Picchiata e rapinata davanti al Pam. L’uomo si era nascosto da un parente

Il 40enne ha perso la testa aggredendo la ex e portandole via due cellulari. "Non ha opposto resistenza. Ma non si è reso conto di ciò aveva combinato"

Mediagallery

MALTRATTA ANIMALI DI CASA E COMPAGNA – LEGGI  QUI

Picchiata e rapinata davanti al supermercato dall’ex convivente. E’ accaduto nella serata di ieri 2 gennaio. La vittima, livornese di 48 anni, M.G. le iniziali, aveva risposto a una telefonata dell’uomo, livornese di 40 anni, dandogli appuntamento in piazza Saragat, di fronte al Pam, a pochi metri da casa.
Il 40enne voleva avere dei chiarimenti sul loro rapporto, forse nella speranza di un ricongiungimento. Sta di fatto che in poco tempo dalle parole si è passati ai fatti e l’uomo ha perso la testa aggredendola e portandole via i due cellulari Samsung, orologio e orecchini. Poi si è allontanato. La donna, ferita e in stato confusionale, ha gridato attirando l’attenzione di alcune persone che hanno dato l’allarme. Sul posto è intervenuta una volante della squadra mobile diretta da Marco Staffa. Gli agenti si sono subito messi sulle tracce dell’aggressore rintracciandolo poco dopo a casa di un parente. “Non ha opposto resistenza. Ma non sembrava si fosse reso conto di ciò aveva combinato”, dicono dalla questura.
La 48enne nel frattempo ha richiesto l’intervento del 118 che ha inviato sul posto un’ambulanza della Misericordia di Livorno. I volontari hanno soccorso e trasportato la donna, cosciente, all’ospedale con un trauma cranico e un dolore al polso destro. All’ospedale le sono stati dati 5 giorni di prognosi. L’uomo è stato denunciato in stato di libertà con l’accusa di rapina.

 

Riproduzione riservata ©

17 commenti

 
  1. # Chico

    Rimane cun fatto gravissimo e dimostra che oggi, purtroppo, violenze di ogni genere sono all’ordine del giorno.

  2. # livornesepuro

    Ma rimane anche il fatto che si trova “in stato di libertà” ora qualche giudice benpensante troverà tutte le attenuanti del mondo incoraggiando nuovi episodi del genere, ma smettiamola per favore !!!!!

  3. # jobbee

    ma… uno picchia una donna , la rapina e viene solo denunciato. bha ma in questo stato per finire in galera cosa deve fare una persona? vergogna giustizia pessimaaa!!!!capito cancellieri e company

  4. # liburnico

    L’uomo è stato denunciato in stato di libertà con l’accusa di rapina … poi con calma si fa tutto il resto processo etc etc etc … che tristezza…

  5. # Nedo

    ” L’uomo è stato denunciato in stato di libertà”……..2014 SIAMO SEMPRE PIÙ’ RIDICOLI…..A GIÀ’ SCUSATE TUTTI A PIEDE LIBERO PERCHÉ IN GALERA SI STA MALE, SONO STRETTINI POVERINI E NON SERVONO LA COLAZIONE A LETTO

  6. # Roger

    Mi dispiace ribadire che la giustizia equa non esiste. Mio figlio è stato picchiato a sangue per due volte dalla madre, pur avendo avuto prognosi ospedaliere molto più serie le forze dell’ordine non l’hanno neanche identificata al momento del commesso reato. Mi dispiace sottolineare ancora una volta la discriminazione che viene fatta tra uomo – donna- minore. La legge non è uguale per tutti, se sei donna ti è concesso molto!! Troppo!!! Non venga frainteso che appoggio il 40enne, deve essere punito per il grave reato che ha commesso, ma la solita procedura deve essere attuata anche quando è una donna a commettere il solito reato.

  7. # paolo

    Notizie che addolorano rispetto alle vittime e fanno arrabbiare rispetto ai carnefici… come se tutto ciò che si sente in tv su femminicidi e altro non servisse alle vittime a tutelarsi di più non fidandosi di certi ominidi, e non servisse neanche a certi ominidi a capire che si devono far curare

  8. # enzo

    Risale alla notte dei tempi la norma che l’ arresto si effettua solo in flagranza di reato
    Se del caso si può supplire con fermo per accertamenti, sicurezza ecc.
    E’ comunque sempre un escamotage alla cui scadenza il soggetto – in assenza di fatti nuovi – deve essere rimesso in libertà in attesa del processo.
    la ragione di ciò stà nella necessità di porre un filtro alle denunce per evitare quelle di disturbo, per vendetta, per stolking ecc senza un effettivo reato
    Tutto sommato è una norma che tutela ciascuno di noi, per esempio dal vicino di condominio con cui si è litigato e che ci denuncia per il supposto furto che sò della bicicletta.Come tutte le norme ha i suoi pro e i suoi contro

  9. # Antonella R.

    Femminicidio di qui….femminicidio di la’! E poi neanche un giorno nelle patrie galere…… e per chi non si rende conto di ciò che fa….c’e’ il TSO

  10. # Lorenzo65

    Rimango dell’idea che se qualcuno ti aggredisce fai bene a difenderti come meglio puoi! Se incassi e aspetti poi la giustizia italiana…..rimani becco e bastonato!

  11. # Antonella R.

    Il furto di una bicicletta e le lesioni personali sono due cose ben diverse. Se fosse stata tua figlia saresti stato comunque così garantista??.e in Italia esiste anche la flagranza differita, ma si applica solo per i ben più gravi reati allo stadio che contro le donne ( sarcasmo)

  12. # francesco

    LIVORNO CITTA’ SICURA ? A VOI LA RISPOSTA.

  13. # Caterina

    a volte si confonde il ruolo del giudice: il giudice non fa le leggi, ma le applica.
    Quindi forse il problema non è dei giudici, ma di chi ha fatto le leggi, che troppo spesso lasciano anche libertà di interpretazione e situazioni ambigue..

  14. # Jobbee

    Avv. Enzo tutti conosciamo la norma che disciplina l’ arresto solo in fragranza di reato,ed è corretto come lei sostiene che serve a tutelare tutti anche dalle false denunce per vendetta o depistaggio; ma sarebbe l’ora di cambiarla almeno per certi tipi di reati come le lesioni gravi quando ci son testimoni o indizi sufficienti. E i processi per reati relativi alle lesioni devono essere piu veloci.
    Ora la giustizia Italiana è ingiusta e a favore di chi delinque. Quando sento certe notizie a Livorno o in Italia,dico poveri noi e meno male che non è capitato a me, perche se aspetti la giustizia italiana allora.. Ciao.

  15. # AZZZ

    Ma si fa bene babbo Napolitano ad attuare il decreto svuotacarceri, invece di farci rapinare i nostri sudati risparmi per mantenere tanti mangiapane “aggratis” che servono poco o nulla…perche’ con quei soldini non ampliano le strutture per pene detentive? ma che scherziamo, invece di internare le persone per reati gravi, li LASCIAMO FUORI????? E’ assolutamente assurdo.

  16. # LIbero 1°

    Tieni presente si che il giudice applica le leggi,ma le leggi vanno sempre applicate con un po’ di buon senso. Se uno è recidivo pluripregiudicato,devi applicarle,eccome! Ma poi quando c’è una parte politica appoggiata anche dall’illegittimo presidente della repubblica che vuole addirittura l’indulto,pardon l’amnistia…..fanno bene le forze dell’ordine,quando possono,a lasciar perdere. E a non farsi almeno prendere per il c…

  17. # Lauale

    Ora non posso dire più di tanto , ma ciò ke e’ stato scritto e’ vero x metà ….

I commenti sono chiusi.