Lions, continua il mal di trasferta

Mediagallery

Il freddo pungente trovato a Gubbio non si rivela la medicina giusta per guarire dal ‘mal di trasferta’. I Lions Amaranto Livorno, nella terz’ultima giornata della C1 interregionale, girone F, cedono sul campo dei rossoblù umbri e rinviano l’appuntamento con il primo successo esterno della stagione. I labronici hanno sprecato una ghiotta opportunità di chiudere i conti ed assicurarsi, con 160′ d’anticipo sulla fine della regular season, il passaggio ai play-off. I ragazzi allenati dal terzetto Conflitto-Gragnani-Cannavò occupano sempre la quarta piazza (quattro saranno le squadre che meriteranno l’accesso alla fase promozione). Per staccare il biglietto di sola andata per i play-off, gli amaranto dovranno vincere il prossimo confronto, in programma il 22 febbraio, in casa con il Terni. La situazione è sempre molto fluida, con quattro formazioni in lotta per due posti. Gli eugubini, che dopo un girone d’andata avaro di soddisfazioni hanno inserito nel proprio organico elementi di grido per la categoria, si sono assicurati, contro i Lions, la terza vittoria nel giro di quattro gare. I rossoblù umbri, particolarmente abili in mischia, non sono riusciti a ribaltare il passivo dell’andata, nè hanno colto il bonus relativo alle 4 mete. Gli amaranto sono stati battuti con un margine superiore alle 7 lunghezze e dunque (per la terza trasferta di fila) non hanno colto punti per la propria classifica. Il successo dei locali è sostanzialmente giusto, ma un punteggio meno vistoso avrebbe fotografato con più precisione l’andamento di un match viaggiato a lungo sui binari dell’equilibrio. Sono i Lions a sbloccare il punteggio con un piazzato di Magni, nella circostanza utilizzato mediano di mischia (all’apertura ha giocato l’esperto Pacini, al suo rientro). Poi gli eugubini rovesciano la situazione e mettono definitivamente il muso avanti. La meta dell’attivo terza linea Bertini, condita dalla trasformazione di Magni, permette ai livornesi di rimanere in scia e di chiudere la prima frazione in ritardo solo di 2 lunghezze (12-10). Nella ripresa, il pacchetto labronico prova ad evitare guai, ma sugli sviluppi di una touche giunge la nuova meta degli umbri. Una marcatura che poi viene trasformata. Finisce 19-10 per il Gubbio, che nelle restanti due giornate, il 22 febbraio e l’8 marzo se la vedrà con la Florentia (in trasferta) e con il Cus Siena (in casa). I Lions giocheranno in casa con il Terni per poi chiudere la regular season sul terreno della capolista Firenze’31 cadetta. Il Cus Siena osserverà un turno di riposo il 22 febbraio, per poi render visita al Gubbio. Il Terni, dopo la trasferta di Livorno, ospiterà il fanalino di coda Città di Castello.

Lo schieramento amaranto battuto a Gubbio: Ubaldi; Masciullo (21′ st Calvetti), Tamberi, Novi, Gaggini; Pacini F. (11′ st Uccetta), Magni; Scardino, Bertini, Sarno; Ciandri (1′ st Giugni), Del Re (12′ st Montagnani); Umpetti, Mantovani (Lorenzoni 1′ st), Ciapparelli. In panchina: Del Moro e Pulaha.
La classifica dopo la quinta di ritorno: Firenze’31 cadetto 41 p.; Florentia* 40; Cus Siena* 24; Lions Livorno 22; Terni** 20; Gubbio 19; Città di Castello 5. *Florentia e Cus Siena devono ancora osservare il loro turno di riposo e dunque figurano con una partita in più. **Terni sconta 8 punti di penalizzazione.

Riproduzione riservata ©