Spinelli: “Della Valle? Erano parole a caldo, non le direbbe più. Vicini a Rossi ma era un “normale” fallo”

Mediagallery

BOTTA E RISPOSTA TRA TIFOSI NEI COMMENTI – LEGGI QUI

LE ULTIME SUL MERCATO – LEGGI QUI

Le polemiche intorno al caso Rinaudo-Rossi non accennano a placarsi. Neanche l’esito degli esami a cui il calciatore viola si è sottoposto hanno rincuorato i tifosi gigliati (l’attaccante dovrà stare fermo 6/7 settimane) che continuano ad avercela con il difensore amaranto Rinaudo. Le parole di Della Valle: “E’ un farabutto” non hanno certo aiutato a distendere il clima. A provare a fare da paciere ci ha pensato Spinelli. Raggiunto telefonicamente da Quilivorno.it il presidente ha voluto dire la sua su questa vicenda: “Ho chiamato sia Rinaudo che Pradè per esprimere la mia solidarietà ad entrambi. A quest’ultimo ho detto che sono vicino a Rossi, ma ho anche spiegato come di falli del genere ne succedono a centinaia in ogni partita. Rossi è un giocatore importante e spero che si riprenda il prima possibile. A Rinaudo invece ho detto che tutta la squadra e la società sono dalla sua parte. Ho rivisto le immagini in tv più e più volte e posso dire che non mi è sembrato un intervento cattivo. Le parole di Della Valle? Sono cose che a caldo si possono dire e penso che già poco dopo il suo pensiero sarebbe stato diverso”.
Per quanto riguarda il mercato, Spinelli continua con la sua linea: “Se ne occupano i due direttori sportivi, parlatene con loro”. E sulla situazione di mercato trovate un articolo a parte in home page.

2 Fan page su Rinaudo – Dopo quanto successo in questi giorni con un acceso botta e risposta tra tifosi nei commenti all’articolo (leggi qui) su Facebook sono spuntate la pagina “Io sto con Leandro Rinaudo” e “Leandro Rinaudo uno di noi”. Tuttavia, il fondatore di quest’ultima pagina ci fa sapere con una mail alla nostra redazione di aver ricevuto minacce di morte da un fiorentino (evitiamo di pubblicarle poiché dai contenuti volgari).
Precisiamo, infine, che l’autore non è lo stesso della pagina “Io sto con Davide Nicola”, lanciata a inizio dicembre per difendere il tecnico dai dubbi del presidente Spinelli dopo il ko di Verona con il Chievo (3-0). E il fondatore della pagina su Rinaudo scrive: “Ora basta col processo mediatico contro Rinaudo! Dispiace a tutti che Rossi si sia fatto male, ma dare colpe inventate a questo ragazzo non consente a Pepito di guarire. Facciamo sentire la nostra solidarietà a Leandro!”.

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # alla frutta

    Chiellini, dopo il fallo di De Rossi cosa doveva dire? È che Chiellini non si è fatto niente ma il fallo era cento volte più brutto di quello di Rinaudo. Purtroppo è un dato di fatto, i Fiorentini sono chiagnoni.

  2. # Antonella R.

    Peccato che prima della nostra pagina fan ne sia nata un’ altra gravemente offensiva ” Rinaido uomo di m.” .Segnalata agli amministratori di FB , la risposta e’ stata che non viola i loro standard.

  3. # tifoso stagionato

    io sto con Rinaudo , onesto giocatore di pallone e non con i Della Valle…

  4. # Livio

    Diciamo la vera VERITA’ il giocatore ROSSI, con tutto il rispetto E’ ROTTO e basta uno STARNUTO che si RI-ROMPE….Per carità stiamo con i piedi per terra e non diamo adito alle solite “Chiacchiere da bar”………………..

  5. # Rosetta

    Penso che quando si viene in serie A un minimo di gioco ci deve essere e non si possa chiamare gioco tirare solo pedate perdere tempo fin dal 1° minuto sui falli laterali, sulle rimesse del portiere ecc… Il gol del Livorno non è stato annullato in quanto il giocatore non doveva neanche tirare perché l’arbitro aveva già fischiato infatti è stato ammonito. Il fallo è stato intenzionale nel senso di voler fermare ad ogni costo il giocatore e pertanto dopo non si inveisce contro tutti ma si DEVE chiedere scusa. Inoltre poiché la palla è tonda invece di tirare pedate tutta la partita il Livorno poteva anche provare a giocare non si sa mai cosa può succedere al limite avrebbe perso come ha fatto. Per questo penso che l’allenatore e i giocatori del Livorno non siano da serie A.

  6. # Orfeo

    Cara Rosetta si è da serie A quando l’anno precedente si viene promossi dal campionato di B… questa regola non la sapevi?
    poi con i pochi mezzi si prova a fare il proprio dovere senza drammi
    e la mancanza di rispetto dei cugini più ricchi non deve essere confuso con un normale sfogo momentaneo

  7. # Rosetta

    L’unico che ha mancato di rispetto umano e sportivo non è stato il cugino ricco ma il giocatore che non solo si è disinteressato dall’avversario a terra ma ha inveito contro tutti ed alla fine ha anche trovato scuse per non essersi scusato. La regola la conosco e ti dirò che sono stata molto felice di vedervi tornare in A però in campo ci si deve comportare in maniera diversa e non trovare alibi per i propri errori.

  8. # Orfeo

    dare del farabutto a casa mia è mancare di rispetto
    casomai chi si è comportato da vero signore questa volta è stato proprio Spinelli

  9. # fox65

    rosetta sei acida e io so perchè

I commenti sono chiusi.