Il mister non ci sta: “Abate andava espulso. L’episodio avrebbe cambiato la gara”

Mediagallery

Mister Di Carlo non ci sta. La mancata espulsione di Abate grida ancora vendetta specie perché la partita poteva mettersi su binari diversi. Poi ci stava anche di perdere con l’uomo in più, ma almeno era lecito sperare di poter fare il colpaccio: “Io mi aspettavo una reazione dopo la sconfitta con il Chievo – confida ai microfoni di Radio Bruno Sport –  e la squadra ha fatto bene. L’atteggiamento è stato giusto e poi il fallo di Abate poteva cambiare tutto. Noi siamo il Livorno e non pretendiamo regali, ma vogliamo che quello che ci spetti ci venga dato. L’episodio è stato determinante perché essere in superiorità numerica contro questo Milan e ancora sullo 0-0 potevamo dire la nostra. Il gol del 2-0 effettivamente ci ha un po’ tagliato le gambe, ma io riparto dal primo tempo per provare a fare punti contro la Lazio. Per la salvezza mancano ancora quattro partite e il quart’ultimo posto è a soli tre punti. Abbiamo il dovere di provarci e faremo di tutto per provare a mantenere la categoria. Se giochiamo con l’intensità e il cuore visto nella prima parte di gara possiamo ancora dire la nostra”.

Leandro Greco prova a fare l’ottimista:  “Abbiamo il dovere di provarci fino all’ultimo. Nel primo tempo abbiamo messo in difficoltà il Milan a San Siro, ora proveremo a fare lo stesso con la Lazio al Picchi. Al di là del modulo conta molto l’atteggiamento, anche se siamo stati puniti da alcuni episodi”.

Buona la prova di Valentini: “Purtroppo prendiamo sempre gol, ma le colpe non sono solo della difesa. Ora serve andare avanti e dare tutto in queste ultime partite. In settimana lavoriamo bene in vista della partita, ma ora ci gira anche tutto storto. Nel primo tempo abbiamo fatto bene e l’occasione di Mesbah poteva cambiare la partita. Matematicamente siamo ancora in corsa per restare in serie A, ma in questo momento dobbiamo mettere qualcosa di più in campo”.

Il fallo su Mesbah di Abate poteva cambiare la partita: “Il Milan ha dominato – afferma l’algerino –  però l’episodio sul fallo su di me poteva cambiare la gara. Non so se era rigore, però sicuramente Abate andava espulso. Dopo il 2-0 siamo crollati, ma proviamo a prendere di buono quanto fatto nel  primo tempo. Sassuolo e Bologna sono lì a tre punti quindi proviamo a tenere duro fino all’ultimo. Mancano ancora quattro partite e la situazione può cambiare da un momento all’altro specialmente a partire da domenica prossima”.

Riproduzione riservata ©