa” e “minipalio”- Nello specchio d’acqua antistante la terrazza Mascagni è andata in scena la prima parte del 78° Palio marinaro. In acqua sono scesi gli equipaggi femminili e del minipalio. Anche quest’ultima gara ha confermato lo strapotere rispettivamente di Borgo e Pontino che hanno vinto tutte le manifestazioni alle quali hanno partecipato. Due gare senza storia che hanno visto gli equipaggi bianconero e giallorosso dominare dall’inizio alla fine.
Nella gara femminile, che ha visto scendere in acqua soltanto due gozzette (quante cose ci sarebbero da dire su tutto questo) il Borgo ha fatto capire fin da subito che non ci sarebbe stata storia e il Labrone, al quale va il merito di aver partecipato, ha fatto soltanto da contorno. Gli oltre trenta secondi di scarto finale bastano a spiegare come l’imbarcazione dell’allenatore Sergio Biagini sia stata nettamente più forte. Al termine le ragazze bianconere hanno lanciato un appello: “Ci dispiace dover sempre gareggiare contro un’altra imbarcazione. Vorremo che ci fosse più competizione. Chiediamo al comitato di non far morire questa categoria e se possibile di promuoverla il più possibile”.
Nel Minipalio è stato il Pontino che non ha avuto rivali. Già al giro di boa aveva un distacco dal Venezia di un’imbarcazione. D’altronde se i ragazzi di Marco Vignale hanno vinto tutte le gare della loro categoria un motivo ci sarà. Il Venezia ha provato in tutti i modi a stare dietro ai giallorossi ma si è dovuto accontentare del secondo posto con sette secondi di distacco dai vincitori. Avvincente invece la gara per la medaglia di bronzo. In un primo momento sembrava che il Borgo fosse in vantaggio invece nel serrate finale il Salviano, con una strepitosa rimonta, è riuscito a tagliare il traguardo per primo.
L’appuntamento ora è alle 17 di questo pomeriggio per la gara di Special Olimpics alla quale seguiranno quelle delle gozzette e dei gozzi a 4 remi.

Ordine di arrivo

Femminile
1 Borgo Cappuccini 5’51″81
2 Labrone 6’23″60

Minipalio
1 Pontino 5’27″41
2 Venezia 5’34″68
3 Salviano 5’39″78
4 Borgo 5’40″71

Riproduzione riservata ©