Proposta shock: Palio fermo un anno

Mediagallery

“E’ una proposta, non c’è niente di deciso, ma è una proposta che nasce dalla volontà di fare il bene della città. Il Palio è della città e, se c’è una cosa certa su cui tutti concordiamo, è che così non può continuare, sennò muore. Quindi occorre un cambiamento vero, radicale, profondo, a tutti i livelli”. Con queste parole l’assessore allo Sport e al Folklore Nicola Perullo sancisce la “proposta shock” di fermare il Palio Marinaro per un anno intero. Lo scorso 24 settembre infatti, insieme al sindaco, il membro della Giunta aveva incontrato i presidenti delle sezioni nautiche per parlare del futuro di questa disciplina.
“Ho illustrato le grandi criticità di questo evento, che voglio far diventare il più importante momento folkloristico-sportivo e turistico della città. Le criticità sono di quattro ordini: la prima riguarda il regolamento e il reclutamento – scrive l’assessore Perullo – la seconda è quella legata alla partecipazione e al marketing territoriale. Come terzo aspetto la questione della giustizia e delle pari condizioni per tutti, a partire dalle cantine come spazi fisici. E infine – conclude Perullo –  la questione della manutenzione delle barche, delle cantine e delle attrezzature”.
“Queste quattro criticità si superano solo ripartendo dai rioni – spiega il nostro amministratore- , organizzando intorno ad essi eventi specifici, facendo una buona comunicazione nazionale, trovando sponsor, remando tutti nella stessa direzione. Il Palio è della città, non di qualcuno in particolare. E ha senso solo se diventa un momento forte e vissuto della città, per la città e per gli altri. Il palio di La Spezia ha avuto lo scorso anno 120 mila presenze. Quello di Livorno mille. Paragone impietoso. Dobbiamo chiuderci in una stanza il tempo necessario, lavorare insieme sul progetto, uscire con un piano ambizioso e condiviso. E smettere di lavorare sulle emergenze e sulle recriminazioni del quotidiano. Entro un mese decideremo il cronoprogramma di questo percorso”.
In questa prospettiva ecco la proposta che lascia molti a bocca aperta: fermare le manifestazioni per un anno per poi ripartire meglio di prima. E tu che ne pensi? Sei d’accordo con l’assessore Perullo? Di’ la tua lasciando un commento sotto all’articolo

Riproduzione riservata ©