Nicola non si nasconde: “Il pari era più giusto. Mercato? Attendo dei rinforzi”

di rcampopiano

Mediagallery

Nicola ormai ci ha insegnato a guardare sempre il bicchiere mezzo pieno. E anche in questa occasione non fa eccezioni. A lui questo Livorno è piaciuto nonostante la sconfitta e una rosa ancora non all’altezza della serie A. Impossibile (per fortuna) cancellargli il sorriso dalla faccia: “In campo ho visto molte cose buone. La nostra voglia di proporre gioco è sempre la stessa. Non dimentichiamoci che di fronte avevamo una squadra con molti elementi che hanno militato per anni in serie A. Abbiamo controllato il gioco per buona parte della partita creando numerose palle da gol. Ne abbiamo concessa qualcuna un po’ da polli ed è nato il loro vantaggio. Probabilmente il pari era il risultato più giusto per quanto il campo ha fatto vedere”. Adesso la testa è già alla Roma: “Dobbiamo capire che quest’anno non sarà come quello passato. Serviranno maggiore qualità e velocità nel manovrare l’azione. Ora però io penso già alla Roma e a come preparare questa sfida affascinante per certi versi”.
Un’ultima battuta sul mercato: “A me non interessa questo. E’ chiaro che qualcuno dovrà arrivare, ma ora io devo far credere ai miei ragazzi che anche se la rosa restasse così loro saranno all’altezza della situazione e possono competere con chiunque. Anche loro aspettano novità, com’è giusto che sia”.

Alessandro Lambrughi non fa drammi per la sconfitta: “Ci abbiamo provato fino all’ultimo mostrando a tratti un buon calcio. Il caldo probabilmente ci ha condizionato, ma ora la testa è già alla Roma. Il Siena ha fatto la partita che tutti ci aspettavamo. Complimenti a loro, ma non preoccupiamoci più di tanto per questo ko”.

Anche Bernardini abbraccia la filosofia del compagno: “Sapevamo che era una partita difficile e così è stato. Abbiamo messo in difficoltà il Siena in più di un’occasione e forse ci è mancato solo il gol. Nella ripresa siamo migliorati dando l’anima per cercare di pareggiare. Uscire è sempre un peccato perché questa magari poteva essere un’occasione per impiegare chi giocherà meno. Tuttavia la nostra testa è già al match contro la Roma”.

Non può che essere felice Daniele Beretta per questa vittoria: “Il Siena oggi ha disputato una buona partita. Abbiamo sofferto in alcune circostanze, ma era normale. Il risultato fa bene soprattutto al morale perché vincere in casa di una squadra di A non è mai facile. Sapevamo che gara ci attendeva e siamo contenti di come abbiamo tenuto il campo”.

 

Riproduzione riservata ©