L’Accademia della Scherma vola in serie A1

Mediagallery

Con il successo di Ancona di sabato scorso, i fiorettisti Paroli, Finetti, Lucchesi e Valtriani hanno portato la società bluarancio nella massima serie nazionale, dopo solo cinque anni dalla fondazione. Nella Coppa Italia Valtriani ha strappato il pass per gli Assoluti individuali. Il cammino dei fiorettisti domiciliati al Modigliani Forum era partito nel 2012 quando per la prima volta i ragazzi bluarancio si erano schierati nella classica formazione a quattro moschettieri e andarono ad ottenere la prima promozione in B2. Poi, da lì, ogni anno il passaggio di serie è scattato sempre automatico. Lo scorso anno era arrivato il successo in B1 e sabato scorso quello in A2, con un percorso netto e senza sbavature dalla fase preliminare alla finalissima contro Como, vinta con grande stacco e senza il minimo problema. Sotto i colpi dei quattro accademisti Alessandro Paroli, Dario Finetti, Giacomo Lucchesi e Matteo Valtriani erano cadute in serie le formazioni di: Como, Torino e Modica nel girone preliminare e poi Catania e Treviso nei quarti e in semifinale, prima di riaffrontare i comaschi nella finale per il titolo.

“Sono davvero felice per questo successo e per la promozione – ha dichiarato il maestro Marco Vannini, presente ad Ancona che, poi, ha proseguito – Si tratta di un piccolo grande successo sportivo che mi godo pienamente visto che l’Accademia è nata dietro tante problematiche ed oggi, dopo qualche annetto di battaglie, riporta a galla la verità per la quale ci siamo sempre battuti e restituisce a questi ragazzi il valore che già apparteneva loro quattro anni fa, quando con molta umiltà si misero in moto nuovamente da zero insieme a tutto il collettivo, che, per loro, si era riunito sotto un nuovo brand”. Il tecnico, che ha anche la responsabilità del fioretto cremìsi ha poi concluso: “Sono felice per i ragazzi che si sono espressi con un livello nettamente superiore e per tutte le persone che lavorano per l’Accademia, oltre ovviamente, per me stesso che il prossimo anno vedrò affrontare l’A1 all’Accademia insieme alla mia squadra di sempre, le Fiamme Oro, che al loro interno, non dimentichiamocelo, hanno accademisti di eccellenza come Edoardo Luperi, Tommaso Lari e Michele Del Macchia”.

Lo stesso entusiasmo lo ha espresso il capitano della formazione bluarancio Alessandro Paroli, che dal suo profilo facebook ha dichiarato: “Ho tirato divertendomi un casino e nonostante, per me, che avevo vinto lo scudetto lo scorso anno con l’Aeronautica, l’idea di dover scendere nuovamente di serie non l’ho sofferta per niente, visto che sento l’Accademia come la mia famiglia, la mia casa che mi accoglie quotidianamente permettendomi di allenarmi al meglio per prepararmi ai miei ambiziosi traguardi”.

Sarà bello, dunque, tifare Accademia il prossimo anno agli Assoluti di scherma e sarà, forse, quella l’unica occasione per gli appassionati di scherma livornesi, di tifare una squadra amaranto nella massima rassegna nazionale di questo bellissimo sport.

COPPA ITALIA- Dopo la sbornia per il titolo a squadre sono scesi in pedana sempre al Palaindoor del Conero, i fiorettisti Matteo Valtriani e Giacomo Lucchesi, le fiorettiste targate Fiamme Oro Eleonora Dini eGiorgia Marazzini, la spadista Carolina Giovannoni e nella sciabola Alberto Fidanzi che, nell’occasione, ha sostenuto con successo l’esame per l’abilitazione a l’insegnamento che gli è valso l’ottenimento della qualifica di Istruttore di I livello SNaQ. Nei concorsi individuali della Coppa Italia solo Matteo Valtriani con il nono posto conseguito ieri, ha raggiunto il minimo risultato utile per strappare la qualificazione ai prossimi Assoluti di giugno a Roma, ai quali erano già sei gli accademisti ammessi, mentre per tutti gli altri l’appuntamento è rinviato alla prossima stagione.

Riproduzione riservata ©