Ceccarini è il nuovo team manager del Livorno: “Spero di vedere un Picchi sempre pieno “

Mediagallery

Nuovo ingresso in società nel Livorno calcio. Piero Ceccarini, ex arbitro con all’attivo 137 direzioni in serie A, è il nuoto team manager della squadra amaranto. “Una figura come questa mancava” le parole del direttore generale Armenia. Livornese purosangue, Ceccarini farà da trade union tra la squadra e la società e aiuterà Gautieri e i giocatori a capire meglio le decisioni arbitrali. Per l’ex fischietto, contratto fino al 30 giugno. A spiegare i motivi di questa scelta ci ha pensato Armenia: “Precisiamo subito che non sarà l’addetto agli arbitri. Occorre essere al passo con i tempi e il presidente ha subito dato l’ok a questa mossa. Siamo sicuri che Ceccarini è una figura che ci farà crescere perché conosce bene l’ambiente e la classe arbitrale. Da questa settimana è già a lavoro e si è già incontrato con la squadra. Sarà il riferimento in campo della società”.

Per Ceccarini si avvera un sogno che aveva fin da piccolo: lavorare per la squadra della sua città. Una vola appeso il fischietto al chiodo, ha ricoperto molti ruoli nel settore arbitrale, ma ha sempre voluto cimentarsi con qualcosa di nuovo. Il Livorno ora gli dà questa possibilità: “Sono molto soddisfatto della scelta perché questo è un obiettivo che mi ero prefissato da tempo. Voglio ringraziare la società per l’opportunità che mi dà e cercherò di portare la mia esperienza per aiutare il più possibile la squadra. Sono stato un tifoso del Livorno fin da bambino e non vedo l’ora di mettere piede sul terreno del Picchi”.
L’ex arbitro poi fa una riflessione sul momento che sta vivendo il tifo livornese: “I nostri supporter sono encomiabili sia in casa che in trasferta, ma vorrei vedere uno stadio più pieno. Mi ricordo che nel ’70, per un Livorno-Pisa c’erano 27mila persone. Io ho arbitrato anche partite internazionali e uno stadio pieno dà una spinta in più anche quando la squadra perde malamente. Vorrei che si ricreasse lo spirito di qualche anno fa, ma so che ci vorrà del tempo”. Il nuovo team manager parla anche della squadra e del presidente: “Sono tutti bravi ragazzi per fortuna. Vedo società che fanno fatica a gestire i loro giocatori, ma non è il caso di Livorno. Con Spinelli mi sono incontrato sabato dopo la gara con il Perugia. E’ stato un colloquio proficuo e lui si è ricordato delle volte in cui ho arbitrato il Genoa”.
Nel corso della sua vita a Livorno, Cecccarini ha ricoperto anche un ruolo all’interno delle gare remiere: “Mi ha chiamato l’allora assessore allo sport D’Alesio. E’ un mondo completamente diverso rispetto al calcio e molto più colorito. Far rispettare le regole non è mai semplice però è stata un’esperienza bellissima che mi ha permesso di scoprire un altro aspetto di Livorno che non conoscevo”.

Riproduzione riservata ©