Caprilli, tornano le corse. Assegnata la gestione

La Dioscuri srl di Milano si aggiudica il bando. Ha ottenuto 95 punti a fronte dei 78,33 dell’ATI concorrente

Mediagallery

E’ stata la Dioscuri srl di Milano ad aggiudicarsi, in via provvisoria, la gestione dell’Ippodromo Caprilli fino al 31 dicembre di quest’anno.
La Commissione comunale esaminatrice, presieduta dal dirigente Maurizio Lenzi e composta anche dai funzionari Simonetta Lenzi e Paolo Demi, ha completato l’esame delle due offerte arrivate al Comune, quella dell’odierna vincitrice e quella dell’Associazione Temporanea d’Impresa (ATI) tra Sistema Cavallo srl, Ippomed srl e Ippodromi Meridionali srl.
La società milanese ha formulato l’offerta migliore, sia dal punto di vista progettuale che da quello economico. Il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin, si dichiara “soddisfatto per la rapidità con la quale è stata modificata la gara (in un primo tempo la durata della gestione era prevista per 3 anni) e per i tempi con la quale è stata assegnata”.
Inoltre, aggiunge il sindaco, “ho già preso contatti con il Ministero delle Politiche Agricole per ottenere l’inserimento dell’ippodromo Caprilli nel calendario della stagione ippica 2014. Ciò consentirà l’impiego dei lavoratori ex Labronica, come abbiamo auspicato sin dall’inizio del nostro mandato”. Per la parte progettuale la Dioscuri ha ottenuto 75 punti, contro i 65 dell’ATI, mentre per la parte relativa al canone di gestione dell’impianto ippico (base d’asta 3mila euro), da corrispondere al Comune di Livorno, l’impresa vincitrice ha offerto 9mila euro (punti 20), a fronte dei 6mila euro (punti 13,33) proposti dalla società concorrente. Il risultato finale ha visto così la Dioscuri srl ottenere complessivamente 95 punti a fronte dei 78,33 dell’ATI Sistema Cavallo, Ippomed e Ippodromi Meridionali. La Commissione esaminatrice ha quindi “ritenuta congrua l’offerta” dell’impresa milanese, decidendo, come da prassi, l’aggiudicazione provvisoria della gestione dell’Ippodromo Caprilli alla Dioscuri srl, cui seguirà l’aggiudicazione definitiva.

Riproduzione riservata ©