Livorno, settimana decisiva per Nicola. Rinaudo saluta e l’Entella chiede ospitalità al Picchi

La società ligure ha chiesto di poter giocare le prime partite del prossimo campionato a Livorno

Mediagallery

Questa settimana sarà decisiva per il futuro tecnico del Livorno calcio. Sul fronte societario è tornata la calma dopo che il gruppo capitanato da Bandecchi si è sciolto come neve al sole. Il presidente Spinelli ha in programma sia l’incontro con Davide Nicola sia quello con Siligardi. Entrambi due casi spinosi che il patron spera di risolvere positivamente. L’accesso dello Spezia ai playoff sembra aver avvicinato un pochino il tecnico alla conferma, ma è ancora troppo presto per fare calcoli. Nicola ha detto in più di un’occasione cosa vuole per restare: un progetto serio e più peso sulle decisioni riguardanti il calciomercato. Non vuole più assistere a casi Mosquera e Borja (arrivati senza che lui ne fosse messo al corrente). Per quanto riguarda Siligardi invece la situazione è diversa. Spinelli punta forte su di lui per costruire la squadra, ma le sirene della serie A sono un richiamo troppo forte per la freccia emiliana. Qualora arrivasse l’offerta giusta allora il trequartista verrà ceduto altrimenti rimarrà alla base.

Chi invece ha fatto le valigie è Rinaudo. Il difensore aveva un anno di contratto con opzione per il secondo. Opzione che però non è stata esercitata dal Livorno. In serie B uno come lui avrebbe fatto un gran comodo vista la sua esperienza. Nelle ultime partite poi era stato possibile farlo giocare insieme ad Emerson. Peccato perché il palermitano è uno che ha sempre sputato sangue per questa maglia. Difficile pensare che le due parti possano riavvicinarsi anche se il centrale non avrebbe problemi a scendere di categoria. Dopo Valentini un altro pezzo della retroguardia che abbandona la nave. Fortuna che rientreranno Bernardini, Gonnelli e Gasbarro altrimenti son dolori.

Chiudiamo con una curiosità. L’Entella, promossa quest’anno in serie B, ha chiesto al Livorno la possibilità di giocare le prime partite casalinghe all’Armando Picchi visto che i lavori al “Comunale” rischiano di finire già a campionato iniziato. La società amaranto ha già dato il suo ok all’operazione.

Riproduzione riservata ©