No alcol: mediatori artistici e stop vetro

E’ Notte di Qualità in Venezia per un divertimento giovanile più sicuro e sostenibile. E, come anticipato da Quilivorno.it, fino al 30 settembre, dalle ore 21 alle ore 5 del giorno successivo, sarà vietata la vendita di bevande da asporto in contenitori di vetro o in lattine

Mediagallery

Venerdì 1 luglio sarà riproposta la Notte di Qualità, il progetto regionale adottato dal Comune di Livorno per gestire il divertimento notturno giovanile.
Un gruppo di operatori sociali esperti ad intervenire nel mondo del divertimento notturno, accompagnati da mediatori artistici, in collaborazione con l’Unità di Strada di Riduzione del Rischio “Okkio Bimbi” dell’ASL 6, presidieranno il quartiere La Venezia con attività che, attraverso performance artistiche, intendono invitare i giovani frequentatori del quartiere a vivere la notte senza eccessi.
Si tratta di una sperimentazione, già introdotta la scorsa estate, che torna sul territorio livornese in quelle zone maggiormente interessate dalla movida.
La notte di venerdì 1 luglio sarà il quartiere La Venezia ad essere coinvolto nel progetto, ma la Notte di Qualità sarà riproposta anche nei prossimi mesi ed estesa ad altre zone cittadine come gli Scali Novi Lena, dove si registra una significativa presenza di giovani nelle ore notturne.
Il progetto Notte di Qualità, si ricorda, realizzato da Anci Toscana e coordinato da Toscana Comunità Accoglienza, con il sostegno della Regione Toscana, ha l’obiettivo di mettere in sinergia comuni, gestori di locali, servizi socio-sanitari e forze dell’Ordine per garantire a residenti, cittadini e giovani contesti di divertimento più sicuri e sostenibili. Il progetto si fonda dunque – ispirandosi tra l’altro ad altre esperienze di città europee – su politiche di mediazione, sensibilizzazione e prevenzione, attraverso la costituzione di tavoli permanenti di concertazione tra i vari soggetti interessati.

EFFETTO VENEZIA“Siamo felici – commenta la vicesindaco Stella Sorgente – di continuare anche quest’anno con il progetto “Notte di Qualità” che ci ha dato l’opportunità di avviare un percorso di confronto con gli esercenti, i residenti dei quartieri coinvolti e di poterci anche interfacciare con i giovani. Questi sono ovviamente gli attori principali con i quali è necessario stabilire un dialogo affinchè siano sensibilizzati nel rispetto del loro legittimo diritto di divertirsi verso buone pratiche che consentono di ridurre i conflitti e di contemperare tutte le diverse istanze dei soggetti interessati”. “ Una Notte di Qualità – aggiunge la vicesindaco – è un momento di gioioso rispetto per le proprie esigenze e per quelle degli altri”.

Non rientra nel progetto specifico “ Notte di Qualità” ma si affianca a questo nello spirito complessivo degli interventi a tutela della vivibilità urbana e della convivenza civile, il provvedimento che scatterà venerdì 1° luglio, sempre nell’ambito del CCN La Venezia e sugli Scali Novi Lena.
E, come anticipato da Quilivorno.it (leggi qui), fino al 30 settembre nella fascia oraria che va dalle ore 21 alle ore 5 del giorno successivo sarà vietata la vendita di bevande da asporto in contenitori di vetro o in lattine. I gestori dei pubblici esercizi che si trovano nelle zone sopraindicate dovranno somministrare le bevande da asporto fuori del locale solo in bicchieri di plastica o di carta.
“ Si tratta di un provvedimento – sottolinea l’assessore al commercio Paola Baldari – che mi auguro possa in qualche modo arginare episodi di vandalismo connessi all’abbandono di bottiglie di vetro nei luoghi frequentati dai giovani. Una misura preventiva, concordata con i commercianti, che abbiamo voluto adottare nei prossimi mesi estivi a tutela del decoro urbano ma anche dell’incolumità pubblica”.

Riproduzione riservata ©

22 commenti

 
  1. # Kristy

    Basterebbe un minimo di civiltà da parte dei frequentatori serali.

  2. # ivo

    MA SE NON C’È NEMNENO UN CESTINO IN TUTTO IL QUARTIERE ???

  3. # Massy

    Dove li buttiamo i bicchieri di plastica e vetro ???

  4. # StefanoL

    Dé!… di siuro ne’ fossi… tanto siamo deliatini…

  5. # Fox65

    Purtroppo è solo per una notte.

  6. # Marco

    De saremo anche deliatini, ma se un ci sono nemmeno i cestini… oltre che deliatini siamo anche un po’ scemini.

  7. # giulio

    ma i cassonetti dove sono? perchè è impossibile trovarne uno!!!

  8. # StefanoL

    Fino alle 21 lattine e vetro e dopo le 21 plastica… signori, siamo messi male! Purtroppo se non cambiano le mentalità metto tutto al pari dei biglietti attaccati nei bagni dei bar “Si prega di azionare lo sciacquone”… ma ci deve essere bisogno di scriverlo!?!? Comunque esorto il Comune a mettere più cestini per la spazzatura e di svuotarli più spesso, per non dare adito alla frase: “Dé, un c’è cestini , dove me lo devo stiocca’ “?…

  9. # Lorenzo65

    Cassonetti son stati levati: se volete gettar spazzatura, suonate a casa di qualche residente e gli fate la differenziata nei suoi bussola a domicilio.

  10. # al dolce

    tutti i locali hanno i contenitori.

  11. # morgiano

    Qualcuno mi può spiegare perchè fino al 30 settembre, da ottobre si pole insudicià a rota libera! Boh, ma come ragionano questi bei cervelli?

  12. # franco

    anche se i cassonetti sono oggettivamente scarsi non è una buona scusa.
    cerchiamo di essere un po’ più civili grazie.

  13. # paolo

    E dovete mette più cestini !!!!

  14. # paolo

    E dovete mette più cestini!!!

  15. # al dolce

    credo sia una prova per vedere come funziona la cosa e poi magari vedere come correggerla per il futuro.

  16. # Marco

    Si ragiona di Livorno…

  17. # LivorneseVero

    Deh levateci anche l’alcol…. Poi ci rimane davvero solo la miseria e la nostra stupidità

  18. # ElMoroSchietto

    Forse il problema potrebbe essere risolto con questa semplicità. I gestori dei locali dovrebbero servire qualsiasi bevande solo all’interno e non consegnare bottiglie e bicchieri visto il disagio esterno. Sarà un’attenzione troppo esigente?

  19. # GS

    A me mi sembrano più briai di quelli veri…

  20. # freefreee

    Livorno ! così è !

  21. # karl

    a quanto ammontano le sanzioni a chi non rispetta l’ordinanza?

  22. # quaspale

    Nello stesso posto dove li hai comprati!
    oppure vuoi la balia (da cui non ti sei ancora staccato) che te lo smaltisce al posto tuo?

I commenti sono chiusi.