Quarto successo consecutivo per Livorno Rugby

Mediagallery

di Gabriele Pritoni

Rugby Livorno 1931 – Modena Rugby Club 35 – 21

Livorno: Chiesa, Esposito, Battagello, Di Mauro (dal 10’st Righetti), De Vincentis (dal 30’st Paperini), Brancoli, Contini, Cortesi, Bonavia (dal 10’st Paoluzzi), Carrani (dal 23’st Peluso), Baroni, Favati, Mannucci (dal 10’st Lunardi), Pracchia (dal 26’st Ciapparelli), Bufalini. NE Scapaticci. All. Saccà.

Modena: Assandri, Utini, Trotta, Furghieri (dal 32’st Pilati), Martines, Catellani (dal 33’st Pedrazzi), Rovina (dal 15’pt Marzugui), Venturelli M, Venturelli L, Gambini, Dormi, Sola, Milzani, Faraone, D’Amico. NE Salici, Rizzi, Vaccari, Patera. All. Ogiergian.

Quarta vittoria consecutiva per il Livorno Rugby 1931, che batte Modena tra le mura amiche del Montano. La prestazione è convincente fin dall’inizio ma, come quasi sempre accade ai bianco verdi, qualche errore di troppo lascia la partita in bilico ben oltre il necessario.
Dal punto di vista del punteggio il match è avvincente visto che, tra vantaggi e parità, cambia padrone per ben nove volte.
E’ Livorno ad aprire le danze già al quinto minuto con la meta di Bufalini non trasformata ma Modena, che è venuta per fare risultato, fa il primo sorpasso all’undicesimo. E’ ancora Bufalini, al trentesimo, a rimettere Livorno davanti con un’altra segnatura da 5 punti (10-7) ma si va al riposo in perfetta parità dopo il calcio di Assandri.
Nella ripresa Livorno appare superiore anche grazie a una super prestazione di Brancoli, cui evidentemente i recenti impegni con il centro di formazione di Roma hanno giovato, ma non riesce a scrollarsi di dosso Modena fino alla fine: è solo con l’ultima meta dello stesso Brancoli, al 42esimo, che i padroni di casa vanno oltre il break sul 35 – 21, risultato finale. A segnare, prima, erano stati ancora Brancoli (che chiude con due mete, due trasformazioni e due calci piazzati) e Esposito, cui avevano però risposto Assandri con due calci e Utini con una meta non trasformata.

Il rugby Livorno raggiunge con questa vittoria gli Amatori Parma al quarto posto, con la concreta possibilità di staccarli nelle prossime due partite, visto che il calendario è favorevole: mentre Livorno se la vedrà con Arezzo e Cecina, più indietro in classifica, Parma dovrà incontrare i primi due della classe (Piacenza e Pesaro), ancora in lotta per il primo posto.

Come ci ha detto il presidente Riccetti qualche settimana fa “Livorno merita assolutamente la serie maggiore, è un obiettivo che vogliamo raggiungere nel giro di qualche anno”. Finire il campionato con il pieno di vittorie potrebbe essere un buon viatico per provarci già dalla prossima stagione.

Non è solo la prima squadra a esultare perché anche dalle categorie giovanili, serbatoio di energie per alimentare il progetto promozione, arrivano soddisfazioni: in particolare l’ Under 18 conquista il Trofeo Dell’ Appennino, che mancava a Livorno dal 2001. La squadra, guidata da Andrea Saccà e Riccardo Della Rosa, batte anch’essa Modena – fuori casa, però – e conclude con il successo una stagione che l’ha vista sempre al comando del girone. Prossimo passo la fase finale, dove se la vedrà con Colorno, Catania e Capitolina, tutte squadre molto forti ma alla portata dei bianco verdi.

A completare la festa, il successo della Under 16 sul difficile campo di Pesaro

Riproduzione riservata ©