Pallanuoto: Nuoto Livorno ripescata in serie B

Mediagallery

Sono le 8 e 30 di martedì 21 ottobre, un giorno come un altro. Aprono gli uffici, e Livorno è coperta dalle nuvole. Ma la quotidianità, ieri, non ha certo abbracciato la Nuoto Livorno, in particolare il settore pallanuoto: dalla Federazione Italiana Nuoto è infatti arrivata la notizia ufficiale del ripescaggio della prima squadra in Serie B, notizia accolta con enorme entusiasmo dall’intero ambiente acquatico labronico che finalmente riporterà la massima espressione della waterpolo cittadina in un campionato nazionale. E lo farà con in testa Federico Romano, il tecnico capace in due anni di conquistare prima la Serie C e di agguantare poi, con merito, la Serie B.

“Accolgo la notizia con un misto di commozione e trepidazione – commenta fiero e soddisfatto Romano – da ormai sono 5 anni lavoravo con un chiodo fisso in testa, convinto che Livorno i suoi giocatori meritassero un palcoscenico del genere. Non mi sembra vero, ce l’abbiamo fatta…”.  E’ in viaggio per Malta, Federico. Dove la squadra che comprenderà naturalmente capitan Daniel Pizzo, Michele De Zordi, Jacopo Toninelli e Luca Biasci si appresta ad affrontare un prestigioso torneo internazionale per toccare subito con mano l’alto livello tecnico-tattico che presenterà la Serie B: “E’ una soddisfazione particolare quella che sta dentro questa notizia – prosegue il presidente della Nuoto Livorno, Carlo Chelli – una notizia che non ci ha colti di sorpresa, perché attraverso la richiesta di disponibilità da parte della Fin avevamo capito le concrete possibilità ripescaggio; poi l’ufficializzazione “non ufficiale” di una decina di giorni fa e ora la certificazione effettiva con la pubblicazione dei gironi e dei calendari”.
Nel 2013 un entusiasmante campionato di Serie D, culminato appunto con la stupenda promozione ottenuta espugnando il campo della capolista Fiorentina all’ultima giornata in una cornice di tifosi (un centinaio…) arrivati in riva all’Arno apposta per l’occasione. Dunque il campionato di Serie C, un gran bel campionato, che ha visto a lungo la NL al secondo posto in attesa della terza poltrona finale frutto anche dall’amara, ma costruttiva ed educativa sconfitta nel derby con i cugini; una sconfitta che la dice lunga sulla capacità di Federico Romano nel riuscire a rendere competitive le sue squadre, quelle seguite direttamente ma anche quelle seguite indirettamente: “Si è trattato di un percorso dettato dalla profonda stima verso alcune persone – chiosa Chelli – Federico in primis, e con lui i suoi e nostri giocatori più esperti tant’è che tre anni fa decidemmo di fare pallanuoto nel momento in cui capimmo che Federico stava per lasciare, convinti che con lui avremmo disperso un autentico patrimonio sportivo locale. E allora, con lui, pianificammo le “fondamenta” per il settore giovanile, la base su cui avviare un nuovo percorso serio a Livorno. E dopo una sola stagione ecco la possibilità di far tornare a casa anche il gruppo “storico” abiurato assieme a Federico dai cugini della Pallanuoto Livorno. Perché Daniel, Jacopo, Michele e Luca sono ragazzi innamorati di pallanuoto, un esempio livornese per i nostri giovani, vero, autentico, di gente che ha la Pallanuoto nel dna e che gode, profondamente, nel fatto di poterla giocare rappresentando la città di Livorno”.

Segue il Girone 1 (dei 4) del Campionato di Serie 2014/2015: C.N. Sestri, Crocera Stadium, Dinamica Torino, G.S. Aragno, Lerici Sport 1954, Nuoto Livorno, Pallanuoto Farnese, Rapallo Nuoto, R.N. Cagliari, Sportiva Sturla.

Riproduzione riservata ©