Pd, De Filicaia si dimette. Ruggeri al 47%

Mediagallery

di Ilaria Boldrini

C’è tensione, ma non fermento, nella sede del comitato Pd, in piazza Grande, dove si attendono i primi risultati dello spoglio delle schede elettorali provenienti dai 172 seggi cittadini.
Dopo decenni di storia politica cittadina, che ha visto in mano alle forze di sinistra e di centro-sinistra, l’amministrazione comunale di Livorno, arriva un inedito e storico ballottaggio tra Pd e M5S (clicca qui per leggere l’attesa in casa M5s e la vittoria di Nogarin), finiti a nuove elezioni dopo la fatidica data del 25 maggio, che ha visto il centro sinistra raggiungere il 39,98% e il Movimento di Grillo raccogliere il 19,01%. Alle 23.25 arrivano i primi dati numerici e percentuali relativi ai voti espressi per i candidati alla carica di sindaco. A 12 seggi scrutinati su 172, Ruggeri è al 43,31% contro il 56,69 di Nogarin. Alle 23.44, sembra che ci sia una leggera rimonta del candidato del Pd, che sale al 45,48%, rispetto al 54,52% del candidato pentastellato. Se dovesse vincere il Pd di Marco Ruggeri, nell’aula consiliare del Palazzo civico, di 32 consiglieri comunali, ne entrerebbero 19 del Pd, 5 del M5S, 3 di BL, 1 della Sinistra unita per il lavoro, 1 Fi, 1 Fdi-Lega Udc, 1 Città Diversa e 1 di Sel. Viceversa, con una vittoria del grillino Nogarin, ci sarebbero soltanto 7 consiglieri Pd, 3 di BL, 1 di Città Diversa, 1 di Fi e 20 del M5S. Un rinnovamento epocale del consiglio comunale. Sale la tensione intorno alle 23.51 quando, con un totale di 96 seggi scrutinati su 172, Ruggeri ha ottenuto 16.955 voti, mentre Nogarin 19.625.
Giorgio Kutufà, presente nella sede del partito, afferma sommesso che, secondo alcuni calcoli, Ruggeri sta perdendo come numero di voti, anche rispetto alla precedente tornata elettorale. Valter Nebbiai, Assessore alle Risorse Economiche e Finanziarie, si dice sconcertato, sostenendo che già dopo un terzo dei seggi scrutinati era possibile prevedere la sconfitta del candidato sindaco del Pd. Tra le persone presenti, c’è anche chi afferma che Ruggeri non abbia tenuto i contatti con Matteo Renzi, utili per essere sostenuto nella campagna elettorale.
Alle 00.23 la partita è veramente persa. Rispetto a Nogarin Ruggeri è ormai sotto di 3920 voti con 169 seggi scrutinati su 172. Alcuni sostenitori grillini, passando davanti alla sede del Pd gridando: “Tutti a casa, abbiamo vinto noi”. Basiti i presenti. Alle 1.15 circa Marco Ruggeri esce dal palazzo comunale accompagnato da alcuni fedelissimi. Fuori, una folla accalcata di elettori del M5S e molti poliziotti, attendono l’arrivo di Filippo Nogarin. All’uscita da Palazzo Comunale Ruggeri, avvilito e stanco, viene ripetutamente offeso e qualcuno che tenta di avvicinarsi in modo minaccioso, è subito fermato dalla polizia. Il passaggio di consegne è avvenuto. Nogarin vince con una percentuale del 53%. Livorno ha il suo nuovo sindaco e il M5S dovrà presto dimostrare, con una maggioranza assoluta in Consiglio Comunale, di saper governare una città che ha mostrato di volere un cambiamento radicale che è sicuramente arrivato.
Dopo la sconfitta del Pd, il segretario comunale Yari De Filicaia ha presentato le dimissioni.

 

Riproduzione riservata ©

101 commenti

 
  1. # max70

    Ringrazio moltissimo il Sig. Cosimi ed il Sig. Ruggeri che con degli autogol clamorosi ci ha permesso di cambiare la storia di questa città

  2. # ugo

    LIVORNO LIBERATA!!!!! GRAZIE M5S

  3. # arianuova

    E ora giù anche tutto l’apparato politico che ha distrutto la nostra città

  4. # Riccardo

    E ora iniziamo a levare i dirigenti incompetenti. Grande nogarin

  5. # Stefano

    Ora, se sei un uomo, mantieni la promessa data: ti dimetti da consigliere regionale rinunciando a 13mila euro il mese e ti metti a fare il consigliere comunale. Tanto a fine mese c’arrivi lo stesso un ti preoccupare

  6. # Luca

    Anche nella nostra città settanta anni di dittatura rossa sono finiti, questo basta e avanza.
    Speriamo ora di avere risposte concrete dai nuovi amministratori, certo fare peggio di chi li ha preceduti e’ difficile……

  7. # cheetah

    Ruggeri si presentava male sin dall’inizio. Che slogan è: cambiamento con la continuità ? Troppo ambiguo: o si cambia, o si continua ! Inoltre è impacciato nel parlare in pubblico, non ha carisma. Non era un buon candidato. Auguri a Nogarin, vediamo che sai fare. Abbiamo finalmente bisogno di un vero cambiamento a Livorno.

  8. # ugo

    SIGNOR RUGGERI DI CHI E’ LA COLPA UN CI INTERESSA. L’IMPORTANTE E’ CHE ABBIATE PERSO….FINALMENTE!

  9. # Alla Frutta

    No Ruggeri te non c’entri. Il tuo predecessore ci ha obbligato a cambiare strada. Auguri sinceri perche mi stai anche simpatico.

  10. # jobbee

    Marco Ruggeri, LA COLPA NON è TUTTA TUA.Anzi la vera colpa è del Pd Livornese che ha governato e detenuto il potere con arroganza, allontanandosi dai cittadini. ORA è il Punto e a Capo!!!! Dovete lavorare con umiltá x ripartire. IL PD Nazionale si occuperá di Rottamare e allontanare i Colpevoli che ieri si sono nascosti dietro di te.

  11. # Vento di Libeccio!

    E fu così che il PCI-PDS-PD, dopo un monopolio perdente, che durava ormai da 70 anni e che aveva portato al degrado la nostra Livorno, è stato finalmente mandato in pensione!!!

  12. # Alessandro

    Io c’ero, non mi risultano minacce a Ruggeri. Se ci sono state sono sicuramente da condannare, ma si sa, la mamma dei cretini è sempre incinta.
    Ruggeri ha pagato l’andare a braccetto con la vecchia nomenclatura del PD. Punto e a capo e poi si faceva vedere in giro con i soliti noti. La marchetta della riduzione dello stipendio del 16% poi, per non parlare della Cacciatori riesumata per fare consensi. Una tragedia.
    Dilà invece, si parlava di normalità, di onestà, di cambiamento, vero stavolta. Siamo riusciti a convincere una parte dei Livornesi, adesso dobbiamo lavorare per dimostrare tutto quello che abbiamo sostenuto fino ad ora. Forza Sindaco, non deluderci.

  13. # sirvia

    CONCORDO

  14. # mauro

    Occhio con certe affermazioni, perchè al peggio non ci sono limiti!!!

  15. # Stefano

    stento ancora a crederci, sono troppo felice !
    dove sono i vari azzizze e Andrea Z !?
    vorrei dir loro che sto continuando a festeggiare nonostante le loro gufate !
    ahahahhahahhahah

  16. # Livio

    NO RUGGERI non è colpa tua bensì dell’IMMOBILISMO di questa CLASSE DIRIGENTE che in 70 (Settanta) anni ha DISTRUTTO TUTTO E NON HA SAPUTO COSTRUIRE NIENTE………….
    Giaovani allo sbando, mancanza di lavoro, cultura, iniziative, imprenditorialità…..POI CI SI VANTA SU ALTRE CITTA?…Per carità sono della stessa parte e politica…..

  17. # Ferdinando

    La Colpa è di questi 70 anni di immobilismo, do mancanza di lavoro, di cultura, di voler bene a Livorno, …Siamo pieni di VAGA…BONDI…..

  18. # franco 52

    I LIVORNESI HANNO DIMOSTRATO UNA MATURITA’ INASPETTATA VOTANDO NON TANTO IL SOLITO PARTITO MA UNA NUOVA IDEA DI FARE POLITICA E DI FARLA INSIEME.

  19. # fulvio

    Ruggeri, la colpa della svolta non è tua ma del P.D. che con la propria dittatura rossa è riuscito ha distruggere Livorno, grazie anche a tanti cittadini con i paraocchi che continuano a votare P.D. solamente perche lo votava il babbo !!!!!!!!!!!!
    Complimenti e buon lavoro al nuovo sindaco .

  20. # io

    dittatura?
    io ho sempre votato liberamente…. magari te non lo so, ma non mi ricordo di schede precompilate o militari che ti obbligano a mettere la x in un simbolo preciso, è possibile che abitiamo in posti diversi.
    Qui stiamo parlando delle elezioni comunali di Livorno-Toscana-Italia

  21. # illy

    Ruggeri stai tranquillo che alla fine te non c’entri più di tanto in questa disfatta del PD, sei stato utilizzato come agnello sacrificatore ma ti conveniva rimanere in regione!
    Livorno ha voluto un cambiamento perchè gli ultimi 10 anni di Cosimi hanno distrutto la città. adesso il PD se è furbo (ma ne dubito a questo punto) elimina tutta la classe dirigente che ha contribuito e spalleggiato questo sfacelo… ROTTAMARE dovrà essere la parola d’ordine a partire dal segretario provinciale a tirare in giù….. in caso contrario rimarrete nell’oblio per molto molto tempo perchè i livornesi si sono svegliati finalmente!

  22. # io

    concordo, anche se forse non hanno capito bene, parlano di campagna elettorale sbagliata…………….tristissimo

  23. # NewLivorno

    Il Pd ha distrutto la Livorno industriale, non ha costruito una città basata sui servizi e turismo. Ruggeri paga gli errori di un partito arrogante, sottomesso ai poteri forti e che non contava niente ne in toscana ne a livello nazionale. Questo è il risultato del malessere della gente che, sordi, non si è voluto ascoltare. Adesso punto a capo, vuotare gli armadi dagli scheletri e ridiamo dignità e lavoro alla nostra magnifica città.

  24. # arcibiade

    Completamente d’accordo con “cheetah”il Ruggeri è ambiguo e incoerente,pilotato dalla vecchia corrente e con idee non sue.Prima ha dato la colpa dell'”operato” alle vecchie giunte poi a sconfitta raggiunta ha ritrattato ed ha detto è solo colpa mia.

  25. # Simone

    Caro Ruggeri adesso devi tornare a fare i turni in Raffineria….quindi a lavorare…..questo se sei un uomo di parola………

  26. # chico

    Premetto che ho votato 5 stelle. evviva! detto questo non sono d’accordo con quelli che gettano nella spazzatura 70 anni di PCI e seguenti. Negli anni della speculazione edilizia sfrenata che caratterizzava le giunte bianche, le giunte rosse riuscirono a dare spazio e risorse per la costruzione di migliaia di alloggi popolari. Inoltre l’abusivismo edilizio che da altre parti ha costituito spesso oltre il 50% delle nuove costruzioni, a Livorno si è visto in misura molto marginale, e mi fermo qui ma potrei aggiungere ancora molto.

  27. # ugo

    MA COSA CE NE FREGA DI CHI E’ LA COLPA……..

  28. # Nephi

    Godo godo godo !!!!!! Finalmente liberi dal PD !!!!!!

  29. # pierluigi

    Meno male che almeno ha capito che ha sbagliato forse ha anche capito che il colpo di grazia se lo è dato con l’idea Cacciatori che gli fatto perdere una parte dei voti da parte di chi lo aveva già votato! Complimenti

  30. # Ephraim Pepe

    Caro Ruggeri, ci sono molte colpe, tue, ma non solo:
    – Colpa di Cosimi che non ha fatto nulla di buono in 10 anni, e le sole cose che ha fatto le ha fatte col dissenso della città
    – Colpa tua che non hai impedito che Cosimi facesse scelte impopolari, ma che forse erano scelte che a te piacevano
    – Colpa di una caccia al sindaco che ha visto dire al PD diversi “NO!”
    – Colpa degli alleati scelti, inconsistenti e in parte sudditi del PD
    – Colpa del PD nel presentarti come il nuovo: con i ruoli che hai ricoperto saresti stato “l’attuale che avanza” e quindi non eri credibile nel ruolo che tisei disegnato
    – Colpa della tua campagna elettorale lontana dalla gente
    – Colpa dei tuoi alleato che hanno fatto una campagna elettorale incentrata nello screditare Raspanti, perché giustamente ad un ballottaggio con Andrea, non ti avrebbe votato nemmeno tua madre
    – Colpa tua che in campagna elettorale hai seguito chi provava a screditare Raspanti
    – Colpa dei tuoi rappresentanti di lista che cercando di influenzare il voto si sono presentati con il cartellino “Ruggeri sindaco” (fatto tagliare immediatamente) e che si sono prodigati nella distribuzione di santini del PD facendosi ammonire più volte dalle forze dell’ordine
    – Colpa tua e di Ghirarducci che il giorno stesso dello spoglio del primo turno avete chiesto subito i voti a Raspanti dopo averlo infamato per tutta la campagna elettorale
    – Colpa di Simone Lenzi che ha provato a “sedurre” il Nuovo Teatro delle Commedie ed il circolo Don Nesi (entrambi schierati con Buongiorno Livorno) con promesse di finanziamento
    – Colpa di Cristina Grieco, forse non proprio apprezzata nel ruolo che ricopre attualmente
    – Colpa nel dare dei fascisti a tutti, per poi fare il nome della Cacciatori, ex militante in una lista di appoggio del PDL
    – Colpa di Renzi che per due volte ha promesso di venire, ma che poi “ha avuto degli impedimenti” e non è potuto venire… perché il PD di Livorno è rimasto Bersaniano e Cuperliano e vuole che la sua dirigenza cambi totalmente

  31. # fabio:59

    Marco, l’unica tua colpa, se voui dartene una,è quella di aver accettato la candidatura visto che sei apparso come un ripiego. Hai fatto tutto il possibile per evitare il risultato prevedibile già da oltre due anni grazie alla guida di Yari e Samuele rispettivamente di Comunale e federazione. Samuele si è salvato per il rotto della cuffia solo perchè era candidato a Cecina (a località invertite si avrebbe avuto te sindaco di Cecina e lui trombato a Livorno. E si che Yari, quando in città si è iniziato a parlare di conferenza programmatica (quasi tre anni fa) gli era stato detto senza mezze misure che si sarebbe perso e che cinque anni fa non avevamo avuto questo risultato grazie alla scelta assurda del candidato sindaco della destra. Non hai perso te…

  32. # mau

    Inutile ragionare lo scacco matto al pd ė stato dato da raspanti…altrimenti non vinceva mai

  33. # andobaldo

    Non è neanche colpa di Ruggeri. A parte il fatto che non ha mai suscitato quel consenso necessario per diventare Sindaco, ritengo che la colpa principale sia del PD provinciale, colpevole di essersi ritenuto più forte dello scontento dei cittadini malamente amministrati nel corso degli ultimi 20 anni.
    Chi è causa del suo mal pianga se stesso.

  34. # ugo

    UN GLI DA TANTE SPIEGAZIONI LI POTREBBERO SERVI PER LA PROSSIMA

  35. # MarcomX

    Anch’io non ho mai visto fucili puntati e votavo a sinistra oggi ho votato Nogarin ,come sempre per libera scelta. Le dittature sono altro non scherziamo

  36. # Leonardo Meis

    Livorno, roccaforte del fascio fino ad un 26 aprile di 70 anni fa, ritorna alle origini.da cambiare sono i livornesi, abbronzati mechati catenati, lettori di gazzette e politologi dalle baracchine biancorosse

  37. # Baccio

    Sono troppo felice sono finalmente riuscito a vedere realizzato un sogno.Un grande ringraziamento a Filippo Nogarin che si è battuto in prima persona, a tutti gli amici del M5S che da veri volontari si sono impegnati in questa campagna, e un grande ringraziamento a tutti i livornesi che si sono tolti il bollino di pecoroni pronti a votare chiunque decidesse di candidare il partitone, questa volta hanno dimostrato maturità politica e capacità di scelta. Forza Filippo ce la faremo a far risorgere questa città

  38. # Stefano

    no no, ha perso anche Ruggeri !!!
    mai incisivo, mai concreto, pieno di slogan inutili e vuoti, strafottente addirittura….con un candidato sindaco “decente” forse il PD avrebbe vinto anche stavolta nonostante i decenni di malgoverno.
    inoltre non ci scordiamo che con Cosimi c’era anche lui nella classe dirigente quindi le colpe vanno divise equamente

  39. # Gini Rossi

    Non è questione di colpe, ma pittosto è una questione di anacronismo.
    la gente è stufa delle logiche di partito, delle corporazioni e delle false novità.
    certamente anche de filicaia non ha aiutato ruggeri. Ha subito accusato chi non voto pd di essere fascista…alla grazia del punto e a capo

  40. # Luca

    Colpa, colpa, colpa ma non viene in mente a nessuno che forse i cittadini si sono semplicemente resi conto che quel partito ha lentamente e inesorabilmente devastato l’economia locale favorendo solo gli interessi di pochi sostenuti dall’ignoranza di molti?

  41. # amaranto67

    era l’ora max… detto questo stanotte ho assistito sulla TV cittadina ed ho visto il signor cosimi fare gli auguri al nuovo sindaco e porsi come se lui non ci incastrasse nulla con la sconfitta del pd, l’ho visto mettersi a disposizione per dare consigli (siamo der gatto) ..poi è venuto il signor Ruggeri, poverino pareva n’avessero rubato la pensione… bianco cianotico… disorientato e sorpreso, probabilmente non se lo aspettava nemmeno lui… m ha fatto anche compassione, s è assunto la responsabilità di una sconfitta di cui non è artefice, la gente non ha votato contro Ruggieri ma contro il Pd contro i suoi approfitti, contro l occupazione sistematica di ogni carica cittadina ( e con una dirigenza del comune fatta di uomini messi li dal Pd dovrà scontrarsi il Nogarin) contro il suo essere tutt’uno con i poteri economici della città… speriamo ora cambi davvero qualcosa, Nogarin lo sa, tutti lo guardano e aspettano al varco… noi che l’abbiamo votato per primi.

  42. # Libero1

    Sig ruggeri, dove era lei quando I suoi colleghi di partito distruggevano la citta? Perche non ci prendeva le distanze subito invece di aspettare di essere la quarta scelta a candidato sindaco?

  43. # Il Moralizzatore

    Ma veramente dopo gli scandali expo e mosè, qualcuno nel pd pensava di vincere? Gli lettori del pd schifati sono andati al mare e hanno fatto bene. Adesso ruggeri si prende tutta la colpa, ma lo sanno anche i muri che la colpa è di tutta la politica ladrona e corrotta.

  44. # Il Moralizzatore

    Perchè l’ideona di far pagare un euro ai turisti, prima ancora di averli?

  45. # Libeccio

    Hai pienamente ragione, Ruggeri era impresentabile e non ha fatto altro che fare affermazioni e dopo due minuti dire il contrario.
    Ora, se è un uomo di parola, deve tornare a lavorare…..ma tanto lo sappiamo che non lo farà….lui è un politico e il lavoro è faticoso….meglio stare seduti su poltrone di consigli vari…… Vediamo se ci smentisce ma non ci credo

  46. # piero 49

    GRAZIE SIG COSIMI E COMPAGNIA CI AVETE FATTO PERDERE 70 ANNI DI STORIA DELLA SINISTRA LIVORNESE

  47. # Deluso

    Risultato di due anni da parte del partito che anziché sostenere l’amministrazione ha contribuito sempre a dargli contro.
    La direzione a partire dal Segretario deve trarne le opportune conseguenze e farsi da parte.

  48. # luciaa

    A Livorrno si dice ” l’ hai presa di nidio la cenciata “ma non è colpa…

  49. # corinna

    Sì ma quanta demagogia! Bastava che ci fosse ir simbolone nostro della farce e martello e andava bene pure che rubassero si chiudeva tutt e due l’occhi. Tanto n’hanno fatte poino di porcate via Livolno! In quer senso è finita la dittatura e s’apre l’occhi e si vota sulla base dei programmi e non sull’ideologia che ci siamo rimasti artro che noi a fassi piglià per il culo cor comunismo, ir fascimo e la demograziagristiana!

  50. # corinna

    Dè intanto luilì il lavoro ce l’ha, ir mi figliolo no!

  51. # amaranto67

    maturità? è la fame caro franco.. solo con la miseria e la fame si puo sovvertire il voto ideologico…

  52. # sax

    QUANTA GIOIA HO LETTO ……E QUANTO DISPREZZO HO LETTO……EPPURE UNA COSA NON MI TORNA….MA NEGLI ULTIMI 20 ANNI CHI HA VOTATO A FAVORE DI COLORO CHE STAVOLTA VANNO KO.
    LA VERITA’ E CHE IL VOTO NON E’ UN INVESTIMENTO MA UN PREMIO O UNA PONIZIONE DA ASSEGNARE A CHI HA LAVORATO BENE O MALE….

  53. # paolino

    Nogarin…benvenuto a questa svolta ora no all’ospedale nuovo montenero sta bene cosi

  54. # # paolino

    Primo obiettivo NO all’ospedale nuovo

  55. # Ruggero

    E’ stata una dolce elegia scandita dai tempi lenti di Marco Ruggeri. Una passeggiata verso la morte. Direi un’eutanasia. Dal moderato ottimismo dei primi giorni il PD è passato alla rassegnazione del ballottaggio, alla contemplazione del modesto, modestissimo, risultato della prima tornata elettorale. L’impressione di una squadra debole, senza entusiasmo, crepuscolare. Mai uno scatto rapace, mai un lampo vero. Poi i rimbrotti pubblici di Alessandro Cosimi (!!!) e l’assordante silenzio di Matteo Renzi, imbarazzante nella sua eloquenza: a Livorno cavatevela da soli, zavorre non ne voglio. Marco Ruggeri non ha colpe specifiche. Era sincero nel dire punto e a capo, il suo programma di governo era accettabile, sia pure brancolante su qualche punto essenziale, ma sempre migliore degli altri che non esistevano. Negli ultimi dieci giorni, però, anche lui ha mostrato la corda, è affiorato qualche discorso da vecchio PCI e sono stati annunciati tre assessori che nessuno rimpiangerà. Da persona per bene qual è Ruggeri ha assunto le sue colpe. Adesso altri assumano le proprie e Yari De Filicaia dia le dimissioni da segretario del partito e da consigliere comunale.

  56. # chiara

    Sto ancora cercando di capire perché metà livornesi non ha votato…e anche chi siano. Detto questo credo che Livorno non sia una piazza facile e quindi Nogarin dovrà trovare una bacchetta magica..auguri

  57. # ugo

    ORA INIZIA LA RESA DEI CONTI…..VOGLIO RIDERE…

  58. # Luigi Moscardò

    Non si può parlare di campagna elettorale sbagliata quando ti sei messo nella condizione di non esser né supportato né sopportato dagli altri. Il potere senza alternativa seleziona al ribasso degli inoperosi fruitori di lauti stipendi.
    Ora si deve avere il coraggio e la forza (ce ne vorrà parecchia) per scardinare clientelismi e apparati ormai in piedi da settant’anni e dopo tanto tempo non si riesce a smontare: i viti e snodi son troppo ossidati: demolizione e virtuosa ricostruzione. Speriamo Bene, ma il primo passo è stato fatto!

  59. # Jimbo

    Ma che colpa di Ruggeri. i Renziani hanno sacrificato qualche anno di sindaco (saranno davvero 5 anni?) per buttare a mare una nomenclatura labronica che è oggettivamente anacronistica. Insomma è stata una faida interna.

  60. # marco g

    è sbagliato dire 70 di dittatura è ingeneroso perché appena usciti dalla guerra, fino agli anni 70 Livorno aveva una buona amministrazione, poi è iniziato il declino e forse una dittatura invisibile fatta di assunzioni alle varie municipalizzate, comune, porto con l’obbligo della tessera come nel vecchio periodo del ventennio. La libertà di poter partecipare alle principali decisioni come ospedale o Rigassificatore imposta dall’amministrazione.

  61. # Fabio

    Colpa di Ruggeri? Colpa del PD? La colpa è di una classe dirigente cittadina, di cui Ruggeri ha fatto parte, che dal 95 se non prima, quando fu chiaro a tutti che l’industria di stato doveva morire (giusto o sbagliato che fosse) non ha fatto niente per cercare di sostituirla con altro.
    Si è riempita la bocca con il commercio come se il commercio potesse crescere all’infinito e creando centri commerciali, ma la torta era quella ed è rimasta quella e si è ridistribuita non creando sviluppo.
    Si è riempita la bocca con il turismo non facendo assolutamente niente per incentivarlo, se una città crede minimamente nel turismo le zone turistiche della città devono essere tenute a specchio.
    Ha considerato gli attracchi delle navi da crociera come una rendita da spremere e non come una opportunità su cui lavorare per ottenere sviluppo.
    Il punto vero è che dopo venti anni i nodi sono venuti al pettine e i vari Lamberti, Cosimi, Ruggeri, De Filicaia e tutti gli altri che hanno fatto parte di quella classe dirigente e che adesso devono trarre le debite conclusioni.

  62. # EORALEVATEVI

    …….ah a proposito, e ora chi non ha votato perché ha preferito stare a letto e poi andare al mare a prendersi una bella ARRAZZATA NER VISO, un si venga a lamentare!
    Gli incazzati, quelli che davvero sperano in un cambiamento, a votare sono andati e se dio vuole hanno avuto giustizia.
    E ora NOGARIN e combriccola dimostrateci concretamente che le cose cambieranno e ricordate:
    OKKIO che vi si controlla e si fa presto a sputtanarvi sul blog. Quindi cervello, morale, correttezza e coerenza e dimostrateci, da subito, con i fatti quel che avete sostenuto a parole.
    Buon lavoro

  63. # giuliano

    E’ troppo facile dire che la colpa o no è di Ruggeri. E’ stato messo lì a fare il classico tappabuchi, perché non c’era nessun altro di quelli che contano nel PD livornese che volesse assumersi la responsabilità e metterci al faccia. Ma il vertice del PD cosa ha fatto in questi ultimi anni? Si è reso protagonista nell’affossare la città. Si è reso succube dei voleri del Sig Rossi Presidente della Toscana. Non ce lo scordiamo quando il Sig Cosimi insieme al suo fido braccio destro Sig De Filicaia andava a parlare con il Sig Rossi e ad accettare tutto quello che questi chiedeva (es l’IKEA, il nuovo ospedale ecc) e altro. Per partito preso e per puri interessi appoggiavano le richiesta della COOP, per cui non si poteva dare il permesso alla ESSELUNGA perché avrebbe rovinato il commercio nella zona Colline-Coteto mentre si dava l’autorizzazione alla COOP di aprire il punto vendita di Porta a Mare fregandosene dei commercianti del Borgo. I componenti la direzione comunale, provinciale del PD DEVONO dare le dimissioni. Comprendo in questi anche il Sig Lippi, che sebbene sia diventato sindaco di Cecina ha contribuito ad affossare Livorno. Un pensiero anche agli esponenti del centrodestra livornesi. Anch’essi cosa hanno fatto per eventualmente difendere Livorno dalla mala politica del PD? Fortunatamente anche questi loschi personaggi sono fuori dall’amministrare questa città. Faccio un augurio ai 5 stelle, anche se non li ho votati e a causa del loro capo non li voterò mai. Questi 20 giovani consiglieri, credo che siano principalmente della nostra zona, per cui conoscendo la situazione spero e mi auguro che facciano qualcosa di positivo. Un consiglio però: non facciano venire a Livorno Grillo perché potrebbe avere l’accoglienza simile a quella che fu data a Borghezio della Lega.

  64. # Maurizio

    Tutti a dire che ha vinto perchè appoggiato dalla destra o perchè la sinistra negli ultimi anni non ha saputo amministrare la città. In realtà ha vinto un sindaco libero, eletto liberamente e che non deve niente a quei politici che dietro le quinte pensavano di manovrare una marionetta per i loro interessi e non del collettivo.
    Ha vinto la democrazia diretta dove tutti noi avremo la possibilità di scelta per un futuro migliore della nostra LIVORNO. CONGRATULAZIONI FILIPPO

  65. # Adriano

    Premesso che in passato ho votato sempre PCI e poi PD.Ma poi le delusioni dell’ultima amministrazione ha fatto si che in me sfociasse quel voto classico di protesta, per dire basta a questa scellerata gestione Cosimi che avrebbe portato Ruggieri a seguirne le ombre politiche gestionali di questa Città.Vedi ad esempio la rovina del monumento “scoglio della Regina”veramente un obbrobrio a spese dei cittadini.Le strade piene di buche abbandonate a se stesse e vani i contatti con l’amministrazione per migliorarle.Il nuovo ospedale da farsi per forza senza pensare che forse quello che abbiamo è meglio,senza deturpare il paesaggio di Montenero con i loro abitanti.Il rigassificatore voluto per forza anche senza il parere dei cittadini che si opposero perchè alla fine porterà solo problemi alla città e nessun valore aggiunto per i livornesi.Il termovalorizzatore che una volta potenziato ne avrebbero giovato i cittadini pensando ad una riduzione della tassa mai avvenuta.Tassa doppia da pagare della spazzatura per chi ha una barchetta da disgraziati e tante altre parole buttate al vento che noi livornesi alla fine non dimentichiami….ed eccoci alla realtà anche amara per chi pensava di aver già vinto continuando la stessa politica!

  66. # PocoDediti

    Caro meis le tue affermazioni hanno l’odore della carbolina, non dimenticare che non è stato bocciato l’ideale (vedi europee), è stato bocciato il pd livornese che se fosse coerente con il suo status dovrebbe dimettersi in blocco lasciando spazio a quei pochi riformatori, messi da una parte perchè fastidiosi, e il pd locale presidente in primis e ex sindaci anche usciti dalla porta e rientrati dalla finestra, se il partito fosse un azienda come volevate che fosse, VOI SIETE STATI LICENZIATI!!

  67. # Mario Rossi

    Ruggeri non ti dare colpe, non sei nessuno e non hai colpa di niente

  68. # Citta Dino

    L’amministrazione poteva essere rossa o azzurra allo stesso modo, non è questione di colore perché ci sono comuni dove il PD lavora bene, è questione di persone. Oltreutto qui ormai di rosso non c’era più nulla da tanto

  69. # sottolarco

    Licenziati per assumere chi? Degli esaltati, incapaci,che non saranno in grado di commisurarsi con la realtà effettuale. Butteranno tutto all’aria, anche quel poco di buono che il PD avrà comunque fatto, marionette di Grillo, demagoghi da strapazzo, e per Livorno ora sarà veramente la fine: isolati dalla Toscana e dal governo nazionale.

  70. # luciaa

    Basta arroganza, scelte sbagliate. Aria nuova!!!

  71. # io

    guarda che il csx avrebbe il 60% e piu, è stato solo un problema locale e se ci stai proprio male a Livorno, c’ un aereoporto a 20 km, 2 autostrade ( verso nord e verso sud) un SGC verso est, e dei traghetti verso ovest

  72. # Aldo

    In sessant’anni di vita, mia, è la prima volta che vedo una cosa fatta bene
    Un’elettore di Matteo Renzi

  73. # io

    infatti il mio tristissimo era riferito al fatto che forse non hanno capito che il problema non è stata la campagna elettorale, ma quello che hanno prima, partendo dal porto in giù

  74. # Bob

    Livorno prima del 22ennio fascista era uno dei centri più importanti della cultura Europea, dopo la II° guerra il PCI non è che ha ridato
    una spinta a riportare la città agli antichi splendori anzi da buoni stalinisti (Fratelli vestiti di rosso dei fascisti) hanno dato il colpo finale a Livorno, poi i DS, il PDS e il PD accozzaglia di trombati della prima repubblica, in 70 anni quale sviluppo hanno dato alla città ?

  75. # pedrito

    Vorrei anch’io dire il mio pensiero,premetto sono un figlio di un partigiano,sempre votato a sinistra
    Pci-ds-pd etc,ma francamente ero un pò stufo dei candidati che il Pd ha proposto gli ultimi anni…
    I risultati delle gestioni Lamberti-Cosimi sono sotto gli occhi di tutti i cittadini..
    Non ho votato al turno di Maggio ,ma ho votato ieri per Nogarin, un personaggio nuovo per voltare
    pagina e rifondare una città in ginocchio..
    Auguro al nuovo Sindaco un buon lavoro,e al Pd di guardarsi allo specchio cercando di capire
    come mai a votare ci sono andati soltanto la metà dei cittadini…

  76. # Robertino

    Ma cosa dici? Yari De Filicaia se era serio le doveva dare subito dopo il primo turno a Livorno: PD (in città) alle europee 52%, PD per il sindaco 39%. quello era un chiaro messaggio che i livornesi non appoggiavano l’operato del PD locale e quindi del segretario locale.
    Ma certi messaggi non arrivano e certi politici stanno bene sui seggioloni, non possono mica tornare a lavorare….ora è anche cominciato il caldo e si suda…..

  77. # jobbee

    Quando Dico PD Livornese, intendo anche parte del PD Provinciale e Regionale. Da distinguere bene dal PD Nazionale di Matteo Renzi.

  78. # jobbee

    Quando parlo di PD Livornese, mi riferisco anche a parte del PD Provinciale e Regionale. Da distinguere bene dal PD Nazionale di Matteo Renzi.

  79. # lorenzo

    Ecco, che De Filicaia se ne vada e’ cosa buona e giusta.. gia’ Nogarin e’ riuscito in qualcosa…

  80. # ... si però ...

    Si, ma vai a vedere, in tutti questi anni, l’edilizia popolare da chi è stata costruita! Si possono fare inciuci anche nell’ambito di “nobili” interventi…..

  81. # giuliano

    Solo De Filicaia ha dato le dimissioni? e tutti gli altri che fanno? Compreso il Sig Lippi neo Sindaco di Cecina. De Filicaia si lamenta perchè la destra e l’estrema sinistra si sono unite e teme per la “sua”città. Ma non si rende conto che se il PD cittadino avesse lavorato e si fosse comportato meglio, anche se la dx e la sx estrema si fossero unite, cosa che non è vero, non avrebbero mai sfondato a Livorno? Invece di rinnovarsi hanno preferito seguire le direttive dell’inciuciatore D’Alema e del suo figlioccio Cuperlo. E questi sono i risultati. Bravi. Hanno vinto i cittadini.

  82. # Augusto

    Oltre De Filicaia si dovrebbe dimettere come minimo anche Ruggeri. Ricordiamoci che le responsabilita’ non sono mai di una persona sola.

  83. # Luca

    Ti ringrazio, hai saputo spiegare molto meglio di me cos’è stata la “dittatura” settantennale rossa a Livorno , nepotismo e altre cose ma col consenso popolare tanto bastava tenere aperto lo stadio e cantare alla festa dell’unità , con la tessera entravi al porto o in qualche coop…. Meno male che le generazioni nuove hanno aperto gli occhi, i vecchi sono stati solo capaci di rovinare .

  84. # Libero 1°

    De Filicaia ha dato le dimissioni,però risulta nella lista dei consiglieri PD. Si vede che quest’ultima poltrona è più confortevole della precedente.

  85. # luca

    Mi pare ritornato sentendo i commenti di ora è di 60 anni fa appena liberati dai fasci,che nessuno aveva votato fascista come ora tutti contro la sinistra,poveracci quanti finti comunisti c’erano a forse sono soltanto di comodo finché venivano date case popolari a go go .vero che il pd è tutto meno che un partito di sinistra. Ma da qui a allearsi con i fasci ce ne corre grazie raspanti…….

  86. # floriano

    Che città di…..tutti al mare in un momento così importante…..
    Vedrete che casino…….

  87. # Veneziano

    De Filicaia, da cittadino sovrano che sono tornato ad essere: ACCETTO LE TUE DIMISSIONI, e che siano irrevocabili.

  88. # Fra' poino

    Pregasi accettare all’unisono e velocemente dimissioni di De filicaia and company. Se dio vuole era l’ora di cambiare

  89. # teseo

    Ruggeri, non è colpa tua. lo sai benissimo. Chiunque al tuo posto avrebbe fatto la tua fine. Nogarin doveva vincere, anzi il PD doveva perdere. Se penso che questo gioco è manovrato dallo stesso PD mi vengono i brividi.
    Comunque è bene che qualcosa cambi, le cavolate dell’ospedale e del Luogo Pio, la connivenza con le Ipercoop, l’allonatanare Siemens e Ikea… è veramente oltre i limiti.
    Staremo a vedere. Intanto ci siamo liberati di una zavorra. Niente più voti “motivati” o meglio di scambio. Livorno torna ad essere libera dopo circa 70 anni.

  90. # Etrusco58

    Io penso che De Filicaia non c’entri niente in questa debacle, ma comunque ha fatto bene a dare le dimissioni.
    Quello che mi ha dato veramente noia è che il Cosimi quando è uscito dal Comune dopo l’incontro con Nogarin ha spudoratamente detto che questo risultato è dato da una brutta campagna elettorale, ma si scherza?
    Pensa veramente che la colpa non è la sua e del suo modo di gestire le cose Cittadine?
    ASSURDO

  91. # il pinnato

    Dimmi cosa hanno fatto per il bene della città in dieci anni dieci! Ormai non sono rossi nemmeno questi sono diventati rosa i livornesi sono stanchi!

  92. # Alessandro

    Da elettore di sinistra da sempre questa volta non sono andato a votare perché non sono riuscito a trovare in nessuno dei due candidati quelle caratteristiche che io ricerco per un buon Sindaco; non è stato possibile, per me votare magari il meno peggio, perché tutti e due, chi per un verso chi per un altro rappresentano solo il peggio assoluto.
    Ho trascorso gli ultimi 15 giorni a cercare di capire, ma più che trascorrevano le ore e più si radicava in me l’idea che ambedue non dicevano niente:
    NOGARIN impegnatissimo a mettere in luce (a ragione) tutto quanto di male è riuscito a fare il PD degli ultimi lustri, senza uno straccio di proposta di come intenderebbe governare la nostra città.
    RUGGERI vacuamente impegnato nel diffondere lo slogan “punto e a capo” senza peraltro rinnegare alcuna delle scelte (scellerate) compiute dai suoi predecessori, con il De Filicaia che, tardivamente, presenta le dimissioni; le avrebbe dovute presentare, lui e tutta la combriccola del PD livornese, all’indomani delle elezioni comunali di due settimane fa; allora si poteva parlare, forse, di punto e a capo. Ma questi signori con la loro tracotanza, la prepotenza e la presupponenza che si ritrovano mai avrebbero pensato che succedesse quello che poi si è verificato.
    Caro Ruggeri, hai sbagliato perché non hai avuto gli attributi per imporre al tuo partito il vero “punto e a capo”; tu lo sapevi che poteva finire in questa maniera, ma hai continuato imperterrito a prendere ordini e a fare il burrattino nelle mani dei potenti locali del tuo partito….
    Vuoi vedere che alle prossime elezioni politiche ti candidano??

  93. # Alessandro

    Ma come si fa a dire punto a capo se non si rinnega neanche una delle catastrofiche decisioni che hanno preso in precedenza!!!!
    Se voleva essere credibile Ruggeri doveva per prima cosa prendere la distanza, in modo serio, dalla cricca livornese; non mi venire a dire delle schermaglie dialettiche con Cosimi: sono come i ladri di Pisa, fumo negli occhi per cercare di farsi un’immagine; ma i livornesi non ci sono cascati.
    Al nostro buon Alessandro ricordo sommessamente quando, nel corso di un dibattito pubblico, intervenni e gli feci presente che le scelte che stava perpetrando (riguardavano il nuovo ospedale) erano una follia: lui pubblicamente mi rispose di stare tranquillo perché mai e poi mai avrebbe voluto essere ricordato come il Sindaco più “scemo” di Livorno…

  94. # Alessandro

    Hai ragione, non ha perso lui, però non ha neanche fatto niente, ma proprio niente per vincere!!!
    Non posso credere che un politico della sua esperienza non sappia quali tasti premere per attirare i favori della gente: gente semplice il popolo livornese, che si accontenta…….
    Punto e a capo: ma lui era interessato in primis a non inimicarsi i vertici del partito, probabilmente perchè fra alcuni anni ci saranno le elezioni politiche…..

  95. # BUBI

    Ma è vero che il signor Lamberti ha preso 8 voti?

  96. # ugo

    MENO MALE

  97. # emme

    Una fine prevista, perchè di fronte ad una gestione deficitaria, in tutti i sensi, non c’è scampo. E poteva succedere molto prima… Le scelte politiche, in primis di ospedale e coop hanno pesato ma anche la scelta di puntare su persone messe li’ dai soliti personaggi….La gente sa’…..

  98. # pabla

    Vorrei proprio sapere che casa hanno fatto si buono, perché nessuno se n’è accorto: centro sporco e degradato, ospedale a Montenero (perché non costruirlo ancora più lontano?), giovani senza prospettive, vigili urbani dediti solo a fare cassa per il comune invece di vigilare anche sull’ordine e la pulizia pubblica (vedi cacche di cani in via Grande), nonché vigilesse che guardano le vetrine di via Grande invece di fare il loro dovere,….potrei continuare all’infinito. Come potevo votare le persone che hanno fatto scempio di questa città???

  99. # pabla

    Ti sei dimenticato i tatuaggi. Più grossi sono e più ce n’è meglio è!!! E poi meglio che non aprano bocca!!!

  100. # pabla

    concordoooooo!!!

  101. # Patroclo

    No, non 8 ma 34 voti per l’ex sindaco. Un film di Visconti recitava “La caduta degli Dei” ecco, appunto…

I commenti sono chiusi.