Pallanuoto. Secondo stop di fila per NL

Mediagallery

Nuoto Livorno 5
C.N. Sestri 6
NL: Sofia, Benassi, Biasci, Lampredi (1), Samminiatesi, Pelosini (1), Pizzo (1), Ungarelli, De Zordi, Mellacina (2), Turrini, Toninelli, Graziani. All. Romano.
SESTRI: Mostes, Romeo (2), Luperini, Cafaro, Pitton (1), Giacobbe, Zanni, Galasso, Laisi (1), Piu (1), Damonte, Milone, Stasi (1). All. Zonari.
Arbitro: Carmelo Polimeni.
Parziali: 0-2, 2-1, 1-1, 2-2
Note: superiorità Livorno 2/12, CNS 3/8 + 1 rigore (realizzato da Romeo nel secondo tempo); usciti per raggiunto limite di falli Biasci nel terzo tempo e Cafaro (nel quarto tempo; espulso per proteste Zonari nel quarto tempo.

Cuore, grinta e carattere, la ricetta salvezza della Nuoto Livorno non potrà fare a meno di questi tre ingredienti. E lo si è capito dalle primissime battute di un campionato – la Serie B di pallanuoto – dall’altissimo tasso tecnico. Digerito il debutto in quel di Rapallo (9-6), il team livornese diretto da Federico Romano è infatti stato costretto ad alzare bandiera bianca anche dinanzi al C.N. Setri in occasione della prima uscita davanti al pubblico amico (5-6). Match sempre condotto dai liguri che in avvio approfittano di una fase di studio per portarsi in doppio vantaggio al primo mini intervallo; la Nuoto Livorno al contrario fa fatica ad impostare la manovra almeno fino al jolly di Mellacina che cancella lo zero dal tabellone grazie a un tiro velenoso che, complice una deviazione, spiazza Mostes. Puntuale la risposta del Sestri, mentre sul finire del tempo Lampredi realizza da posizione 2 il momentaneo 2-3. Nella ripresa regna l’equilibrio: si nuota tanto, realizzano Romeo (per Sestri) e ancora Mellacina in attesa dell’ultima e decisiva frazione. I ragazzi del tecnico Zonari si portano sul +3 (3-6) mettendo al sicuro il risultato, ma con un pizzico di anticipo sulla tabella di marcia. Il motivo? Prima Pelosini e successivamente capitan Pizzo infiammano la piscina “Camalich” con 33” sul cronometro. Sestri fallisce il colpo del ko e Romano chiama timeout disegnando un’azione ben organizzata, ma purtroppo non efficace.
Sabato, intanto, trasferta proibitiva nella tana della Dinamica Crocera, formazione capace in due turni di segnare qualcosa come 30 gol.

GIOVANILI

Azzurra Prato 11
Acquatica Livorno 4
ACQUATICA: Zanfagna, Salvini, Paci (1), Dini, Falcinelli (1), Simonetti, Biocca, Salvadori, Andreini, Albanese (2), Del Freo, Giannini, Pasquetti. All. Cossettini.
Parziali: 4-1, 2-1, 3-0, 2-2

Avvio di stagione in salita per la compagine Under 20 dell’ACQUATICA, società satellite della Nuoto Livorno: la squadra di Luca Cossettini è infatti caduta a Prato – sponda Azzurra – per 11-4 malgrado una prestazione incoraggiante e in alcuni tratti equilibrata (secondo e quarto periodo); blackout, invece, nella prima e terza frazione con i padrini di casa feroci nel trafiggere a ripetizione l’estremo difensore labronico, Zanfagna.
Da sottolineare tuttavia che l’apertura posticipata delle piscine livornesi sta incidendo e non poco sulla preparazione dell’intero movimento che, siamo certi, migliorerà di partita in partita.

Firenze Pallanuoto Ngm 19
Acquatica Livorno 2
ACQUATICA: Manfrè, Andreini, Giannini, Biocca, Simonetti, Del Freo, Samperisi, Carnevali, Longobardi, Lugetti, Barbisan, Radano (1), Greco (1). All. De Prophetis.
Parziali: 5-1, 4-0, 3-0, 7-1

Medesima analisi per l’Under 17 di Fabio De Prophetis ko in quel di Firenze a casa della Firenze Pallanuoto Ngm (19-2); a segno, per l’Acquatica, Radano e Greco.

Pallanuoto Cascina 13
Nuoto Livorno 6
NL: Conte, Luzzi (3), Greco (3), Marelli, Fachinetti, Tonini, Bencivinni, Miniati, Masetti, Macor. All. Toninelli.
Parziali: 4-1, 2-2, 4-2, 3-1

A completare il quadro, in attesa del match in programma stasera alla piscina “Camalich” tra Nuoto Livorno e Pisa (Under 17) e dell’inizio dei tornei Under 15 (prossimo weekend), l’Under 13 NUOTO LIVORNO di Jacopo Toninelli si è dovuta arrendere dinanzi al maggior potere fisico della Pallanuoto Cascina (13-6); tra i singoli, Luzzi e Greco autori di una tripletta a testa.

 

 

Riproduzione riservata ©