Domenica la 38° Risi’atori. Ecco l’estrazione delle boe

Mediagallery

Dopo gli antipasti della Coppa Liberazione e del Palio dell’antenna, la stagione remiera entra finalmente nel vivo con la prima delle tre gare “top”. Sabato e domenica infatti scatta la 38esima edizione della coppa Risi’atori “Tito Neri”.

Ecco l’estrazione delle boe:

1 – Ovosodo; 2 – Pontino; 3 – Borgo; 4 – Salviano; 5 – Labrone; 6 – San Jacopo; 7 – Venezia; 8 – Ardenza

La gara si articola in tre parti: sabato a partire dalle 17 scenderanno in acqua le gozzette juniores seguite da quelle femminili. Il giorno dopo toccherà ai gozzi. Per i primi il percorso è di circa 950 metri descritto all’interno di un triangolo (delimitato da boe) completamente all’interno della Darsena Nuova. La partenza è fissata davanti la cantina del Borgo Cappuccini. Si tratta di una gara a cronometro con un imbarcazione in gara a volta. Per quanto riguarda gli armi a dieci remi, la partenza è fissata per le 18 lungo la linea disposta tra la Gabbia e la Torre della Meloria. Il percorso, di circa 7600 metri (non a caso la gara è soprannominata la maratona del mare), prevede il seguente tragitto: Torre della Meloria-Molo Nuovo lato Sud – Porto Mediceo – Ponte girevole – Darsena Nuova.
Dall’anno scorso è stata istituita anche la “Supercoppa Risi’atori”. Il trofeo viene assegnato alla cantina che, nell’intero svolgimento della manifestazione, raggiungerà il maggior numero di punti accumulati in base ai posizionamenti delle proprie barche in ognuna delle tre categorie partecipanti: 8 punti al primo, 7 al secondo, 6 al terzo e così via fino all’ultimo che ne prende .
Rispetto agli anni scorsi, forse per una volta non è il Venezia a partire con il favore del pronostico. Il Pontino infatti, nelle prime due gare, ha dato prova di grande forza dimostrando di poter essere un avversario temibile. La parola adesso passa al mare.

 

Il Sindaco Nogarin commenta così questa edizione 2016: “Risi’atori, Palio dell’Antenna, Barontini e Palio Remiero: quale altra città può vantare così tante e così diverse gare remiere? Gare di radicata tradizione storica e assoluto livello agonistico come le nostre? E’ quindi con vera gioia da appassionato sportivo marittimo, ma con spirito “neutrale”, che domenica seguirò questa 38° edizione: chiunque vincerà e con qualunque tempo, la città avrà vinto e la nostra tradizione remiera pure. Quindi buona fortuna a tutti i rioni e che vinca il miglior risi’atore!”.

Riproduzione riservata ©