L’intervista. Leonardo Talerico punta in alto “L’obiettivo? Entrare nella nazionale dei grandi”

Mediagallery

Dopo Cristina Florio (clicca qui per leggere) ecco l’intervista a Leonardo Talerico, nello spazio dedicato al karate della Wtka (World Traditional Karate Association) a cui la società Sport Combat Club di via Firenze, 128 a Livorno è affiliata. Leonardo Talerico nasce a Livorno il 30 aprile del 1998, cintura Nera 1°Dan  e frequenta la seconda classe del liceo Cecioni.  Il “giovane combattente” della Sport Combat Club è campione del mondo nel kumite e capitano degli azzurrini kumite.

Da quanti anni ti alleni nella Sport Combat Club?
“Sono circa 3 anni che frequento questa palestra, e le soddisfazioni non sono tardate. I maestri, allenatori, ambiente ma soprattutto i miei compagni rendono gli allenamenti piacevolmente faticosi”.

Cosa ti ha portato alla Sport Combat Club?
“Mi sono sempre allenato molto sin da bambino ma non ho mai avuto la possibilità di confrontarmi, nella Wtka karate Italia. Le numerose gare e stage mi hanno dato la possibilità di verificare i livelli raggiunti e, stimolato dai risultati, oggi ho la possibilità di mantenere costantemente sott’occhio i mie progressi per migliorare”.

Come gestisci il karate con la scuola e tempo libero?
“Iniziando il karate nel 2006, all’età di 8 anni, è da sempre parte della mia vita. Studio regolarmente con buoni livelli scolastici e riesco a dedicare anche il tempo alle amicizie e altre passioni come la chitarra”.

Sappiamo che alcuni karateka con cui ti alleni sono anche amici nella vita privata. Come vivi il combattimento con l’amicizia?
“Il karate non è solo sport, è soprattutto disciplina e rispetto. Quando mi alleno è facile colpire l’avversario l’importante è che il colpo non sia “cattivo” e dopo tutti questi anni si sa se un colpo è “cattivo” o “buono”, è per questo che il gruppo è molto unito, nessuna cattiveria, solo rispetto e disciplina, dopo grandi risate e molta amicizia”.

Cosa ti aspetti per il 2014?
“Mi sto allenando molto, sto migliorando anche nel kata anche se non sono interessato attualmente a partecipare a competizioni simili. Mi auguro di confermare il risultato ai mondiali del 2013 per poter poi entrare di diritto nella nazionale dei “grandi”.

A fine intervista Leonardo Talerico si mette i guantini per proseguire i suoi allenamenti di kumite. Nei prossimi giorni pubblicheremo l’intervista a Perla Galatolo “La Perla Azzurrina”.

 

Riproduzione riservata ©