Livorno-Vicenza 1-1. Amaranto a un punto dai playoff

Mediagallery

Subire il gol del pareggio in piena zona recupero fa sempre male, specie dopo una partita dove non hai corso il minimo rischio. Tuttavia il rigore di Cocco al 93’ non deve gettare nello sconforto perché, dando uno sguardo alla classifica (LA CLASSIFICA), ci si accorge di come un punto o tre non cambiassero di molto il destino degli amaranto. Anche con la vittoria sarebbe stato necessario non perdere a Pescara per accedere ai playoff. Esattamente come ora. Soltanto novanta minuti distanziano il Livorno dagli spareggi promozione e, a differenza di quanto pensavano in molti, adesso saranno gli amaranto ad avere dalla loro due risultati su tre (LA CRONACA). Un grazie però va speso per il Varese, già retrocesso, ma capace di battere 2-1 proprio gli uomini di Baroni. Che adesso dovranno per forza vincere per arrivare ai playoff. Inutile stare a sottolineare come la partita di venerdì sera assume un’importanza capitale per il futuro del Livorno (LE INTERVISTE).

Ora che abbiamo analizzato gli aspetti positivi di questo 1-1, passiamo anche alla nota più dolente. Finita la partita nessuno poteva mai pensare che Mazzoni se la prendesse con Brighenti tanto da meritarsi un rosso diretto. “Un’espulsione cosa vuoi che sia” potrebbe essere il pensiero, se non fosse che il secondo portiere, Bastianoni, ha chiuso anzitempo la stagione per un brutto infortunio al braccio. Ecco quindi che si aprono le porte a Matteo Cipriani. “Chi?” prendendo spunto dal compianto Maurizio Mosca. E’ il terzo portiere amaranto ma del quale si parla un gran bene. Ha fatto tutta la stagione in prima squadra nonostante potesse giocare con la Primavera ed ha imparato molto da Mazzoni, Coser e Bastianoni. Cerchiamo di non caricarlo troppo di responsabilità perché alla fine si tratta di un ragazzo del ’96 alla sua prima partita in serie B. L’anno scorso al torneo di Viareggio impressionò e risultò tra i migliori numeri uno della manifestazione. Panucci ha espresso grande fiducia in lui, staremo a vedere.

La gioia – Il tecnico, un po’ a sorpresa, ha optato per un Livorno più guardingo. Un 4-5-1 con Vantaggiato unica punta perché, in partite come queste, l’obiettivo numero uno è primo non prenderle. Sulle fasce molto bene Moscati a destra. Suo l’assist vincente per il gol di Vantaggiato di testa, quindicesimo centro per il toro di Brindisi autore di un campionato superlativo. Da rivedere Maicon che non sta attraversando un buon momento di forma: Panucci dalla panchina gli ha urlato di tutto anche per alcuni retropassaggi che hanno fatto venire più di un brivido a Mazzoni. Dopo neanche mezz’ora però Biagianti ha dovuto lasciare il campo. Dentro Pires con Luci che ha avanzato la sua posizione. Il 4-3-3 del Vicenza è stato ben arginato visto che Mazzoni non è quasi mai stato chiamato in causa seriamente se non con un tiro di Cocco nella ripresa.

AND_8388

La beffa – I minuti scorrono e dagli altri campi arrivano risultati un po’ a sorpresa. Il Pescara è sotto con il Varese già retrocesso, l’Avellino invece è stato fermato sul pari dal Trapani. Meglio di così non poteva andare, ma la beffa è sempre dietro l’angolo. Marino, nel tentativo di recuperare il risultato, ha inserito tutte le punte possibili e immaginabili e proprio una di queste, Petagna, è stato abile e furbo a farsi stendere da Emerson in piena area di rigore. Pasqua ha indicato il dischetto tra le proteste generali. Cocco dagli undici metri non ha fallito e al 93’ il risultato è tornato in parità. Tutto sommato va bene anche così perché, come detto, il Livorno si giocherà i playoff a Pescara in un campo che rievoca tanti ricordi.

AND_8316

La doppia beffa – Ma cos’è veramente successo a fine partita? Partiamo da un antefatto. Mancavano cinque minuti alla fine e Mazzoni se l’è presa con Brighenti reo di aver detto qualche parolina di troppo. “Parlavo con il mio compagno” sarebbe stata la replica del vicentino. Il pareggio in pieno recupero è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il portiere amaranto a fine partita si è recato subito da Brighenti per “regolare i conti”, ma ne è nato un parapiglia generale dal quale ne è uscito peggio proprio Mazzoni, beccato dall’arbitro a dare un buffetto all’avversario (sembra che il portiere abbia ricevuto lo stesso trattamento, ma questo sarebbe sfuggito al direttore di gara). Rosso diretto quindi per il portiere che salterà la trasferta di Pescara e forse anche, se ci sarà, la prima gara dei playoff.

Il tabellino

Livorno: Mazzoni, Ceccherini, Emerson, Lambrughi, Moscati (73′ Gemiti), Luci, Biagianti (26′ Pires), Djokovic, Maicon, Jelenic, Vantaggiato. A disp: Cipriani, Remedi, Empereur, Strasser, Remedi, Belingheri, Galanibov, Jefferson. A disp: Panucci
Vicenza: Vigorito, Laverone, Brighenti, Manfredini, Sampirisi, Moretti (45′ Vita), Di Gennaro (75′ Petagna), Cinelli, Spinazzola, Cocco, Ragusa. A disp: Bremec, Camisa, Garcia, Alhassan, Sbrissa, Gentili, Mancini. All. Marino
Arbitro: Pasqua di Tivoli
Rete: 32′ Vantaggiato, 92′ Cocco (r)
Note: angoli 6-0 per il Vicenza, ammoniti Brighenti, espulso Mazzoni al 95′, recupero 1′, spettatori 7.187

pagelle 01

Mazzoni 4: perde la testa a partita finita e rimedia un rosso che rischia di costare carissimo in ottica playoff.

Ceccherini 6,5: pulito negli interventi e concentrato come da un po’ non accadeva.

AND_8407

Emerson 5,5: bene fino ai minuti di recupero, poi un’ingenuità non da lui con il fallo da rigore su Petagna.

Lambrughi 6: qualche rischio in più dei compagni, ma comunque sufficiente contro il vaporoso Spinazzola.

Moscati 6: diverse pause e qualche lampo, come il cross che trova la testa di Vantaggiato (74’ Gemiti sv)

Luci 5,5: in apnea nel primo tempo, ha difficoltà nel fraseggio. Cresce alla distanza quando le linee si allargano.

Biagianti 6: fuori per qualche acciacco fisico dopo esser stato tra i migliori nei primi 25 minuti (26’ Appelt Pires 5,5: solito ritmo compassato, unito ad una inusuale imprecisione di fondo).

AND_8427

Djokovic 6: più incontrista che incursore, cerca di inaridire le fonti di gioco vicentine.

Maicon 5: spesso fuori posizione, rischia con due retropassaggi e Panucci con lui perde la voce.

Jelenic 5,5: si sbatte molto tra linea di centrocampo e di attacco, perdendo lucidità nelle giocate.

Vantaggiato 7: migliore in campo ancora una volta, sia per lo spirito con cui affronta (quasi) da solo la difesa ospite, sia per il gol che potrebbe valere l’accesso ai playoff (88’ Galabinov sv).

All. Panucci 6: presenta una squadra accorta e pronta a colpire di rimessa, e il piano funziona fino al 90’. Non ha molto materiale su cui lavorare, sta cercando di ottenere il massimo dai suoi giocatori.

AND_8510

VICENZA

Vigorito 6: inchiodato da Vantaggiato nell’unico vero tiro nello specchio.

Laverone 6: moto perpetuo a destra, chiude bene Jelenic.

Brighenti 5,5: anticipato in elevazione nell’azione che decide la partita.

Manfredini 6: poco mobile ma con ottimo senso della posizione.

Sampirisi 6,5: propositivo a sinistra, crea qualche problema a Maicon.

AND_8284

Moretti 5,5: un tempo sotto tono, non entra nel vivo del gioco (46’ Vita 6: ingresso che scuote la squadra, porta vivacità e dinamismo a metà campo).

Di Gennaro 6: non dispiace da regista davanti alla difesa, ha tempi di gioco e piedi buoni (75’ Petagna 6: guadagna il rigore a tempo scaduto).

Cinelli 6: giocatore di categoria, non disdegna il clima battagliero della sfida.

Spinazzola 5,5: abbastanza fumoso, non conclude mai le iniziative che avvia.

Cocco 6,5: in pratica fa reparto da solo. Impegna Mazzoni da fuori, segna il rigore che tiene il Vicenza al terzo posto.

Ragusa 6: prova qualche numero e duetta bene con Sampirisi, ma non tira mai (83’ Sbrissa sv).

All. Marino 6: Vicenza senza grosse individualità ma con un rodato gioco di squadra. Fortunato nel trovare il pari nel finale su rigore, ma i biancorossi non hanno mai perso la bussola.

 

Riproduzione riservata ©

31 commenti

 
  1. # Allucinante

    “Il giocatore, stando a quanto ha riferito il dottor Porcellini, da questo lunedì doveva essere a Livorno per allenarsi con il gruppo invece ha preferito rimanere a Bologna per curarsi.”

    Cioè per questo motivo qui c’è tutto sto accanimento ? Quindi uno se ha un testicolo in fiamme deve giocare lo stesso? Non sarebbe meglio armonizzarsi con il reale stato dei giocatori facendo semplicemente giocare chi sta meglio e non chi è più bravo a priori ?? Adesso ho capito come mai perdete tutte le partite, il calcio a Livorno è così, poco lucido, rabbioso e violento, senza tecnica né cervello, e quando un giocatore si lamenta gli vanno tutti addosso invece di capirlo, non gli si dà il tempo di recuperare perché si vuole vincere a tutti i costi..si dice i giocatori sono cotti ma un 3 4 giorni di riposo ancora non glieli date ? Cosa pensate che più si allenano e più son forti ? Più si allenano e più si stancano, poi fate come vi pare eh..del resto non è che siete il Milan..scusate eh !!!

  2. # ci onci

    Eh ma cosa hai bevuto???

  3. # nonnagino

    Le ipotesi sono due o sei un giocatore del Livorno o sei un parente di Siligardi altrimenti non si spiega tutto l’impegno che hai messo in questa filippica.
    Prova ad arrancare per arrivare a fine mese e vedrai che rientri a lavoro come un missile te lo garantisco, per tutto il resto c’è mastercard

  4. # luca63

    In genere quando un allenatore fa cosi’ e ‘ perche’ cerca capri espiatori.Tanto piu’ che sa che Siligardi il prossimo anno non sara’ qui.

  5. # El guercio

    in compenso abbiamo il barcellona a 20 Km a nord. Vai gosto, vai a scrivere su “le cronache del contado” invece di tediarci.

  6. # veciodelbasket

    Ma te li rispondi anche! C’hanno talmente tanta bile in corpo che non riescano a farsi i fatti loro…

  7. # France63

    Te invece scrivi sulle cronache del ” nero incatenato “

  8. # GIULIO

    Panucci…..ero piccino!! Certo che si, possiamo anche battere il Barcellona…..ma stralevati

  9. # asciugati

    che Battini stia sempre con voi 🙂

  10. # luca60

    DATO CHE L’ARTICOLO 18 NON ESISTE PIU SE SINIGARDI FA IL FURBETTO MANDIAMOLO VIA E NON DIAMOLI UNA LIRA

  11. # Alla Frutta

    E devi esse Arrigo Sacchi. Annacqualo vai..

  12. # Alla Frutta

    Panucci un sanguigno senza peli sulla lingua. Spero che rimanga perche a Livorno ci piace. Siligardi? Vada a fare la panca

  13. # Alessio

    Fino al 30/06 e’ stipendiato dal Livorno. Fa bene Panucci a parlare chiaro

  14. # Valerio di Livorno

    E’ giusto punirlo ! ! !

  15. # franco

    Carissimo “Allucinante” ,nessuno ti ha insegnato che i contratti si rispettano fino alla fine???????, è vero il Livorno non è il Milan,ma Siligardi non è Messi, e la serietà non si compra alla “Coppe” o ce l’ hai come bagaglio culturale o sei un uomo sfigato!!!!!!!!
    Cosa pensa che a Verona in serie A scoppia le reti?????

  16. # cavedano

    Siligardi si ricordi che prima di venire a Livorno faceva la riserva nella Triestina ad un certo Volpe (si quello del Livorno). Ma la riconoscenza è dura per tutti

  17. # epareggiosia

    dai altri due pareggini, cosi siamo fuori dai playoff, si evita ulteriore agonia, e si conclude il campionato con una serie positiva che nemmeno al barcellona riuscirebbe!

  18. # Beppone

    Panucci =Inzaghi, con due allenatori cosi dove vogliono andare le due squadre, infatti da nessuna parte, meno male, che ci siamo salvati, sennò!……..Sor Spinelli guarda al Parma? mi sembra che ci ha provato a prenderla qualche anno fa?

  19. # mauro 1947

    Siligardi ha dato molto al Livorno e il Livorno ha dato molto a lui. Di sicuro senza di lui siamo purtroppo molto meno pericolosi in attacco. Solitamente i grandi infortunati erano presenti in tribuna con tanto di gesso e mazze a seguire i propri compagni, specie nei momenti di difficolta’. Lo ha fatto Luci, lo ha fatto lo stesso Siligardi. Se questa volta preferisce starsene a casa sua anziche’ con noi e’ perche’ ritiene il discorso con il Livorno chiuso. Non mi sembra un gran comportamento, al contrario di quando scendeva in campo.

  20. # maurizio

    Forza livorno sempre contro tutti e tutto. ….

  21. # luca63

    Probabilmente Panucci parla chiaro proprio perche’ sa che Siligardi NON e’ piu’ del Livorno dopo il 30.Altrimenti sarebbe preoccupante.Qualsiasi allenatore di 3 categoria sa che i panni sporchi si lavano in famiglia…

  22. # max

    L’ARBITRO HA COMPROMESSO I NOSTRI PLAY-OFF, MA LA SOCIETA’ ,CHE NON ESISTE PIU’,DOVREBBE FARE RICORSO !

  23. # max

    VICENZA: SCIPPO SCANDALOSO.

  24. # Bradipo

    Mazzoni ma te ne rendi conto di cosa hai combinato?….Ora ci va un bimbo di 19 anni che……Ma per piacere!!!!!

  25. # nena

    Che basti un pari, non ci sono dubbi, ma portarlo a casa con il vice del vice portiere, la vedo un po’ dura. Ma come si fa a perdere le staffe a partita finita, quando c’è solo una partita per accedere ai play off? Speriamo che questo vice del vice sia l’erede di Buffon, ma non hai messo il piede in un campo con squadre di serie B! Povero lui!

  26. # mina

    qui s’arriva ai playoff a suon di pareggini…che schifo di campionato!

  27. # Ale

    MAZZONI tchhhhh che vergogna!

  28. # antispinelliano

    Mazzoni hai voluto fare il leone….poi troppo ganzo i gioatori del Vicenza ti hanno accerchiato speravi che qualche tuo compagno ti venisse in aiuto….la tua squadra che difendi tanto dalle critiche dei tifosi ti ha lasciato da solo contro tutti quelli del Vicenza….meno male e corso in aiuto Panucci. …..anche in queste situazioni si vede
    Se un gruppo ha le p….purtroppo questo gruppo non ha niente zero personalita zero carattere….

  29. # federico

    Se il portierino che schiereremo a Pescara come dice l’articolo ha imparato tanto da Mazzini allora tantovale non presentarsi neppure.
    Apparte gli scherzi, ripongo davvero molta fiducia e speranza in questo ragazzo di cui se ne parla davvero bene, sperando che faccia una prestazione super e Levi il posto a quella seggiola di mazzoni che davvero non si può vedere…come ciliegina sulla sua stagione mediocre l’espulsione di quest’oggi…spero il prossimo anno se ne vada nella categoria che gli appartiene…la terza.

  30. # portoete

    Facciamo una scommessa? Ha il carattere per giocare senza paura. Non facciamo terrorismo ingiustificato. Se non ci si rende conto che un giocatore, di qualsiasi età ed esperienza, attenzione, quando inizia la partita è pronto a dare il 100% senza problemi, vuol dire che non si è mai giocato. …. ma chiacchierato e basta. Ok?

  31. # marchino

    HOOO menomale che lo hanno buttato fori. Ma dove gli sembrava d esse…..Al mercato in piazza CAVALLOTTI. Deve sempre letiaaa, ma stai sereno…!!!

I commenti sono chiusi.