I Lions asfaltano Pisa

Mediagallery

LIONS AMARANTO LIVORNO – CUS PISA 25-9
LIONS AMARANTO LIVORNO: Di Martino (36′ st Siviero); Gregori, Mazzotta (27′ st Milianti), Di Mauro, Masciullo (10′ st Novi); Gaggini, Magni Matteo; Montagnani (cap.), Del Moro (13′ st Sarno), Biagi (7′ st Ciandri); Favati, Uccetta (27′ st Scardino); Vitali (7′ st Umpetti), Giusti, Lorenzoni. All.: Marco Milianti.
CUS PISA: Ponziani; Corradini, Bonavia (31′ st Pisano), Risaliti (dal 35′ pt al 41′ pt Marin), Magni Edoardo; Ferri (cap.), Tarantino (41′ st Liuzzi); Annecchini (9′ st Marin), Degani, Pratali (20′ st Montanaro); Fontanini, Nardi; Sperti, Minichino, Parisi (31′ st Dellomonaco). A disp.: Moroni, Castellani. All.: Marco Natale.
ARBITRO: Franco Tarlini di Sesto Fiorentino.
MARCATORI: nel pt (17-9) 5′ cp Tarantino, 11′ cp Magni M., 20′ m. Gaggini tr. Magni M., 26′ e 40′ cp Tarantino, 43′ m. Mazzotta tr. Magni M.; nel st 13′ cp Magni, 27′ m. Scardino.
NOTE: nessun cartellino estratto dall’arbitro. In classifica 4 punti per i Lions (che hanno vinto e realizzato 3 mete) e 0 punti per il Cus Pisa (sconfitto con un margine superiore alle sette lunghezze; 0 mete all’attivo).

Esame universitario superato senza grossi affanni, ma per arrivare alla laurea – cioè per centrare la promozione in B – sarà necessario far qualcosa di più. In casa, su un campo ‘Maneo’ sferzato dal forte vento di libeccio, i Lions Amaranto vincono con il Cus Pisa 25-9 e confermano di possedere doti importanti per la categoria. L’affermazione (la settima ottenuta in queste prime 11 fatiche stagionali) non è sufficiente per riaprire i giochi per la seconda piazza: comunque vadano le cose domenica prossima, nell’ultimo turno della regular season della serie C, girone F, i ragazzi guidati dall’allenatore-giocatore Marco Milianti finiranno la prima parte della stagione al terzo posto. Pertanto nell’andata della semifinale play-off, i Lions ospiteranno, il 10 aprile, gli Amatori Cecina (secondi), per poi render visita alla stessa formazione cecinese sette giorni più tardi. Nell’altra semifinale si troveranno di fronte il Viterbo e (salvo colpi di scena) il Cus Siena. A sua volta la vincente della finale play-off affronterà la squadra proveniente dal girone sardo. In palio, contro la formazione isolana, il salto di categoria. La classifica della C interregionale, girone F, ad un turno dalla fine: Viterbo 52 p.; Em. Cecina* 40; Lions Livorno 33; Cus Siena 17; Terni 16; Cus Pisa 11; Gubbio 5. *Cecina ha giocato una gara in più rispetto alle altre 6 squadre (i cecinesi osserveranno domenica prossima il loro turno di riposo).

I Lions, in casa contro il Cus Pisa, che si giocava nel derby le ultime possibilità di acciuffare un piazzamento play-off, hanno giocato a corrente alternata. Amaranto concreti in difesa (nessuna meta incassata), abili nel mantenere sempre i nervi saldi (nessun cartellino estratto dall’arbitro) ed abili nell’evitare inutili infrazioni. E’ mancata però la dovuta continuità nell’arco degli ottanta minuti. Al 5′ sblocca il punteggio il Cus, con un piazzato di Tarantino. All’11’ pareggia dalla piazzola il mediano dei locali Matteo Magni: 3-3. Al 20′, su brillante iniziativa corale, l’apertura Gaggini trova il pertugio giusto nel corridoio centrale e schiaccia in mezzo ai pali. Matteo Magni trasforma: 10-3. I gialloblù ospiti si riorganizzano e con due nuovi piazzati di Tarantino (26′ e 40′) riducono ai minimi termini il ritardo: 10-9. A tempo scaduto, sulla fascia destra, i Lions, con l’azione tirata dall’estremo Di Martino e dal centro Mazzotta, creano sconquassi alla retroguardia nemica: è di Mazzotta la meta sulla bandierina. Dall’angolo – controvento – Matteo Magni trasforma: 17-9 all’intervallo. La ripresa si mantiene – per merito di ambo le squadre – interessante e vivace. Al 13′ un nuovo penalty di Matteo Magni consente di scavare un solco decisamente profondo: 20-9. Al 27′ entra in terza linea Scardino: al capitano bastano pochi secondi per sfondare in meta sulla bandierina di sinistra. Negli ultimi minuti, sul punteggio di 25-9, c’è spazio per i tentativi (vani) dei locali, a caccia della marcatura-bonus e per gli ospiti per la realizzazione della meta della bandiera. Finisce 25-9: a conti fatti l’eventuale meta-bonus non sarebbe bastata ai ‘Leoni’ per sperare nella seconda piazza. Gli amaranto stanno lavorando in modo intelligente per arrivare al top della forma nelle gare della post-season, quelle realmente decisive in ottica promozione.

Riproduzione riservata ©