Montano oro Mondiale. “Io come Rocky”

Mediagallery

Un oro che mancava da 20 anni. L’Italia di sciabola maschile con Aldo Montano (nella foto in pagina di Augusto Bizzi) è sul tetto del Mondo. Negli anni tante volte ci si era andati vicini, si era sfiorato quel gradino su cui si sale adesso a Mosca (clicca sul link in fondo all’articolo per ascoltare la video intervista pubblicata dal canale youtube della Federazione Italiana Scherma). La quinta giornata dei Campionati del Mondo Mosca2015 regala la gioia più grande alla sciabola italiana.  Aldo Montano, Diego Occhiuzzi, Enrico Berrè e Luca Curatoli superano i padroni di casa della Russia, interrompendo lo strapotere della sciabola di casa, dominando dall’inizio alla fine una finale conclusa dalla stoccata di Montano del 45-36. Era dal Mondiale de L’Aja nel 1995 che l’Italia non si laureava campione del Mondo di sciabola maschile. In quella squadra vi erano Marco Marin, Tonhi Terenzi, Luigi Tarantino (oggi in panchina come maestro di staffa) e Raffaello Caserta, fratello di quel Luca Curatoli che a 21 anni torna dal suo Mondiale d’esordio con una medaglia d’oro al collo.
“Per me è l’ultimo mondiale? Chi può dirlo – commenta un sorridente Aldo a caldo in una video-intervista pubblicata sul sito della Federscherma dopo aver canticchiato “I feel good” – Sono come Rocky 1,2,3,4,5,6 poi viene anche il 7, l’8 e il 9″.

Riproduzione riservata ©