Gautieri: “Fatto un brutto passo indietro”

Mediagallery

di Simone Panizzi e Riccardo Campopiano

Per niente soddisfatto della prestazione sottotono del suo Livorno, Carmine Gautieri ammette con molto sincerità le difficoltà della squadra: “Per il Livorno è un passo indietro. Il brutto infortunio di Mosquera dopo pochi secondi ha condizionato mentalmente la squadra, ed è dovuto entrare Luci a freddo. Siamo stati lenti nel fraseggio, prevedibili. Abbiamo sbandato per 35-40 minuti e abbiamo perso su due errori difensivi ”. Come ripartire dunque? “Non dobbiamo piangerci addosso, ma voltare pagina e ripartire. Oggi siamo mancati più come contesto di squadra che nei singoli. Dobbiamo lavorare durante la pausa e cercare di disputare un buon girone di ritorno”. Qualche collega chiede spiegazioni dell’esclusione di Siligardi. “In settimana ho visto bene Cutolo a destra e ho schierato lui. Non c’entra niente il mercato, di quello non voglio parlare”.

Emerson non riesce a trovare le parole per commentare la sconfitta: “E’ dura dire cosa non ha funzionato. Abbiamo preso gol su due nostri errori e non siamo stati in grado di reagire. Il vantaggio andava gestito meglio e quel gol preso sul finire di primo tempo è stato duro da digerire. Siamo tutti consapevoli che dobbiamo dare di più. Fisicamente credo che stiamo bene anche se fare tre partite in una settimana non è facile. In questi giorni dobbiamo capire cosa sbagliamo e cercare di migliorare il prima possibile perché prestazioni come questa non sono ammissibili”.

Protagonista, purtroppo in negativo, Vantaggiato: “Sul gol ero sicurissimo che Mazzoni fosse dietro di me. Per questo ho colpito il pallone di testa. Quando poi ho visto Maniero ho capito che la frittata era fatta. Mi dispiace moltissimo specie perché poi non sono riuscito a rifarmi. Quel gol è arrivato proprio sul finire di gara e ci ha un po’ tagliato le gambe. Dispiace perché stiamo buttando via troppi punti”.

Di tutt’altro umore il tecnico del Pescara Marco Baroni: “Credo che abbiamo vinto meritatamente. Siamo andati sotto nel punteggio ma non abbiamo perso le misure, continuando a proporre gioco e a fare le cose provate in allenamento”. Nell’altra metà del campo, un Livorno decisamente sotto tono: “Siamo stati bravi noi a tenerlo lontano dalla nostra area, consentendo solo lanci lunghi per gli attaccanti. Oggi forse sono più i meriti della mia squadra che i demeriti del Livorno”. Chiusura su alcuni singoli: “Melchiorri e Maniero stanno andando bene, ma tutti i compagni giocano in funzione delle due punte. Puntiamo a crescere e migliorare, stiamo ancora pagando il prezzo di un inizio disastroso con 3 punti in 6 partite”.

Riproduzione riservata ©