Il Livorno incontra i ragazzi della “Triglia”

Pomeriggio particolare per gli amaranto che hanno avuto come ospiti al Centro Coni i ragazzi della Triglia, squadra delle associazioni Avo Fasam e Mediterraneo Onlus

Mediagallery

Pomeriggio particolare per gli amaranto che hanno avuto come ospiti al Centro Coni i ragazzi della Triglia, squadra delle associazioni Avo Fasam e Mediterraneo Onlus. La Triglia partecipa al campionato Uisp per l’inclusione sociale di ragazzi con disabilità mentale, disputando tornei di calcio a otto con le uguali realtà di tutta la Toscana. Mister delle Triglie è Daniele Bavone che ha accompagnato i componenti del team in questa particolare giornata. Il progetto è in convenzione con il dipartimento di salute mentale dell’Asl 6 ed il gruppo è composto da volontari ed utenti che settimanalmente svolgono un allenamento ed una partita di campionato. Il progetto mira alla socializzazione ed all’inclusione nella società di questi soggetti. Un premio particolare è stato consegnato da mister Panucci ed i giocatori a Matteo Badalassi, soprannominato il “Biondo Fenomeno”, attaccante mancino autore di 116 reti con la squadra della Triglia, che ha segnato anche sei reti internazionali contro il Barcellona e avversari norvegesi e africani. I ragazzi della Triglia presenti al Coni: Paolo Di Giuseppe, Maurizio Riccobono, Matteo Badalassi, Umberto Merli, Paolo De Rosa, Federico Martinelli, Nicola Manteri, Alessandro Politi, Giorgio Silvestri (dirigente), Daniele Bavone (mister).

Riproduzione riservata ©