I gabbiani al cimitero: “Fermiamoli”

Mediagallery

L’annosa questione dei molti, moltissimi gabbiani presenti in città non è certamente saltata fuori ieri. E non neppure una questioncina di poco conto se è scesa in campo addirittura l’Autorità portuale per provare a salvaguardare la Fortezza Vecchia (leggi qui) e se sul fenomeno vengono organizzati persino dibattiti (leggi qui). Oggi, però, sembra esserci un problema in più da fronteggiare. Quello della presenza dei volatili al cimitero dei Lupi. Una presenza sempre più numerosa e che con il passare del tempo si sta facendo invadente, tanto che alcuni lettori nelle loro segnalazioni alla nostra redazione parlano del camposanto come un luogo letteralmente “conquistato” in cui non mancano incontri ravvicinati. “Domenica mi sono recata al cimitero – racconta una signora – e sono stata attaccata. Un gabbiano mi è volato sulla testa a pochi centimetri, quasi come a volermi dire che avevo invaso il suo territorio”. “Se ne contano ormai a decine di gabbiani qui – prosegue u signore – hanno nidificato un po’ su tutti i tetti. Certo non sarà in cima ai problemi di un Comune ma spero che il sindaco possa interessarsi alla questione magari con una ordinanza”.

Riproduzione riservata ©