Tocchini-Gabbi premiati dal Panathlon Club

Mediagallery

Ilaria Tocchini e Bruno Gabbi sono stati premiati dal Panathlon Club Livorno rispettivamente come atleta e dirigente livornese nella storia nel corso della “Festa degli Auguri” del Club alla quale erano presenti numerosi soci ed ospiti insieme al vicegovernatore per la Toscana Lorenzo Gremigni. La manifestazione è organizzata dal Club presieduto quest’anno da Roberta Naldini ed è giunta alla sua decima edizione. Le motivazioni dicono per la Tocchini: nuotatrice azzurra specialista della farfalla e dei misti è stato uno dei più grandi personaggi del nuoto femminile italiano e si è impegnata oltre che nell’agonismo vero e proprio anche nel marketing e nell’abbigliamento sportivo ottenendo lusinghieri riconoscimenti. In campo sportivo ha partecipato a tre olimpiadi giungendo nella finale individuale nei 200 delfino a Barcellona e nei nella staffetta mista a Seul. Ha poi partecipato a sei mondiali tra quelli in vasca da 50 metri e vasca corta raggiungendo le finali individuali a Madrid e Perth, ha vinto due medaglie d’argento agli europei nel 1987 e nel 1995 e in campo nazionale può fregiarsi di 49 titoli italiani  di cui 21 ai campionati estivi e 28 ai primaverili. Nel suo palmares anche 4 medaglie d’oro ai Giochi del Mediterraneo, 1 alle Universiadi e 4 in Coppa Latina una delle manifestazioni mondiali più importanti dopo Olimpiadi e Campionati del Mondo. Ha anche migliorato più volte il primato italiano dei 100 e dei 200 delfino. Chiusa l’attività agonistica si è dedicata  all’insegnamento del nuoto in cui è tuttora impegnata. Per Gabbi invece: Insegnante di Ed. Fisica dal 1966, allenatore da oltre 50 anni nell’Atletica Livorno dove è stato responsabile del settore corse e si è occupato soprattutto di mezzofondo e marcia distinguendosi per le capacità tecniche e le doti morali. Attualmente direttore sportivo della società bianco verde che guida con abnegazione e spirito innovativo ha forgiato nella sua carriera ottimi atleti alcuni dei quali hanno raggiunto la maglia azzurra e cito a memoria tra i più forti Marco Milani, Roberto Orani, i fratelli Cellai e Calvi. Oggi oltre a far funzionare al meglio il settore agonistico dell’Atletica Livorno allena un gruppo di ottimi marciatori ed è stato e continua ad essere un pilastro del Club bianco verde, uno tra i più forti d’Italia tra le società tradizionali ed ha sempre predicato lo sport pulito rifuggendo dalle pratiche di doping anche nel periodo in cui tali pratiche non erano illegali.

 

 

Riproduzione riservata ©