“Scooterlandia, serve un nuovo piano del traffico”

Mediagallery

Lo scooter è mio e guai a chi me lo tocca! Secondo la classifica di Legambiente pubblicata sul Sole 24 ore (leggi qui l’articolo), Livorno è prima in classifica tra le città italiane per affollamento di motorini: ne circolano ben 26 ogni 100 abitanti, mentre a Foggia – per esempio – solo 5 ogni 100 abitanti. Ricordo che gli ultimi studi hanno dimostrato che uno scooter a due tempi inquina come cento automobili, con preoccupanti emissioni di sostanze tossiche come il benzene. Ovviamente, direi di conseguenza, Livorno è tra le ultime in classifica per la sicurezza stradale (alto numero di incidenti, anche mortali) e per l’estensione di aree pedonalizzate, con un solo miserabile metro quadro per abitante contro i quasi 40 di Reggio Emilia, nonostante Confcommercio ribadisca che nelle zone pedonali sale il fatturato del commercio, del turismo e il valore degli immobili.
Questi dati certificano inequivocabilmente quanto poco (niente!) sia stato fatto in questi anni per la mobilità sostenibile, la vivibilità e la sicurezza urbana, la lotta all’inquinamento e al degrado: viviamo in una città sporca, velenosa e pericolosa, dove il trasporto pubblico va avanti per inerzia e le politiche virtuose si sono sempre fatte per finta. Come presidente della commissione viabilità feci il diavolo a quattro contro i nuovi parcheggi in centro e le ridicole “semi”pedonalizzazioni, ma finii nel tritacarne: cacciato dalla maggioranza dopo che mi rifiutai di approvare “Pensiamo in grande”, che ha aggiunto nuovi parcheggi di prossimità e squarciato una ZTL che era già un colabrodo.
L’Amministrazione adesso è cambiata, perciò mi aspetto una svolta radicale, in ossequio alle promesse elettorali ma soprattutto al buon senso. Spero non si facciano intimidire da una possibile momentanea impopolarità e che non rimandino tutto alle calende greche, aspettando l’araba fenice del nuovo piano del traffico, perché sulla mobilità Livorno non può più continuare ad essere la vergogna d’Europa.

Andrea Romano – Resistere/Azione civica

Riproduzione riservata ©