“Non siamo numeri, vogliamo un futuro”

Mediagallery

Riportiamo di seguito la lettera inviataci dai lavoratori della People Care di Guasticce dopo l’esito (amaro) della riunione dei giorni scorsi fra azienda e istituzioni (leggi e guarda qui foto e video della protesta sotto al Comune).

La lettera – Siamo in attesa di un miracolo che ancora ci faccia credere… 12.40 buongiorno sono… 89.24.24 buongiorno sono… Barbara, Francesca, Alessio. Siamo 450 operatori , prendi un nome a caso e comunque caschi in piedi. Ogni nome rappresenta un passato, un presente, una famiglia, una storia. Siamo personaggi invisibili, che per 10 anni hanno lavorato nell’ombra per far crescere e guadagnare un’azienda che ora ci ha voltato le spalle. Come un bambino si stanca di un giocattolo e lo mette via senza possibilita’ di riciclo, cosi’ e’ stato fatto con noi. Non ci e’ stata data nessuna possibilita’ di appello. Siamo stati insultati, visti come numeri, la nostra dignita’ calpestata, siamo stati visti come niente.
Mi e’ stato insegnato di lottare per quello che voglio e in cui credo e che alcuni modelli e ideali sono imprescindibili. Oggi scopro con amarezza che non e’ vero, che l’unica cosa che conta e’ il dio denaro e che tutti siamo sostituibili.
Si perche’ ormai sappiamo con certezza che il nostro lavoro verra’ portato via e dal 1 giugno lo svolgeranno in Albania.
Ho dovuto anche capire che lavorare in un’azienda oggi non e’ come lavorare in un team, ma che invece rappresento un peso e maggiore e’ il mio know how e la mia esperienza, maggiore e’ il fardello che io rappresento.
Cosa vogliamo? Un futuro, una possibilita’ di riscatto, ma soprattutto visibilita’ per non doverci sentire finiti.
Siamo persone diplomate, laureate.. ci dicevano studiate perche’ li’ e’ il futuro. Quale futuro? Elemosiniamo aiuto da chiunque possa darcelo, per un minuto di visibilita’ che possa permetterci di uscire dall’ombra e tentare l’ultima nostra possibilita’ di salvarci prima della chiusura definitiva. Vorremmo che la dignita’ ci venga restituita perche’ offesa da chi per 10 anni ha lucrato sulle nostre spalle. Chiediamo aiuto a chiunque possa in qualche modo perorare la nostra causa e portare a conoscenza la societa’ a livello nazionale e mettere sotto i riflettori quello che questa amministrazione aziendale scriteriata sta facendo. Ci rivolgiamo a tutti, semplici cittadini, istituzioni, che gia’ sono al nostro fianco da dicembre, personalita’ note, a tutti nessuno escluso, perche’ la parola fine ancora non possiamo vederla scritta da nessuna parte.

Lavoratori People Care Livorno

Riproduzione riservata ©