Caffè, il Cup Tasting parte da Livorno con qualità. Semifinale, i vincitori a “Le Piantagioni del Caffè”

Mediagallery

La torrefazione Le Piantagioni del Caffè ha organizzato e accolto nella sua sede livornese la prima selezione del campionato italiano 2015-2016 di Cup Tasting del circuito SCAE – Specialty Coffee Association of Europe. La tappa organizzata in collaborazione con SCAE Italia, CSC – Caffè Speciali Certificati e Sigep ha coinvolto, in un evento molto partecipato, numerosi nomi di spicco del settore, tra baristi e amanti del caffè di qualità.
A vincere la prima semifinale è stato Giacomo Lo Cascio della caffetteria Sabrina di Montignoso (Massa Carrara) con 6 tazze individuate su 8, in 4’ 48”. Sul secondo gradino del podio Marco Pieretti, del bar Il bersagliere di Serrazzano (Pisa) con 6 tazze in 6’ 21”. Terza con 6 tazze in 6’ 28” Valentina Montesi del Filter Coffee Lab di Pisa, quarto il barista trainer di Pascucci, Iuri Grandini, con 5 tazze in 3’ 56”.
I partecipanti sono stati accolti da Enrico Meschini, presidente de Le Piantagioni del Caffè e di CSC, che ha ricordato l’impegno comune nella promozione della cultura del caffè di qualità, selezionato con procedure rigorose che coinvolgono l’intero ciclo produttivo. Ha inoltre ricordato che la torrefazione ha ospitato, per il terzo anno consecutivo, questa gara che registra una crescita costante del numero dei concorrenti: un segnale importante per il settore, soprattutto per chi punta all’eccellenza nel caffè.

A seguire, un assaggio di due nuovi caffè tostati chiari de Le Piantagioni del Caffè, estratti  a filtro: Filter C e Alto Caxixe. Il primo è certificato CSC, e consiste in una combinazione di Samambaia (Brasile – regione Sul de Minas “Campos dos Vertentes”) e Yrgalem (Etiopia Sidamo gr2 selezione CMI). Questo caffè rivela una delicata acidità, arricchita da note di agrume candito e gelsomino, seguita da un retrogusto fresco, con intense note di cioccolato. Il microlotto Alto Caxixe è un caffè arabica lavato varietà Catuaì 81, originaria del Brasile (Brasile – Espirito Santo – Castelo – Caxixe Quente). Le note aromatiche a base di zucchero di canna, cioccolato al latte, prugna e papaya gli contribuiscono un gusto dolce, che si accompagna a un’acidità vivace e un corpo cremoso. Durante tutta la gara una postazione bar ha offerto i due caffè estratti con diversi metodi a filtro.

GIACOMO LO CASCIO

GIACOMO LO CASCIO

Quindi ha preso il via la competizione, molto avvincente che ha visto i 19 concorrenti gareggiare a coppie (agli iscritti ufficiali si sono uniti cinque spettatori, che hanno messo alla prova i loro sensi) lungo un tavolo con due file di otto triplette di tazzine di caffè preparate in modalità filtro. Gusto e olfatto hanno aiutato nell’identificare in ogni tripletta la tazzina con un aroma leggermente differente dalle altre due, ponendola in un sito apposito. La vittoria è andata a chi ha identificato il maggior numero tazzine (quelle corrette hanno un segno nero sul fondo) nel minor tempo. L’interesse dei visitatori è stato molto grande e cinque tra loro hanno provato l’emozione e la complessità del cup tasting, in un riuscito fuori-gara.

A pochi minuti dalla vittoria, un poco incredulo, Giacomo Lo Cascio è molto contento del risultato ottenuto che considera il frutto di un nuovo approccio al caffè che ha preso il via un anno fa, quando ha “aperto gli occhi” e ha scoperto un mondo fatto di qualità e di ricerca che prima ignorava. Alla caffetteria Sabrina utilizza la miscela 85/15 (costituita da caffè di singola piantagione) ed il 100% arabica, mono origine, decaffeinato ad acqua de Le Piantagioni del Caffè e, con la moglie Sabrina, fa estrazioni a filtro e degustazioni di diversi prodotti. Dopo un inizio “zoppicante” (le prime due tazzine sono risultate errate) ha lasciato da parte l’emozione e si è concentrato sul gusto: un metodo vincente.

Hanno partecipato alla semifinale livornese: Jean Carlos Ramos, Helena Oliviero, Piero Lenzi, Paolo Lenzi, Cesare Pennacchiotti, Mario Spinelli, Marco Nencini, Emilio Bellatalla, Giacomo Lo Cascio, Antonio Monopoli, Andrea Cremone, Valentina Montesi, Federico Milani, Alberto Quinci, Marco Pieretti, Leonardo Santetti, Iuri Grandini, Franco Ditel, Piero Rastelli.

La finale italiana si svolgerà a Rimini in occasione del Sigep (23-27 gennaio 2016). Il vincitore avrà accesso al mondiale che si terrà a Shanghai, in Cina, in occasione del Wolrd Coffee Events, in programma dal 29 marzo al 1 aprile 2016 nell’ambito di Hotelex.

Le prossime semifinali Cup Tasting:

–  11 novembre – Musetti – Pontenure (PC) www.musetti.it (socio CSC)

–  22 novembre – Lingotto Fiere – Torino – organizzato da Costadoro – www.costadoro.it

– 10 dicembre – Mondicaffè – Roma www.mondicaffe.it (socio CSC)

 

Riproduzione riservata ©