Etruschi, vittoria in extremis. Pontedera ko

Mediagallery

Terza partita consecutiva viaggiata sui binari dell’equilibrio, ma stavolta la storia ha un lieto fine. Alla Fulgida Etruschi Livorno non è mancato nella circostanza il sano istinto del killer, che aveva fatto invece difetto nelle precedenti due uscite. I verde-amaranto, sul campo della Bellaria Pontedera, hanno piazzato la zampata vincente negli ultimissimi giri di lancetta (il definitivo sorpasso è giunto al 77′) e si sono assicurati un successo pesante, che permette di interrompere un periodo di risultati sfavorevoli. Sia pur faticando, i labronici sono riusciti ad imporsi (15-17) sul terreno della squadra ultima in graduatoria. Ecco la situazione in classifica dopo le prime 7 giornate della serie C regionale, girone 1 (fra parentesi le gare realmente disputate dalle varie squadre): Firenze’31 cadetto (6) e Lucca (7) 28 p.; Cavalieri Prato/Sesto cadetto (7) 26; Sieci (6) 20; Cortona* (6) 16; Montelupo/Empoli (6) 15; Fulgida Etruschi Livorno (6) 11; Amatori Prato** (6) 3; Vasari Arezzo cadetto** (7) 3; Chianciano* (6) 1; Bellaria Pontedera* (7) -1. *Cortona, Chianciano e Bellaria 4 punti di penalizzazione; **Am. Prato e Vasari 8 punti di penalizzazione. Buono, a Pontedera, l’approccio della gara degli ospiti. La Fulgida sblocca il punteggio al 10′, con la meta del trequarti Compiani, a bersaglio dopo una insistita azione sviluppata in più fasi. Brilli trasforma, ma poi fallisce due non difficili calci piazzati: 0-7 al giro di boa della prima frazione. Il Bellaria gioca con orgoglio e con un piazzato ed una meta trasformata rovescia la situazione: 10-7 all’intervallo. I pontederesi siglano in avvio di ripresa la seconda meta della propria gara e toccano al 6′ il massimo divario: 15-7. I locali falliscono, dalla piazzola, l’appuntamento con l’ulteriore allungo. La Fulgida, anche grazie agli innesti di Petrantoni e Carrani, comincia a carburare. Gli ospiti, sfruttando il lavoro della propria mischia, riprendono a macinare gioco. Al 22′ seconda meta labronica, ancora una volta siglata dopo una serie di attacchi a tutto campo. A bersaglio Giusti. Brilli trasforma: 15-14. Serve un ulteriore sforzo per perfezionare il contro-sorpasso. I verde-amaranto affidano le sorti del match, al 37′, al piede di Brilli, che non fallisce. Il trequarti sigla dalla piazzola i punti del definitivo 15-17. Una vittoria sofferta, giunta in una partita che può segnare la svolta dell’intera stagione. Domenica prossima, in casa con il Sieci (quarto in classifica), nell’ultima partita del 2015, servirà maggior continuità nell’arco degli ottanta minuti. Lo schieramento utilizzato a Pontedera dagli allenatori-giocatori Consani e Carrani: Amadori (6′ st Doveri); Sanacore, Compiani, Brilli, Guiggi (22′ st Pini); Incrocci C., Consani; Ruffino, Mazzocca (11′ st Petrantoni), Chiarugi (19′ st Carrani); Fusco (6′ st Gracci); Trinca (dal 1′ st al 22′ st Giusti), Ianda, Chabbar. In classifica 4 punti per la Fulgida, 1 per la Bellaria.

Riproduzione riservata ©