Torneo di Monterotondo. Spettacolo nella prima giornata, poker di Aamps

Mediagallery

Eccoci alla ripresa del nostro Torneo “Over 35” di Monterotondo, che si dimostra sempre più “fiore all’occhiello” della delegazione livornese Uisp del Comitato terre etrusco labroniche, e che quest’anno vede ai nastri di partenza ben 11 società (una in più dello scorso anno, anche se, ad onor del vero non potremmo superare le 12 società iscritte, visti gli spazi gara del week end). Abbiamo inoltre notato, sbirciando le note gara, che molte società, nella pausa estiva, hanno cercato di “rinforzarsi”, spostando nuovi e veterani da una squadra all’altra, considerato anche che al regolamento è stata apportata una significativa modifica: il passaggio ai playoff di ben 8 Squadre (invece delle ormai consolidate 6), per cui riteniamo che fino all’ultima giornata della “regular season” il torneo sarà avvincente sotto tutti gli aspetti.

Ma venendo agli aspetti tecnici delle gare riguardanti la prima giornata, che si sono disputate nel weekend di sabato 11 e domenica 12, sempre nella splendida cornice del parco di Monterotondo. La kermesse è stata aperta, alle ore 14,45, dalla partita tra la Rotelli Metalli e il Circolo Portuali; la gara è stata avvincente fin dalle prime battute con numerose azioni potenzialmente pericolose anche se sempre controllate dalle due attente difese per cui si andava al riposo sullo zero a zero. Nella ripresa, al 9’, l’equilibrio veniva rotto dalla bella rete di Alessandro Bracci che portava così in vantaggio la Rotelli Metalli; immediata reazione del team di mister Braccini che però non sortiva alcun risultato concreto, anzi, al 22’ su una ficcante azione di contropiede Francesco Cervati raddoppiava il vantaggio per la squadra di mister Del Corona. Gli ultimi sforzi dei Portuali, comunque, si concretizzavano al 25’ con la rete di Fabio Antonini, ma ormai era tardi per cercare una “rimonta”, per cui il risultato finale vedeva la Rotelli Metalli superare per 2-1 i Portuali.

Di tutt’altra natura la seconda gara che vedeva di fronte le formazioni del Continental e della Trans World Shipping; il “gap” fra le due squadre ci è sembrato, al momento, incolmabile: controllo della palla e ricerca dell’uomo smarcato o per l’appoggio o per il tiro da parte dei ragazzi di mister Arnaldi, e gioco più improvvisato e basato su sporadiche azioni personali quello di mister Ponzio. Difatti nel giro di due minuti (7’ e 9’) la Trans World si trovata sotto di due reti realizzate con merito da Michele Mazzantini per cui il Continental si trovava così a gestire la gara con attenzione, ma nonostante questo a tre minuti dal termine del 1° tempo, una “zampata” di Alessio Campioni dimezzava le distanze. Nella ripresa bastavano pochi minuti (5’) perché Alessandro Menicagli riportasse ancora il risultato in sicurezza per il Continental, che al 10’, veniva ancora “risicato” dalla rete di Carmine Minauda; a quel punto il Continental infoltiva il centrocampo riuscendo a bloccare sul nascere le iniziative avversarie e, anzi, a pochi minuti dal termine (28’) aumentava il vantaggio con la rete di Andrea Bianchetti che fissava il risultato finale sul 4-2 a favore del Continental.

Ultima gara in programma del sabato pomeriggio quella fra il Circolo ASL e il Livorno 3000. Gara imprevedibile, piena di colpi di scena, di situazioni da film “horror” che però ha divertito tutto il numeroso pubblico presente. Le due formazioni si sono affrontate a viso aperto e senza alcun tipo di tatticismo esasperato: sono bastati solo quindici minuti di studio perché la parità di risultato venisse interrotta dal “superbomber” Federico Picchi del Circolo ASL, ma al 21’ l’altrettanto bravo Dario De Vizia ristabiliva le distanze; forse “infastidito” da questo al 26’ ancora Federico Picchi riportava in vantaggio l’ASL ma, scherzi del destino, al 29’ ancora Dario De Vizia segnava la rete del pareggio andando al riposo su questo risultato. Pronti via e l’inarrestabile Federico Picchi (1’) realizzava la terza rete ma il team di mister Rossi reagiva in modo veemente allo svantaggio e così saliva in cattedra “l’evergreen” Giuliano Gambuzza che nel giro di sei minuti (16’ e 22’) dapprima portava la propria squadra sul pareggio e poi addirittura in vantaggio subito dopo (26’) imitato da Giuseppe Ferro che così allungava sulla squadra di mister Fraschi. Ma non era finita qui perché ancora Federico Picchi al 28’ calava il suo poker personale che però aveva un sapore amaro visto che il risultato finale premiava il Livorno3 000 per 5-4 sul Circolo ASL.

Nella prima partita domenicale si affrontavano le formazioni dell’AAMPS, che deve difendere il titolo conquistato nella scorsa stagione, e quella dello Stefanini Caffè, matricola del torneo diretta e orchestrata dai fratelli Simone e Roberto Bonaldi. La differenza sul campo è stata evidente (per non dire imbarazzante): l’AAMPS è una squadra ormai consolidata in tutti i reparti e con ottime individualità, mentre lo Stefanini Caffè deve ancora entrare nella mentalità del calcio a 8, sia per quanto riguarda le posizioni sul terreno di gioco che per la coralità del gioco stesso, per cui questa nostra analisi la dice lunga sullo svolgimento della partita.  L
Aam’AAMPS andava al riposo col risultato minimo di 1-0 grazie alla rete realizzata da Gabriele Acconci al 18’, ma nella ripresa scatenava le sue “bocche di fuoco” e già al 2’ Fabrizio Simonini realizzava la seconda rete per il team di Bianchini seguito al 10’ dall’inossidabile e bravissimo Luca Zini che addirittura nell’unico minuto di recupero (31’) segnava la sua “doppietta” personale fissando il risultato finale sul 4-0.

Seconda e ultima gara del programma domenicale quella fra il Circolo Divo Demi e Francesco Hair Trend. Le due formazioni hanno già alle spalle il torneo dello scorso anno e proprio con l’esperienza acquisita si sono affrontate senza nessun timore reverenziale dando vita ad un’ottima gara, ben giocata e senza risparmio di energie. Ottimo primo tempo dei ragazzi di Conflitto che dopo una fase di studio andavano in rete al 20’ con Stefano Mazzinghi seguito dopo soli due minuti (22’) dal bravo Jonathan Pirone per cui si andava al riposo con questo risultato. Il secondo tempo, forse anche per il calo psicologico dei biancorossi, era tutto appannaggio del team di Sarti che al 10’ dimezzava lo svantaggio con Tomas Bazzi, inseguendo poi il sospirato (e anche meritato) pareggio soltanto nell’ultimo minuto di recupero (31’), sempre con Tomas Bazzi, per cui il risultato fiale di 2-2, oltre che salomonico, rispecchia i valori scesi in campo.

Risultati

Rotelli Metalli – Circolo Portuali 2-1
Continental – Trans World Shipping 4-2
Livorno 3000 – Circolo Asl 5-4
Aamps – Stefanini Caffè 4-0
Circolo Divo Demi – Francesco Hair Trend 2-2

Classifica
Rotelli Metalli 3
Continental 3
Livorno 3000 3
Aamps 3
Circolo Divo Demi 1
Francesco Hair Trend 1
Circolo Portuali 0
Trans World Shipping 0
Circolo Asl 0
Stefanini Caffé 0

Riproduzione riservata ©