I Lions battono Pisa

Mediagallery

CUS PISA – LIONS AMARANTO LIVORNO 19-29
CUS PISA: Parisi, Moroni, Sperti, Torre (15′ st Pisano), Fontanini, Annecchini, Degani, Pratali, Tarantino, Ferri, Cruschelli (30′ st Liuzzi), Risaliti, Bonavia, Di Scala (15′ st Montanaro), Ponziani. A disp.: Dellomonaco, Chisari, Ricciotti, Liuzzi, Corradini. All.: Natale.
LIONS AMARANTO LIVORNO: Ubaldi, Mazzotta, Novi (29′ pt Gregori), Di Mauro, Taherzadeh (33′ st Giovannini), Gaggini, Magni (12′ st Brancoli), Scardino, Siviero (31′ st Uccetta), Biagi (3′ st Del Moro), Favati, Ciandri, Giusti, Sarno, Vitali (32′ st Isola). A disp.: Milianti. All.: Milianti.
ARBITRO: Giuseppe Ruta di Perugia.
MARCATORI: nel pt (7-14) 14′ m. Gaggini tr. Magni, 20′ m. Novi tr. Magni, 38′ m. Tarantino tr. Ponziani; nel st 3′ m. e tr. Ferri, 16′ m. Sarno, 21′ m. Gregori, 24′ m. Degani, 28′ m. Scardino.
NOTE: cartellini gialli per Biagi (12′ pt), Scardino (37′ pt) e Risaliti (14′ st). In classifica 0 punti per il Cus Pisa (battuto con un margine superiore alle 7 lunghezze; 3 mete realizzate) e 5 per i Lions (che hanno vinto e si sono assicurati il bonus aggiuntivo; 5 mete realizzate).

Sia pur faticando, i Lions Amaranto Livorno raccolgono il massimo e dopo un anno e mezzo tornano ad assaporare il gusto della vittoria esterna. I labronici, sul terreno ‘Valerio Scacciati’, contro i locali del Cus Pisa, si sono imposti 19-29. 5 i punti ottenuti e 5 le mete messe a segno dagli amaranto ospiti. Un successo (il quarto in cinque partite di campionato) pesante, che consente ai ‘Leoni’ di mettere virtualmente al sicuro l’accesso alla final-four promozione. Il solco sulla quinta (il Terni) è piuttosto profondo. I ragazzi guidati dall’allenatore-giocatore Marco Milianti consolidano la seconda piazza e si portano a sole tre lunghezze dalla capolista Viterbo (ferma in questa domenica). Nel prossimo turno, il 6 dicembre, i labronici ospiteranno proprio i laziali: un successo potrebbe permettere a Scardino e compagni di chiudere il girone d’andata sul gradino più alto del podio. Questa la classifica dopo le prime 6 giornate dalla C interregionale, girone F (solo gli Emergenti Cecina devono ancora osservare il loro turno di riposo e dunque figurano con una gara in più): Viterbo 23 p.; Lions Amaranto Livorno 20; Emergenti Cecina 18; Cus Pisa 10; Terni* 4; Cus Siena 2; Gubbio 0. *Terni sconta 8 punti di penalizzazione. I Lions, a Pisa, si sono espressi a corrente alternata. Al cospetto di una formazione, quella gialloblù cussina (neo-promossa e composta da tanti giovani), meno dotata in termini di esperienza, i Lions hanno mostrato, a tratti, troppa frenesia. Il nervosismo è costato, alle terze linee Biagi e Scardino, nel primo tempo, evitabili cartellini gialli. Pur, momentaneamente in inferiorità numerica, gli amaranto sbloccano il punteggio con la meta del talentuoso mediano di apertura Gaggini. Magni trasforma: 0-7 al 12′. Al 20′ seconda meta ospite: stavolta a schiacciare oltre la fatal linea è il centro Novi. Ancora Magni arrotonda: 0-14. Il Cus Pisa, con orgoglio, si riorganizza e dimezza le distanze con la meta di Tarantino (ex Livorno), trasformata da Ponziani: 7-14 all’intervallo. I gialloblù padroni di casa, al 3′ della ripresa, acciuffano la parità, con Ferri che va in meta e poi mette fra i pali la successiva trasformazione: 14-14. Al 16′ la squadra pisana resta in 14 (giallo per Risaliti). I Lions cominciano (finalmente) a macinare gioco e trovano l’allungo decisivo, con le mete di Sarno (ancora una volta schierato tallonatore), al 16′, e del trequarti Gregori (subentrato nella prima frazione in luogo dell’infortunato Novi), al 21′. I Lions, con il bonus in cassaforte, si issano sul 14-24. Il Cus Pisa non demorde e rosicchia il ritardo con la meta di Degani: 19-24 al 24′. Ci pensa capitan Scardino (29′) a siglare la meta della matematica certezza ed a chiudere definitivamente i conti. I Lions vincono il derby 19-29 e dopo un anno e mezzo tornano a ruggire anche fuori casa.

Riproduzione riservata ©