Fulgida Etruschi non vuole fermarsi

Mediagallery

Al ‘Tamberi Stadium’, domenica, alle 15,30, andrà in scena il ‘big match’ della terza giornata della serie C1 regionale. Si sfideranno le prime due della classe. La Fulgida Etruschi Livorno, che guida solitaria la classifica a quota 8 punti, riceverà la visita dell’Amatori Prato, seconda a quota 6. Si preannuncia una bella sfida. L’ingresso sugli spalti del terreno di via Russo sarà, al solito, gratuito. Nei primi due turni, le due squadre hanno (ciascuna) racimolato due vittorie. Sul campo, i lanieri hanno fatto qualcosa di più rispetto ai labronici: l’Amatori Prato ha condito i suoi due successi con i bonus aggiuntivi. In tutto, dunque, 10 i punti ottenuti, dei quali però 4 ‘mangiati’ dalla penalizzazione inflitta per la mancata partecipazione, nella scorsa annata, di una propria rappresentativa nei campionati giovanili obbligatori. Per la Fulgida si tratta di un vero esame di maturità. Oggettivamente, la squadra pratese è più dotata rispetto a Emergenti Cecina cadetta e Mugello, le formazioni affrontate dai verde-amaranto nelle prime due giornate (concluse con vittorie senza bonus). Per consolidare la prima piazza, allungare la striscia di successi ed imporre ai lanieri il primo stop stagionale, i ragazzi di Daniele Campani dovranno sfoderare una prova ricca di sostanza, in tutti i reparti. Al gran completo si presenterà la linea arretrata, mentre alcune defezioni importanti sono segnalate nel pacchetto, in particolare nel settore di seconda e terza linea. Incerto il recupero di Paris, toccato duro domenica scorsa a Borgo San Lorenzo, sicure le assenze di Diego Campani (che sconta la seconda ed ultima domenica di squalifica), di Consani, Mazzoni e Chiarugi, infortunati. Match da interpretare con intelligenza, nel quale, probabilmente saranno decisive le due difese. La Fulgida, tre settimane fa, nella sgambata amichevole con il Livorno Rugby (serie B) ha mostrato concretezza in fase di tamponamento. L’Amatori Prato, capace, domenica scorsa, di rifilare 26 punti (6 quelli incassati) al Lucca, dovrà far fatica a superare i placcatori padroni di casa.

Riproduzione riservata ©