I Lions stendono Siena

Mediagallery

LIONS AMARANTO LIVORNO – CUS SIENA 39-20
LIONS AMARANTO LIVORNO: Di Martino; Mazzotta, Novi (16′ st Sechi), Di Mauro, Taherzadeh (39′ st Giovannini); Gaggini (28′ st Pacini), Magni; Montagnani, Del Moro (22′ st Rossi), Tamberi (cap.); Uccetta (9′ st Scardino), Ciandri; Vitali, Giusti, Lorenzoni. A disp.: Sarno, Brancoli. All.: Milianti.
LIONS AMARANTO LIVORNO: Bielli (12′ st Conti); Centorrino (22′ st Giorgi), Buonazia, Bartoli, Donati (14′ st Marchetti); Mondet, Ferrazzani; Interi, Capresi, Bocci; Carmignani, Marzi (cap.); Comandi, Perondi (1′ st Pezzuoli), Tanzini. A disp.: Fineschi, Viti. All.: Barbagli.
ARBITRO: Lasagni di Prato.
MARCATORI: nel pt (15-6) 5′ cp Magni, 6′ m. Novi, 13′ e 40′ cp Mondet, 41′ m. Mazzotta tr. Magni; nel st 5′ m. Buonazia tr. Mondet, 18′ m. Giusti tr. Magni, 26′ m. Vitali tr. Magni, 35′ m. tecnica mischia Cus Siena tr. Mondet, 38′ cp Magni, 40′ m. Mazzotta tr. Magni.
NOTE: cartellini gialli per Uccetta (39′ pt), Comandi (11′ st) e Lorenzoni (32′ st). In classifica 5 punti per i Lions, nessuno per il Cus Siena.

Paganini non ripete, i Lions Amaranto Livorno invece concedono il bis. Sette giorni dopo la brillante vittoria ottenuta con il Terni, nel proprio debutto in campionato, i labronici si ripetono su alti livelli di gioco e superano 39-20 il Cus Siena. Al cospetto di una ‘rivale storica’, una diretta concorrente della lotta per l’accesso alla poule promozione, i ragazzi guidati dal giocatore-allenatore Marco Milianti hanno disputato un match di ottimo livello. Gli amaranto, a bersaglio con 5 mete, hanno colto successo e bonus (5 punti: il massimo era stato conquistato anche contro il Terni). Il quadro dopo le prime due gare (entrambe giocate sul campo amico ‘Maneo’) è davvero roseo. Questa la situazione in classifica alla 3° giornata di serie C, girone F: Viterbo 13 p.; Lions Amaranto Livorno* e Cus Pisa 10; Cecina 9; Cus Siena 2; Gubbio* 0; Terni** -8. *Lions e Gubbio hanno già osservato il loro turno di riposo; **Terni ha osservato il suo turno di riposo e figura con 8 punti di penalizzazione. Al termine della regular season, le prime 4 entreranno nella poule promozione. Il vento di tramontana non ha rovinato gli 80′ della sfida con i senesi. E’ stata una bella gara, intensa, vivace e ricca di marcature. Al 5′ i Lions sbloccano il punteggio con un piazzato di Magni. Al 6′ Novi sfrutta un liscio della difesa ospite, si invola sulla sinistra e schiaccia sulla bandierina: 8-0. I senesi reagiscono. Mondet accorcia le distanze con un penalty (8-3 al 13′). I labronici faticano nelle lotte in mischia e ricorrono al fallo: giallo per Uccetta (39′). Mondet trasforma il piazzato del meno 2: 8-6 al 40′. Pur con un uomo in meno, i Leoni non si scompongono: splendida la meta di Mazzotta (41′), propiziata dall’assolo di Novi. Magni, dall’angolo, trasforma: 15-6 all’intervallo. Godibile ed emozionante anche la ripresa. Al 5′ il Cus Siena riduce il margine con la meta del centro Buonazia. Mondet trasorma e il vantaggio dei locali rimane esiguo (15-13). All’11’ giallo per il pilone senese Comandi. I livornesi sfruttano l’uomo in più e in azione di rolling maul successiva ad una touche battuta in zona d’attacco segnano, con Giusti, la terza meta della propria (brillante) gara. Magni, ancora da difficile posizione, arrotonda: 22-13. La meta bonus giunge al 26′ ed è firmata, dopo un attacco tirato in velocità, dal pilone Vitali. Magni, dalla destra, trasforma ancora: 29-13. Il Cus Siena prova il tutto per tutto. Cartellino giallo per il pilone amaranto Lorenzoni (32′) e subito dopo meta tecnica per la mischia ospite. Mondet trasforma: 29-20. I Lions, sotto di un uomo, gettano il cuore oltre l’ostacolo. Ancora Magni mette fra i pali, al 38′, il penalty del 29-20. Al 40′ Mazzotta si invola nel corridoio centrale e segna la sua seconda meta (la quinta della sua squadra). Magni trasforma e fissa il risultato sul 39-20. I ‘Leoni’ sono giovani, con mezzi di primo piano per la categoria e hanno giocato con grande determinazione e lucidità le prime due (non facili) gare stagionali.

Riproduzione riservata ©