Lions Livorno, well done

Mediagallery

Largo il successo dei Lions Amaranto Livorno (nella circostanza coadiuvati da giocatori del Livorno Rugby e del Bellaria Pontedera) nell’ultima uscita stagionale. In questo terzo sabato di maggio, al ‘Montano’ di via dei Pensieri, la squadra labronica allenata dal terzetto Conflitto-Gragnani-Cannavò si è imposta, in amichevole, sugli inglesi del Beccles RUFC, una formazione di Suffolk, 9° classificata nel recente London & SE Division. Di fatto il Beccles disputa la sesta categoria inglese. I Lions, reduci dal loro terzo posto nel girone interregionale F di serie C, hanno vinto con un perentorio 52-10. Superfluo sottolineare come la gara sia stata interpretata senza tensione dalle due squadre. Per i Lions (e per i giocatori nella circostanza in prestito) è stata semplicemente una sorta di allenamento in vista della nuova annata. Un successo, quello dei livornesi, colto in scioltezza, sfruttando i limiti di una formazione (quella inglese) dalle discrete qualità tecniche, ma poco disposta a sacrificarsi ed a lottare con concretezza in fase di placcaggio. Nell’arco degli 80′ ruotati tutti i giocatori a disposizione. I locali hanno presentato a referto 26 atleti, il Beccles solo 20: grazie anche alla propria panchina (quantitativamente) lunga, i labronici hanno potuto tenere costantemente alti i ritmi, creando non pochi imbarazzi agli antagonisti. Per gli amaranto l’amichevole internazionale ha permesso di chiudere la stagione agonistica. Un’annata ricca di alti e bassi, nella quale, comunque, in casa (fra regular season, play-off e, appunto, amichevole con gli inglesi), i ‘Leoni’ hanno ottenuto la bellezza di sei vittorie su otto partite. Contro gli inglesi, 15 i tesserati amaranto utilizzati (Ubaldi, Gregori, Novi, Mazzotta, Uccetta, Gaggini, Calvetti, Scardino, Montagnani, Sarno, Ciandri, Isola, Filippi, Di Martino, Tamberi), 6 quelli del Livorno Rugby (Morganti, Ciapparelli, Squarcini E., Squarcini R., Righetti, Mannucci) e 5 quelli del Bellaria Pontedera (Rossi, Guerra, Boninsegna, Zeggio, Biasci).

Riproduzione riservata ©