Continua la marcia del Granducato Livorno

Mediagallery

Sette, come il numero delle mete realizzate dalla capolista a Colorno. Sette, come i punti di vantaggio sulla più immediata inseguitrice. Il Granducato Livorno under 16, anche alle porte di Parma – a Colorno appunto – vince in modo perentorio, 13-45, conserva l’imbattibilità stagionale e mantiene inalterato il margine sui Cavalieri Prato/Sesto, l’unica vera rivale verso le semifinali per il titolo italiano di categoria. La classifica del girone del torneo élite, centro Italia dopo 14 giornate (4 al termine): Granducato Livorno 68 p.; Cavalieri Prato/Sesto 61; Reggio Emilia 49; Perugia 40; Amatori Parma 38; Parma1931 26; Modena 25; US Firenze 20; Colorno 14; Lyons Piacenza/Valnure 5. La prima festeggerà l’accesso alle semifinali per il titolo italiano.
In terra emiliana, i giallo-biancorossi labronici allenati da Giampaolo Brancoli sono andati in crescendo. Di spessore il secondo tempo. Contro un avversario di bassa classifica, che ha moltiplicato gli sforzi, desideroso di compiere il ‘colpo del secolo’, gli ospiti hanno subito trovato le due mete trasformate del primo mini allungo (0-14 al 10′). Poi, nella parte centrale della prima frazione, reazione dei parmensi: 8-14 all’intervallo. Nella ripresa, i livornesi hanno aumentato i giri del proprio ottimo motore ed hanno scavato il solco definitivo. Top scorer dell’incontro Mori, autore di 30 punti (4 mete e 5 trasformazioni). A bersaglio anche Batista (2 mete) e Iozzelli (1 meta). Lo schieramento: Del Bono; Bonaccorso, Orifici, Mori, Chiarugi; Barsali, Batista; Mannelli, Baldi, Iozzelli; Dalla Valle, Solimani; Andorlini, Rum, Migliori. Entrati anche: Ficà, Rotondo, Berni, Kifri, Bientinesi, Salvadori, Lucchesi. A Colorno, curiosamente, il Granducato tornerà nuovamente questa settimana, in occasione di un prestigioso torneo internazionale, in agenda venerdì 25 e sabato 26. I livornesi disputeranno nuove significative (e non facili) gare, utilissime per affilare le armi in vista delle sfide decisive per il titolo tricolore.

Riproduzione riservata ©