Mercato. Antonini è amaranto. Salta Amauri, preso Valoti. Sfuma l’affare Ardemagni

Mediagallery

Operazione Dirty Soccer: il Livorno calcio è stato prosciolto (leggi qui l’indagine). Per quanto riguarda il mercato Luca Antonini, l’ex difensore del Milan, attualmente in maglia bianconera dell’Ascoli, il 1° febbraio si è recato all’Ata Quark Hotel di Milano per firmare con il Livorno. Antonini, 33 anni, dunque, è ufficialmente un giocatore amaranto (nella foto insieme a Valoti tratta dalla pagina facebook del Livorno Calcio) e con questa maglia concluderà la stagione in corso. Per l’attacco, sfumato in tarda serata il colpo Amauri, l’attaccante italo-brasiliano del Torino.  Alla punta sono stati offerti 100mila euro per sei mesi ma sembra che questa cifra non accontentasse le richieste dell’ex bomber.  Niente da fare inoltre per l’Empoli alla caccia del difensore amaranto Ceccherini che rimane con il Livorno.
Ufficiale invece lo scambio con la società del Pescara che porta all’Armando Picchi Mattia Valoti, centrocampista di 22 anni, in cambio di Cristian Pasquato che si è accasato dunque con la società adriatica.
La società amaranto ha lavorato forte al prestito con diritto di riscatto di Simone Ciancio, classe 1987,  terzino del Cosenza.C’era l’ok del giocatore ma è saltato l’accordo tra le due società. Niente di fatto.
Preso in serata dall’Empoli invece il giovane “primavera” Miele. Il Livorno ha poi cercato di piazzare Comi ma non è stato facile e alla fine tutto naufragato. Naufraga anche nel finale la stretta per la punta del Perugia Ardemagni.

Ecco il riassunto del mercato amaranto.
Acquisti: Borghese, Baez, Schetino, Regoli, Valoti, Antonini, Miele.
Cessioni:
Calabresi, Maicon, Kukoc, Pasquato

Riproduzione riservata ©