Stipendi accreditati. Aperto numero verde

Mediagallery

Non si placano le polemiche per la notizia riportata da Quilivorno.it sullo slittamento degli stipendi di luglio ai dipendenti comunali. Il Fials, per bocca del segretario Saller, chiede un incontro (potete leggere la nota integrale qui sotto) al sindaco bacchettando il comportamento dell’assessore al personale. Intanto gli stipendi di luglio dei dipendenti comunali sono stati accreditati oggi, lunedì 28 luglio, con correzione della valuta al 25 luglio. Come spiega l’assessore al Personale Francesca Martini, dopo le polemiche dei giorni scorsi, “dagli approfondimenti appena conclusi anche nei confronti della Tesoreria, è emerso che il ritardo è da imputare esclusivamente ad un problema tecnico della banca. Il Comune ha tempestivamente inviato il flusso informatico relativo agli stipendi, pari a € 2.484.000,00 – precisa l’assessore – mentre la banca, a causa di un guasto tecnico, ha invece provveduto in ritardo, il 25 luglio mattina, a trasmettere i flussi per i bonifici che richiedono un giorno di elaborazione per essere disponibili, causando così lo slittamento dell’accredito”.
“Su nostro sollecito – informa l’assessore – è stato attivato un numero telefonico dedicato ai dipendenti comunali  qualora avessero patito specifici danni ed inoltre la banca sta provvedendo ad attivare un canale informatico diretto ed esclusivo per il Comune così da evitare in futuro situazioni del genere”.

La nota del segretario Uil/Fpl Comune di Livorno (clicca qui per leggere l’intervento integrale).

La nota di Riccardo Saller Segretario Fials/Csa Comune di Livorno – Sono ormai note le cause “ufficiali” che hanno determinato lo slittamento dell’erogazione dello stipendio di Luglio, e che possono essere state sufficientemente dettagliate per un comunicato stampa; non lo sono altrettanto per i lavoratori che, si sono trovati costretti ad affrontare, senza stipendio, un fine mese concomitante con il fine settimana, e perciò impossibilitati a riscuotere anche nei due giorni successivi a quello stabilito, che era venerdì 25.  Non solo, ma apprendiamo dalla stampa che “i soldi arriveranno regolarmente in settimana”. Secondo noi si stanno sommando i problemi:

– sull’episodio: il Dirigente del Personale, venuto a conoscenza del problema il venerdì mattina (ore 9,57 su nostra segnalazione), avrebbe dovuto convocare immediatamente le rappresentanze sindacali per fornire le informazioni più dettagliate e convincenti possibili;
– subito dopo, attivarsi con la “politica”, per una sua rapidissima soluzione.

Non possiamo seguire i tempi canonici delle banche: quella frase “i soldi arriveranno regolarmente in settimana” ci preoccupa, e molto! Circa l’80 per cento dei dipendenti riscuote cifre intorno ai 1200-1300 euro e molti di essi arrivano a fine mese con gli spiccioli! Chiediamo pertanto preciso impegno che ogni danno economico e giuridico causato da tale evento sia formalmente addebitato al responsabile (Tesoriere) che dovrà farsi carico degli oneri (interessi passivi sugli scoperti, procedure bancarie e relative soluzioni verso terzi per eventuali inserimenti in circuiti telematici di insolvenza) per chi aveva , nei giorni dal 26 alla effettiva disponibilità dei soldi, scadenze automatiche di addebito. Qualora lo stipendio non fosse disponibile sui conti da lunedi 28 cm mattina, chiediamo che la Tesoreria, e cioè la Banca, trovi il modo (in quanto banca) di anticipare immediatamente su tutti i conti dei dipendenti, almeno un quinto dello stipendio per soddisfare le esigenze minime di sussistenza, oltre a coprire senza oneri tutti gli addebiti automatici che ognuno di noi ha in scadenza nei giorni di mancata riscossione. Qualora l’effettiva disponibilità avvenga oltre il 31 luglio, chiediamo anche la proroga e/o i mancati addebiti per morosità, per il pagamento di tutti i tributi comunali, primo fra tutti quello della Tari. Chiediamo infine di essere ricevuti nella prima mattinata di lunedì per avere risposte alle nostre richieste.

Francesca Martini, l’assessore al personale – “Gli stipendi del mese di luglio verranno regolarmente pagati ai dipendenti comunali. Il Comune ha provveduto a contabilizzarli nei tempi stabiliti e ha già provveduto come di consueto a tutti i necessari adempimenti. Il ritardo segnalato è dovuto esclusivamente a un problema tecnico imputabile alla gestione dei flussi finanziari della Tesoreria (soggetto esterno al Comune che provvede all’accreditamento degli stipendi). Vista la gravità dei disagi causati ai dipendenti con la riapertura degli uffici, già lunedì verranno fatti i necessari approfondimenti e, in caso di responsabilità, verranno presi i relativi provvedimenti. Situazioni del genere non si devono più ripetere.

Ecco la mail trasmessa dall’ufficio personale del Comune – “Si informano tutti i dipendenti che per ragioni tecniche imputabili alla gestione dei flussi finanziari di competenza della Tesoreria, tuttora in via di verifica, gli stipendi del mese di Luglio non risultano ancora accreditati presso i vari istituti bancari. La tesoreria si è attivata per la regolarizzazione della valuta degli accrediti in data odierna e ci aggiornerà sugli sviluppi della situazione, di cui terremo prontamente informati tutti i dipendenti”.

Riproduzione riservata ©