Vittima di una violenza o di un reato? Contatta lo Sportello Vis della Provincia

informazione pubblicitaria. Lo sportello si attiva chiamando il numero 0586-25.72.29 da lunedì a venerdì ore 9-13 o andando di persona a Palazzo Granducale, piazza del Municipio, 4 a Livorno il martedì e il giovedì ore 15-19 oppure scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Mediagallery

Spesso ci troviamo davanti a un senso di smarrimento quando si è vittime di reato o violenza. In Europa sono circa 75 milioni le persone che ogni anno si trovano a fronteggiare questa situazione non sapendo quali sono le leggi che la tutelano o come trovare un semplice supporto in termini di accoglienza, informazione e orientamento. Ecco che la Provincia di Livorno ha aperto, per questo tipo di esigenze, lo Sportello Vis che funziona grazie alla sinergia dei membri della rete e ai contributi volontari offerti direttamente da alcuni di loro, appositamente formati. Lo Sportello Vis (che si attiva chiamando il numero 0586-25.72.29 da lunedì a venerdì ore 9-13 o andando di persona a Palazzo Granducale, piazza del Municipio, 4 a Livorno il martedì e il giovedì ore 15-19 oppure scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected]) Rappresenta un presidio sul territorio per offrire sostegno gratuito a tutte le persone vittime di qualsiasi tipologia di reato, indipendentemente dalla loro età, genere, nazionalità, origine etnica, religione, condizione sociale ed economica. A seguito di una richiesta, la Segreteria della Rete VIS informa l’operatore di turno che provvede, nell’arco di 24 ore, a contattare il richiedente e fissare il primo colloquio di accoglienza. L’accoglienza comprende un primo ascolto, una risposta immediata alle eventuali urgenze, la compilazione della domanda di aiuto valutando la possibilità di proseguire con una delle attività di sostegno o con i percorsi specialistici offerti dalla Rete, la fruizione consapevole delle opportunità della Rete.
Lo Sportello Vis è anche attivo ed itinerante nelle scuole di Livorno per raccogliere le testimonianze e le problematiche legate alla violenza di qualsiasi genere direttamente dalla voce degli studenti.

La rete è formata da: Provincia di Livorno, Regione Toscana, Università di Pisa, Azienda Usl 6 di Livorno, Provincia di Livorno Sviluppo, Questura, Prefettura, Comando provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, Ufficio Scola- stico provinciale, Comuni di Livorno, Piombino, Cecina e Castagneto, SVS – Pubblica Assistenza di Livorno, AUSER, AIDO, Fondazione Caritas, Arci Bassa Val di Cecina, Arcigay Livorno “Il Faro”, Associazione Ippogrifo, Associazione Randi, Centro Servizi Donne immigra- te, Osservatorio Italiano di Vittimolo- gia, Ufficio di Esecuzione Penale Esterna del Ministero di Giustizia, Associazione P24 Lila di Livorno e Cure Palliative, e la Consigliera provinciale di Parità, che coordina lo Sportello Vis.

*informazione pubblicitaria

Riproduzione riservata ©