Jolly Acli Livorno strapazza Sieci

Mediagallery

Jolly Acli Essevuteatro Livorno – Polisportiva Sieci ASD  72 – 55

Livorno: Grasso 15, Costa 20, Menichincheri 12, Buccianti 14, Paoli 2, D’Alessio 8, Posarelli 1, Carta, Mori, Toti. All. Mori

Sieci: Cioni 13, Mazzella 17, Consumi 10, Masi 13, Matteini 1, Martini 1, Bruschi, Fortuna, Fiorilli, Vigliena, Puccini. All. Montesi

di Gabriele Pritoni

LIVORNO – Bella vittoria della Jolly, che al Palacosmelli batte la squadra di Sieci, alla prima giornata di ritorno, con uno sforzo maggiore di quello che il punteggio farebbe intuire (clicca sul link in fondo all’articolo per guardare le immagini all’interno della fotogallery).

Il primo quarto si chiude addirittura con le ospiti in vantaggio di tre punti, grazie a quattro bombe – due di Cioni e due di Consumi, tra le migliori in campo – che fanno vedere alla Jolly i fantasmi della partita con La Spezia e a qualche errore di troppo: capitan Costa si mangia un appoggio, Paoli concede un facile uno contro uno e commette un intenzionale (assai dubbio, in verità) e la uomo è in generale troppo lenta.

La seconda frazione si apre con un uno due di Buccianti e Paoli – all’unico acuto di una serata un po’ opaca – che riporta avanti Livorno, dopo di che la partita si fa equilibrata e emozionante: il ritmo sale, la palla viaggia veloce e non sempre si riescono ad applicare gli schemi decisi nel piano partita perché manca la necessaria pazienza. In particolare coach Mori si imbestialisce perché in difesa le sue giocatrici continuano a portare gli aiuti dal lato forte, concedendo alla portatrice una facile possibilità di passaggio breve che spesso si trasforma in un tiro ad alta percentuale. In attacco le giallo nere non sfruttano a dovere il mismatch tra la Grasso e la sua avversaria Vigliena, che non ha i centimetri né i piedi per stare con la pivot livornese, ma possono contare su una Menichincheri in grande spolvero: la numero 9 non ha nelle corde l’arte della finta o i piedi da ballerina ma ha il fisico e la determinazione per attaccare il ferro con continuità e un talento cristallino per i rimbalzi. Alla fine il tassametro segnerà 12 punti che però sono solo una misura parziale del suo contributo alla causa. Ottimo come sempre l’impatto di Posarelli, che non segna ma fa una gran quantità di cose preziose per la squadra. Fino a 3’16” continua a regnare l’equilibrio (28 – 25) ma nel finale di tempo la Jolly allunga grazie a Costa, alla stessa Menichincheri e a un buzzer beater di Buccianti che porta il risultato sul 37 – 27. Quello che cambia è l’intensità difensiva della Jolly: Sieci non riesce a dare palla dentro praticamente mai e non può ricucire. Le ospiti non si riavvicineranno più, pur giocando con il coltello tra i denti fino al finale del terzo quarto, momento dell’espulsione – un po’ affrettata forse – di coach Montesi, che probabilmente cercava solo uno di quei falli tecnici buoni per scuotere la squadra.

Nell’ultimo quarto entrambe le panchine sono svuotate e c’è spazio anche per Mori e Carta, due ’97 che hanno bisogno di minuti per fare esperienza. “Fa piacere vedere in panchina delle giovanissime – sono parole del presidente Paoli – ma è anche il segno che il roster quest’anno è corto; cercheremo di fare il possibile per lavorare anche su questo aspetto nel futuro”; si allude al tanto aspettato rientro dall’infortunio di Sara Profeti e a qualche rinforzo che potrebbe arrivare da fuori.

Giornata in ufficio per Grasso (15 punti), risparmiata da coach Mori a risultato quasi al sicuro non prima di aver regalato al pubblico uno splendido canestro in fade away; Buccianti fa un’ottima gara in attacco con 14 punti e un paio di illuminanti assist a una mano direttamente dal palleggio in pieno stile Stephen Curry ma come il collega del più prestigioso campionato NBA pecca un po’ in difesa, subendo diverse entrate da parte dell’ottima Mazzella. Ventello per Costa, che dopo un primo quarto in sordina sale in cattedra ed è l’artefice del parziale decisivo.

Questo il commento di coach Mori: “Dopo due sconfitte consecutive questa vittoria ci voleva proprio. Temevo molto la partita: Sieci è una squadra rapida, non ti fa respirare e ha delle ottime tiratrici, all’andata avevamo meritatamente perso. Stasera però abbiamo sfruttato molto meglio il nostro vantaggio fisico grazie all’affiatamento che ora si inizia a vedere e che ci consente di dare la palla dentro con continuità”.

Prossimo turno sabato prossimo a San Giovanni Valdarno contro la Galli.

Classifica: PALL. FEMMINILE VIAREGGIO A.D. 24, A.DIL. FLORENCE BASKET 18, FISIO 2005 LE MURA 18, A.S.D. SOC CESTISTICA SPEZZINA 16, G.S. JOLLY ACLI BASKET A.S.D. 14, GMV MEET A.S.D. 12, A.D.BASKET FEMMINILE PONTEDERA 10, POL. DIL. A.GALLI BASKET 8, POLISPORTIVA SIECI ASD 8, A.DIL. PALL.FEMM.COSTONE SIENA 8, A.S.DIL. PALL. FEMM. PRATO 4, A.S.DIL. BK MASSA E COZZILE 4.

 

 

Riproduzione riservata ©