Livorno, preso Piccini dalla Fiorentina. A centrocampo idea Valdifiori, problemi per il rinnovo di “Beli”

di rcampopiano

Mediagallery

LIVORNO – In attesa delle ufficialità di Benassi e Bardi (che dovrebbero avvenire nelle prossime ore o la massimo all’inizio della prossima settimana) il Livorno si aggiudica un altro giovane dal futuro assicurato: dalla Fiorentina infatti arriva (in prestito con diritto di riscatto) Cristiano Piccini, esterno destro classe 1992, la scorsa stagione allo Spezia. Il giovane può ricoprire i ruoli sia di terzino che di ala pura. Una vera boccata d’aria specie per Schiattarella chiamato più volte a fare gli straordinari. Lunedì dovrebbe eseguire le visite mediche e poi si potrà mettere finalmente nero su bianco. Si va componendo piano piano lo scacchiere a disposizione di Nicola per la prossima stagione.

Dalla Fiorentina è attesa una risposta definitiva per quanto riguarda Salifu: l’accordo sembrava imminente, poi ci sono stati alcuni intoppi che hanno rallentato l’arrivo a Livorno dell’ex Catania. Migliaccio e Donadel invece non vestiranno l’amaranto: entrambi hanno preferito altre destinazioni. Il primo ha scelto Genoa mentre il secondo preferisce giocarsi le sue chance al Napoli. Vietato disperarsi perché gli occhi vigili di Capozucca e Perotti sono sempre all’opera  Per la fascia sinistra continuano i contatti con Fiorentina e Cesena rispettivamente per Llama e Ceccarelli con il primo che parte favorito vista la sua grande esperienza in serie A. L’ipotesi, più suggestiva che altro, di Molinaro è destinata a restare tale a causa dell’elevato ingaggio percepito dall’ex Juventus. Sempre per il centrocampo è stato fatto un sondaggio con l’Empoli per Valdifiori: i biancoazzurri sono disposti al dialogo. Per la difesa continuano i contatti con Frey (ex Chievo fratello di Sebastian): il francese si è svincolato dal Chievo quindi arriverebbe gratis. Stesso discorso per Emiliano Moretti in uscita dal Genoa. 

Per quanto riguarda Belingheri, nelle ultime ore c’è stata una frenata. Il giocatore, giustamente, non si muove dalla sua richiesta di un biennale e aspetta un segnale dalla società che al momento è ferma ad un anno. Se la situazione non si sbloccherà a breve allora le due parti si separeranno visto che sul buon Luca ci sono Chievo e Bologna in A e Palermo in serie B. Per Miccoli la porta non è ancora chiusa: il giocatore è svincolato e con tutto il clamore mediatico che hanno suscitato le sue frasi su Falcone farebbe di tutto per giocare ancora in A. Quindi è giusto pensare ad una richiesta non particolarmente alta d’ingaggio.

Capitolo cessioni. Dell’Agnello a breve dovrà decidere: Pro Patria, Cremonese e Sudtirol. Su Bigazzi c’è sempre l’interesse di Padova, Novara e Modena mentre Salviato è ad un passo dall’accasarsi al Novara. Gemiti è richiesto dal Carpi ma prima di lasciarlo partire la società deve trovare un degno sostituto.

Riproduzione riservata ©