Lions, mezzo passo falso

Mediagallery

Partenza con il freno a mano tirato. I Lions Amaranto cominciano la stagione ufficiale con una sconfitta grave. Nella giornata di apertura del nuovo torneo interregionale, girone tosco-umbro, sul campo del (solido, ma tutt’altro che imbattibile) Città di Castello, i livornesi hanno ceduto 12-8. La vittoria dei tifernati non fa una grinza. Per i Lions il punticino raccolto in classifica (frutto del passivo inferiore alle otto lunghezze) rappresenta un brodino insipido, che scalda e sfama veramente poco. In un campionato breve, ulteriormente accorciatosi dopo il ritiro dell’Elba (solo sette sono rimaste le squadre ‘superstiti’ nel girone) e, soprattutto con un solo posto disponibile per i play-off promozione, le prove d’appello per ambire in alto saranno poche.

Gli amaranto, che per il calendario originale avrebbero dovuto affrontare, domenica prossima, in casa l’Elba, torneranno in campo solo domenica 19, per ospitare la ‘vecchia conoscenza’ Florentia, battuta di misura, 25-24, in questo turno d’apertura, in trasferta dal Terni. A Città di Castello i Lions, che rispetto allo scorso anno hanno cambiato molto (tanti gli elementi alle prime volte con la maglia della prima squadra: giovani fino al passato torneo impegnati o con i Lions Salviano, in C2, o con l’under 18), hanno palesato difficoltà in mischia. Problemi acuiti dall’infortunio muscolare che ha costretto ben presto il pilone Ciapparelli ad uscire dal rettangolo di gioco. Alcuni attacchi sviluppati anche a ridosso della linea di meta avversaria non sono state sfruttati. Tutte le marcature del match si sono registrate nel primo tempo. Per i Lions meta dell’avanti Michele Valente, al suo rientro dopo l’infortunio che lo aveva costretto a lungo ai box nella seconda fase della scorsa annata, e un piazzato del giovane mediano di apertura Matteo Magni.

Lo schieramento iniziale: Ubaldi; Gaggini, Santoni, Novi, Gregori; Magni, Calvetti; Scardino (cap.), Bertini, Tamberi; Del Re, Sarno; Toncelli, Valente M., Ciapparelli. Entrati anche i piloni Lorenzoni e Bertuccelli, le seconde linee Testi, Ciandri e Pulcini, il mediano Civita ed il trequarti Miceli.

Riproduzione riservata ©