Ecco il campo da golf: 9 buche e erba speciale

A distanza di un anno prende finalmente forma il progetto di un campo da golf a Banditella, che porterà alla realizzazione di un "green" a 9 buche, pronto all'inizio del nuovo anno, sotto la gestione del Golf Club Livorno

Mediagallery

di Jessica Bueno

A distanza di un anno prende finalmente forma il progetto di un campo da golf a Banditella, che porterà alla realizzazione di un “green” a 9 buche, pronto all’inizio del nuovo anno, sotto la gestione del Golf Club Livorno (clicca qui per accedere alla pagina Fb). Prevista l’edificazione di una club house che sarà utile sia come luogo di ritrovo per gli affiliati che per conferenze e riunioni. Una delle novità principali, come spiega l’esperto in gestione del patrimonio arboreo, Alberto Minelli, sarà l’utilizzo di un particolare tipo di erba molto indicato per i campi da golf: quella appartenente alla famiglia delle macroterme. “Questa specie ha esigenze climatiche che ben si accostano alla nostra zona e un vantaggio a livello di crescita e sviluppo: sono dotate di organi di propagazione laterale che consentono una rapida colonizzazione di nuove aree e di ripopolare eventuali aree diradate. Dal punto di vista del gioco del golf, inoltre, contribuisce a migliorare le prestazioni consentendo una maggiore aderenza e riducendo il sollevamento di zolle di terra durante la fase di tiro”.
Un beneficio importante è costituito, inoltre, dalla vicinanza al mare: sicuramente un marchio di originalità non sempre riscontrabile nei campi da golf che potrebbe essere motivo di avvicinamento al club di persone provenienti da altre città. Quest’ultimo è infatti uno degli obiettivi che il Golf Club Livorno vorrebbe raggiungere: aumentare il numero di tesserati con una sorta di unione con gli altri club sparsi sul territorio toscano. Il percorso di realizzazione della struttura golfistica ha avuto inizio con l’apertura, intanto, del campo pratica. Il progetto ha visto la collaborazione fra Comune di Livorno e Federazione Italiana Golf (FIG).

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Marione

    Bella cosa! Ma occhio alle macroterme che sono miscugli a base di gramigna. Speriamo, che quelle usate siano ibridi sterili, se invece sono da seme il vento, non certo assente nella zona, potrebbe danneggiare tutti i pratini della zona.

  2. # verdecomune

    Per come sono tenuti bene i pratini della zona non c’è nulla che li possa rovinare più di così !

  3. # carla

    Accanto al nuovo golf c’è un vecchio grande scheletro in cemento nel centro Picchi. Il Comune potrebbe collaborare con la FIGC per dare uno sbocco ed alcuni posti di lavoro. O no?

I commenti sono chiusi.