Torneo di Monterotondo. Bagarre per il primo posto

Mediagallery

Nel fine settimana scorso è stata recuperata la seconda giornata del girone di andata del torneo over 35 di Monterotondo. Si sono presentate per la prima gara in programma del sabato le formazioni del Francesco Hair Trend e della Trans World Shipping, in pratica uno scontro “testacoda” considerati i ben tredici punti di distacco fra le due squadre. Nonostante questo però il responso del campo non ha evidenziato tale “gap”, la partita è stata bella ed a tratti vibrante con molti capovolgimenti di fronte e alcune occasioni da rete sfumate per un soffio. Forse il Francesco Hair Trend ha avuto un approccio alla gara un po’ “soft”, mentre la Trans World, che come detto anche in altre occasioni, è una squadra che cerca sempre di imporre il proprio gioco. Il team di Sarti invece non è stato all’altezza delle altre prestazioni mancando di determinazione e “cattiveria” sportiva, per cui il risultato finale di 0-0 rispecchia pienamente l’andamento della gara.

A seguire lo scontro fra Portuali e Circolo ASL: le due formazioni, prima della partita, navigavano nei bassifondi della classifica con soli quattro punti in casella, per cui si sono presentate a questo appuntamento con un unico intento: la vittoria. A gara appena iniziata, al 2’ Gennaro Mellino porta avanti i Portuali dando così un chiaro segnale delle proprie intenzioni; nonostante questo il primo tempo si svolge all’insegna dell’equilibrio con potenziali occasioni da ambo le parti. La ripresa è invece tutt’altra storia: già al 9’ Matteo Niccolai aumenta il vantaggio del team di Braccini, ma ottiene la pronta risposta dei ragazzi di Fraschi che vanno in rete al 10’ con Emiliano Mazzoni che dimezza così lo svantaggio. Questo sarà per l’ASL l’unico sussulto perché al 15’ ancora Matteo Niccolai aumenta nuovamente il vantaggio che accresce poi a dismisura con le reti al 25’ di Fabio Antonini e al 28’ di Massimiliano Ceccarelli: i Portuali sugli “scudi” e l’ASL che subiva gli avversari per un finale di 5-1 indiscutibile.

Chiude la kermesse del sabato la gara che vedeva di fronte le squadre del Livorno 3000 e dell’AAMPS;  per onor di cronaca dobbiamo dire che abbiamo assistito, con molto piacere, ad una bella partita. Due formazioni, queste, che interpretano in modo egregio il calcio a 8, potendo contare su atleti di indiscusso valore sia in difesa, a centrocampo e in attacco; in questo caso però la determinazione è stato il fattore più importante messo in campo, difatti già al 10’ Roberto Baroncini portava in vantaggio i ragazzi di Bianchini innescando una reazione, forse un po’ scomposta, del team di Rossi, che addirittura subiva la seconda rete al 25’ ad opera di Luca Zini per cui l’AAMPS andava al riposo con il doppio vantaggio. Nella ripresa  il Livorno 3000 cercava di cambiare atteggiamento riuscendo a dimezzare il vantaggio al 5’ grazie a Gianluca Lunardi e cercando poi il pareggio, ma così facendo si esponeva ai ficcanti contropiedi avversari che riuscivano a sfruttare al 13’ con Alessandro Damiani che poi replicava al 25’, per cui la rete, ancora di Gianluca Lunardi, al 31’ non faceva altro che produrre il risultato finale di 4-2 a favore dell’AAMPS.

Match clou alla prima partita della domenica mattina fra le prime due della classe: Circolo Divo Demi e Rotelli Metalli divise da appena un punto in classifica ed ancora imbattute. E’ stata questa una gara che ci ha tenuti col fiato sospeso fino al triplice fischio finale considerato l’equilibrio espresso in campo dalle due formazioni e difatti sarebbe bastata una svista difensiva o un qualsiasi episodio favorevole perché il risultato andasse a favore dell’una o dell’altra squadra. Questo non è accaduto, anche se al 25’ del primo tempo la formazione di Conflitto passa in vantaggio grazie al gol di Maurizio Mariani, che però già al 9’ della ripresa viene ristabilito l’equilibrio con la rete di Alessio Franceschi per il team di Del Corona, per cui il salomonico risultato finale di pareggio per 1-1 non è altro che l’espressione dei valori atletici visti sul terreno di gioco.

Altra gara importante, quella della chiusura domenicale, fra le squadre del Caimano e del Continental dove, da una parte la quadra di Miniati doveva dimostrare i buoni progressi messi in mostra nelle ultime gare, e la squadra di Arnaldi che avrebbe dovuto dimostrare di aver trovato la soluzione all’impasse di quest’anno calcistico. Diciamo che per un certo verso le aspettative sono state soddisfacenti, anche se per il Continental lo è stato a metà; la cronaca annota un primo tempo scoppiettante e ben giocato da entrambe le formazioni che sfocia in un tourbillon di marcature proprio alla metà per cui al 14’ passa in vantaggio il Caimano con Andrea Bellandi cui replica al 16’ Michele Mattesini per il Continental passando addirittura in vantaggio al 18’ con Silvio Pellegrini ma ristabilisce al 22’ la parità Matteo Giusti. La seconda frazione di gioco però vede un pericoloso calo verticale del Continental che non riesce più a chiudere i pericolosi attacchi degli avversari che vanno in rete al 10’ ancora con Matteo Giusti e al 21’ con Valerio Rosellini, per cui dobbiamo prendere atto di un risultato di 4-2 per il Caimano che si posiziona così al terzo posto in classifica generale.

Risultati

Francesco H.T. – Trans World Shipping 0-0
Portuali – Asl 5-1
Aamps – Livorno 3000 4-2
Divo Demi – Rotelli Metalli 1-1
Caimano – Continental 4-2

CLASSIFICA

DIVO DEMI                                        15

ROTELLI METALLI                            14

FRANCESCO H.T.                             14

A.AM.P.S.                                          12

CAIMANO                                          12

LIVORNO 3000                                 10

PORTUALI                                            7

STEFANINI CAFFE’                            6

CONTINENTAL                                   4

CIRCOLO ASL                                      4

TRANS WORLD SHIPPING              1

Hanno riposato: CAIMANO, PORTUALI, LIVORNO 3000, CIRCOLO ASL, A.AM.P.S., ROTELLI METALLI, STEFANINI CAFFE’

Riproduzione riservata ©