Itinera, mostra pop, tour alla “Guerrazzi” e mostra guidata al mito di Mitoraj

In occasione dell’apertura del 7 giugno dalle ore 18 sarà possibile visitare la mostra di Valentina Restivo. INFO 0586 - 89.45.63

Mediagallery

A grande richiesta dopo il successo avuto lo scorso anno, anche per il 2015 la sede centrale della Biblioteca Labronica F.D. Guerrazzi  di Villa Fabbricotti, in collaborazione con la Coop Itinera, aprirà gratuitamente le sue porte tutte le prime domeniche di ogni mese da febbraio a giugno in concomitanza con l’apertura dei negozi del centro cittadino. Il primo appuntamento è domenica 7 giugno ore 17 (leggi anche tour in battello di sabato 6 giugno e leggi qui  della mostra guidata e gratuita al mito di Mitoraj).  In queste occasioni un operatore esperto della Coop Itinera farà da guida a chi voglia acconsentire all’iniziativa gratuita, accompagnando il visitatore in un percorso storico sulla nascita della biblioteca a Livorno, sul suo posseduto antico e moderno e sul funzionamento oggi.

In occasione dell’apertura del 7 giugno dalle ore 18 sarà possibile visitare la mostra di Valentina Restivo che rimarrà aperta fino al 27 giugno 2015. “ Valentina Restivo porta con se una galleria contemporanea di ritratti coloratissimi e di notevoli dimensioni. Una galleria o una carrellata di icone note e conosciute, che ritraggono i volti di scrittori, poeti, filosofi e autori teatrali vissuti nel diciannovesimo secolo e in quello trascorso. Sono i ritratti di personaggi che ‘abitano’ il nostro immaginario collettivo e che hanno contribuito a creare la cultura occidentale contemporanea.”

Per ulteriori informazioni: 

Biblioteca Labronica 0586 – 82.45.11 www.comune.livorno.it
Coop. Itinera 0586 – 89.45.63, www.itinera.info

Cenni storici – La Biblioteca Labronica inserita nel Parco di Villa Fabbricotti, merita infatti una grande storia da raccontare. Nata ufficialmente nel 1952 come biblioteca civica, ma inaugurata nella veste attuale nel giugno del 2003 dopo un importante intervento di restauro durato cinque anni, svolge la duplice funzione di biblioteca conservativa oltre che di pubblica lettura. I suoi preziosi fondi, consultati da storici e professori spesso operanti fuori dai confini locali, testimoniano il lungo percorso evolutivo con cui la biblioteca si è formata e documentano la storia di Livorno e la storia d’Italia tutta, attraverso opere manoscritte, pubblicazioni a stampa, cartoline dell’epoca e fotografie per un totale di circa 140,000 pezzi. Tra i piu importanti, si ricordano l’Encyclopedie di Diderot e D’Alembert, il Dei delitti e delle pene di Cesare Beccaria, gli originali autografi delle Grazie di Ugo Foscolo, l’Autografoteca Bastogi, lettere e documenti manoscritti di Giacomo Leopardi, la collezione bibliografica e iconografica di Oreste Minutelli comprendente oltre 4000 stampe iconografiche che testimoniano la nascita e l’evoluzione di Livorno.
Servizio essenziale per la vita sociale e civile della nostra città e presidio di democrazia fondata sulla libertà di espressione e sul confronto di idee, da alcuni anni la Biblioteca Labronica, che in primis raccoglie, organizza e rende disponibili i prodotti della creatività e dell’ingegno, opera d’altra parte in direzione dei giovani, promuovendo eventi e mostre di target non soltanto storico, ma anche e soprattutto contemporaneo, relazionando la memoria culturale del territorio con il presente, senza il quale appare irrealizzabile il futuro della nostra città.
Un luogo aperto, gratuito, alla portata di tutti, che attende solo di essere scoperto e valorizzato.
Il ritrovo è all’interno del parco, davanti al portone centrale dell’edificio. L’incontro avrà durata di un’ora e alla fine della guida sarà distribuita gratuitamente ai visitatori la tesserina con la quale prendere libri in prestito secondo i modi e le procedure che saranno spiegate nell’occasione.

 

Riproduzione riservata ©