L'addio di Mazzoni: "Livorno grazie di tutto, un giorno ci ritroveremo"

di rcampopiano

Mediagallery

Nella vittoria per 4-1 ai danni del Sassuolo c’è stato spazio anche per un addio. Quello di Mazzoni che abbandona il Livorno dopo una vita passata a difendere i colori amaranto. Per lui, livornese puro sangue questa è stata una decisione dolorosa. La più difficile che abbia mai dovuto prendere perché questa è casa sua. Ora si apriranno le porte del Padova con la speranza che la sua strada e quella del Livorno un giorno si potranno riunire. Intercettato da Radio Bruno il buon Luca è sembrato visibilmente emozionato.

Mazzoni, il Padova ti attende. Una decisione dolorosa?
“Lascio un Livorno in serie A e spero che ci possa rimanere il più possibile visti i ragazzi che il mister ha a disposizione. E’ chiaro che è stata una decisione particolare. Lascio un gruppo di compagni, soprattutto di amici. Gente che vedo tutti i giorni. Il calcio è questo, a volte si deve prendere delle decisioni difficili. Ringrazio i tifosi per avermi dedicato uno striscione e per come si sono sempre comportati con me”.

Lasci con il Livorno che centra la prima vittoria in campionato.
“Stasera è stata una bella dimostrazione di forza, chiaro che poi arriveranno anche le partite difficili. Spero che i livornesi capiscano che i giocatori hanno bisogno del loro supporto e mi rimarranno sempre nel cuore perché quello che si è fatto rimarrà incancellabile”.

Cosa ti porti dietro di questi anni?
“Sicuramente tantissimi bei ricordi. La promozione in serie A dell’anno scorso è stato un qualcosa di straordinario. Ma è giusto ricordare anche quanto successo due stagioni fa con la scomparsa del povero Morosini e una salvezza conquistata all’ultima giornata. Un giorno spero che io e il Livorno ci potremo riunire”.

Riproduzione riservata ©