“Ormai sono una milf”. Pintus al Goldoni

Informazione pubblicitaria. Continua a collezionare “sold out” nei teatri di tutta Italia con il suo nuovo spettacolo: è Angelo Pintus atteso sabato 5 marzo alle ore 21 al Teatro Goldoni. INFO: 0586.20.42.90, www.goldoniteatro.it

Mediagallery

Continua a collezionare “sold out” nei teatri di tutta Italia con il suo nuovo spettacolo ed è sicuramente uno dei comici più in voga del momento: è Angelo Pintus atteso sabato 5 marzo alle ore 21 al Teatro Goldoni di Livorno in “Ormai sono una Milf” per la sezione “Eventi” del cartellone presentato da LEG srl e Menicagli Pianoforti.  Uno show tutto da scoprire con l’irresistibile imitatore e personaggio di punta di trasmissioni televisive di successo come “Colorado” su Italia 1, consacrato dal 2013 anche come autentico mattatore sul palcoscenico con un impressionante tour che in pochi mesi lo ha visto collezionare 150 spettacoli con oltre 200 mila spettatori, mentre la sua pagina facebook si avvia ai 2 milioni di “Mi piace”.
Un artista che si sente particolarmente a suo agio nei teatri a contatto diretto con il pubblico, libero di esprimersi con i tempi ed i ritmi a lui più congeniali senza i vincoli propri degli sketch televisivi: prima con lo spettacolo “50 sfumature di Pintus” ed ora con “Ormai sono una Milf” Pintus intrattiene, racconta e coinvolge con un umorismo che vuole essere immediato e percepibile da tutti a partire dai ragazzini: “La vita è una risata – ha recentemente dichiarato – e non importa soffermarsi sul significato del titolo bensì intraprendere con me un viaggio sul passaggio che mi trovo come tanti altri ad affrontare proprio adesso, i 40 anni, procedendo da qui a ritroso nel tempo”. Come cambia allora la vita a 40 anni? Cosa cambia? Cambia che non puoi mangiare più quello che mangiavi prima… cambia che sei ancora troppo giovane per fare alcune cose, ma sei già troppo vecchio per farne altre.  La vita raccontata a 40 anni è vista da Pintus con gli occhi di chi si sente sempre quel bambino che quando vedeva gli amici quarantenni dei propri genitori diceva “Mamma mia che vecchi! Pazzesco quanto possano vivere i grandi” e che ora guardandosi allo specchio pensa… “Mamma mia sono sempre più in forma… diciamolo… anche se ormai sono un uomo, un uomo? Una signora! Anzi… ormai sono una milf!”
Di origini sarde, cresciuto a Trieste, dopo aver fatto esperienza nei villaggi turistici nel 2000, Angelo Pintus forma il duo Angelo & Max con il comico Max Vitale. Nel 2001 i due sono spesso ospiti al “Maurizio Costanzo Show” e appaiono in altre trasmissioni televisive. La coppia vince nel 2007 il concorso “Stasera mi butto”. Alla separazione del duo, segue la partecipazione di Angelo a diverse trasmissioni Mediaset e dal 2009, è presenza fissa nel cast di “Colorado”, in cui propone la rubrica “Sfighe” (parodia del programma di approfondimento sportivo Sfide), imitando fra gli altri il telecronista Bruno Pizzul, l’allenatore José Mourinho, il motociclista Valentino Rossi. Inoltre è nella squadra di calcio della Nazionale Italiana Cabarettisti. Nel 2011 propone la rubrica “Non sopporto più”. Nel 2013 è in tour nei teatri con lo spettacolo 50 sfumature di Pintus e partecipa al Coca-Cola Summer Festival, nel 2014 debutta al cinema con il film “Tutto molto bello”, diretto da Paolo Ruffini, e successivamente appare nel film “Ma tu di che segno 6?”, diretto da Neri Parenti. A gennaio 2015 lo show [email protected] colleziona in tv oltre 2.600.000 spettatori.
Ospite al Festival di Sanremo 2015, ha condotto nello stesso anno su Italia 1 il programma tv “Karaoke”.
Biglietti ancora disponibili al botteghino del Goldoni il martedì e giovedì con orario 10-13, il mercoledì, venerdì e sabato ore 17-20; biglietti in vendita anche nel circuito online Boxol e sul sito www.goldoniteatro.it ; prezzi: Platea e palchi 1° e 2° ordine centrale: 34,50 euro, Palchi 1° e 2° ordine laterale + 3° ordine centrale: 28,50 euro – Palchi 4° ordine + 3° ordine laterale 23 euro- Loggione 17 euro.
Per INFO: tel. 0586.20.42.90, www.goldoniteatro.it

Informazione pubblicitaria

Riproduzione riservata ©