Centenario, hai letto gli eventi?

I club hanno indetto due concorsi ed è in programma uno scambio europeo di gadget

di rcampopiano

Mediagallery

Da una parte c’è il Livorno che sta lottando per tornare nel calcio che conta, dall’altra c’è una città intera che non aspetta altro l’arrivo di febbraio per poter festeggiare il centenario della società (leggi qui del rinnovo di Lambrughi fino al 2017clicca qui per leggere le parole di Spinelli sullo stadio e sulla festa in programma per il centenario). Già, l’anno prossimo i colori amaranto festeggiano cento anni e per l’occasione è in programma una maxi festa. Non sono molte le squadre che in Italia hanno raggiunto un traguardo simile e questa è una cosa di cui andare fieri. Ai festeggiamenti parteciperanno in maniera attiva anche i club organizzati e i ragazzi della curva Nord. E nell’attesa che venga ufficializzato Quilivorno.it è in grado di svelarvi alcuni particolari. A cominciare dalla data e il luogo dell’evento.

Data e luogo – Nei giorni scorsi si è svolto un tavolo al quale hanno preso parte i club amaranto, gli organizzatori dell’evento e i ragazzi della curva Nord. Come location è stata chiesta la disponibilità al PalaModigliani per il 14, 15 e 16 febbraio 2015. La data ovviamente non è casuale. Il 14, infatti, dalla fusione di Virtus Juventusque e la SPES Livorno, nacque l’US Livorno.

I club a lavoro – Ieri sera, 8 ottobre, c’è stata una riunione tra i club amaranto alla quale erano presenti: il Porto, Magnozzi, lo Stua, il Campanile, Atl, Agip “Gino Merlo”e Vada “Igor Protti”. Assente Milano Amaranto che comunque è stato aggiornato su tutte le decisioni prese. Sono state confermate le nostre anticipazioni sulla mostra fotografica e il maxischermo con i video che riproporranno la storia del Livorno. Inoltre i club hanno deciso di indire un concorso tra le scuole primarie per premiare il miglior disegno sul centenario; lo stesso verrà fatto tra tutti i pittori livornesi (miglior quadro). I due lavori vincitori saranno esposti al PalaModì. Sono già iniziate le consultazioni per la scelta delle commissioni. I club poi vorrebbero che si svolgesse una partita di calcio di rappresentanza a Villa Chayes (storico primo stadio della società), ma c’è ancora da trovare l’accordo con l’Accademia navale, ma non ci dovrebbero essere problemi. Per esportare il marchio Livorno calcio in tutta Europa, saranno fatti venire dei collezionisti di gadget da tutto il continente per uno scambio con i nuovi articoli che verranno realizzati in vista del centenario. Ultimo, ma non per importanza, la volontà di portare a Livorno qualche personaggio “storico” per serate a base di cabaret e musica.

Le altre iniziative – In questi tre giorni, all’interno del PalaModì verrà ripercorsa l’intera storia della società, dalla sua nascita fino al recente passato, con una mostra in cui saranno esposte tutte le foto storiche del Livorno e i cimeli (simile a quanto fatto all’Ipercoop per i dieci anni di attività del centro commerciale). Un maxischermo, attraverso immagini e video, ripercorrerà i momenti più importanti di questi cento anni amaranto. Inoltre è allo studio un marchio da apporre sulle nuove maglie che i calciatori indosseranno in quel periodo. Prevista poi la premiazione con una medaglia di alcuni giocatori: i nomi sono tantissimi e molti devono ancora dare la conferma. Tra quelli che hanno già accettato figurano Grauso e Pfertzel. Non è naturalmente esclusa la presenza di due bomber come Igor Protti e Cristiano Lucarelli.
I club organizzati premieranno Spinelli come “presidente più importante nella storia del Livorno”. I ragazzi della Curva hanno invece in mente di allestire un ring in cui far esibire il campione Lenny Bottai in un “match del centenario”. E’ inoltre in programma una serata musicale. L’ingresso agli eventi distribuiti nei tre giorni dovrebbe essere gratuito in modo da coinvolgere il maggior numero di persone. Stando a quanto appreso, il via libera al programma da parte del presidente Spinelli è atteso per la prossima settimana.

Riproduzione riservata ©