Palio dei rioni. La seconda giornata regala sorprese

Mediagallery

Si è disputata, fra lunedì 8 e mercoledì 10 giugno, la seconda giornata dei gironi di qualificazione della seconda edizione del “Palio dei Rioni Livornesi”. Le prime due squadre a scendere in campo, per il girone “A”, sono state quella del rione Borgo Cappuccini e quella del rione Colline. Per la cronaca, già al 5’ si porta in vantaggio il Colline grazie alla rete di Gabriele Lenzi, imitato al 12’ da Tommaso Selmi e, con questo risultato si va al riposo. Nella ripresa, ancora prove di “guerriglia” da parte del Borgo Cappuccini, sempre ben controllate dalla difesa avversaria che, forse, già paga del risultato ottenuto badava solo a controllare la gara e, nonostante questo, al 31’ Alessio Castellani triplicava il vantaggio che poi si concludeva al 37’ con la rete di Gabriele Ramagli per un risultato finale, ineccepibile, di 4-0 a favore del Colline. Ai ragazzi del Borgo Cappuccini un plauso sincero per la correttezza sportiva dimostrata in più di una occasione.
A seguire, sempre per il girone “A”, si sono affrontate le formazioni del Salviano e quello della Leccia. Su uno di quegli “episodi” favorevoli, il bravo Valerio Benetti, al 3’ del secondo tempo, metteva a segno la rete della vittoria per il Salviano che si aggiudicava la gara con il punteggio di 1-0; ai ragazzi della Leccia non possiamo rimproverare niente, se non che un po’ più di “freddezza” in fase realizzativa.
Per il girone “B” si affrontavano per primi i rioni del Magenta contrapposto a quello del Benci-Centro. Dopo un primo tempo molto equilibrato, dove le attente difese primeggiavano sugli sporadici attacchi di una certa pericolosità, si assisteva ad una seconda parte di gara molto più combattuta, nella quale proprio la pericolosità degli attaccanti si faceva sempre più consistente, e in una di queste situazioni Ablaye Fall, al 16’, riusciva a trafiggere l’incolpevole portiere del Magenta. Da quel momento in poi la reazione del Magenta, alla ricerca del pareggio, era veemente ma sconclusionata, per cui il triplice fischio finale sanciva la vittoria del Benci/Centro per 1-0.
Di tutt’altra fattura la seconda gara fra i rioni del Fabbricotti e quello del Venezia, che scendevano in campo con l’intenzione di portare a casa i tre punti. L’inizio era però “scoppiettante” grazie ai ragazzi del Venezia che mettevano subito in mostra ottime qualità individuali e corali; già al 9’ si faceva notare Raul Martini che andava a segno, ripetendosi ancora al 20’, lasciando così “di stucco” gli avversari del Fabbricotti che non riuscivano ad avere una reazione degna di questo nome, per cui si anadava al riposo sul punteggio di 2-0 per il Venezia. Nella ripresa, francamente, ci si aspettava qualcosa di più da parte del Fabbricotti, che però venivano ancora trafitti al 7’ da Fabio Antonini. Consci di un ottimo risultato a loro favore i veneziani allentavano un po’ il ritmo, e questo costava loro la rete messa a segno al 13’ da Moumababou Seck, che accorciava le distanze. Nemmeno il tempo di gioire per il gol della bandiera che, al 15’, Matteo Giusti rimetteva le cose come erano prima, per poi concludere al 27’, ancora il bravo Raul Martini con una splendida cinquina. Difatti il risultato di 5-1 a favore del Venezia era indiscutibile.

Passiamo ora alla disamina del girone “C”: le prime due formazioni ad affrontarsi sono state quelle del rione Corea e del rione San Jacopo. La gara ha stentato a decollare perché le squadre badavano più a difendere che ad offendere, ma comunque l’equlibrio di parità veniva interrotto al 17’ da N’Ze Koussi Desmond per il San Jacopo, innescando così la reazione del Corea che da subito cercava la parità riuscendovi al 34’ con Denny Busoni e, con questo risultato si andava al riposo. Di tutt’altra fattura la seconda frazione di gioco dove i ragazzi del San Jacopo riuscivano a prendere in mano il comando delle operazioni, infoltendo il centrocampo che riusciva, quasi sempre, a verticalizzare le azioni per le punte e, proprio su una di queste, al 14’, Matteo Di Rocca riusciva ad ottenere la rete del vantaggio san jacopino. Il Corea si rendeva conto che avrebbe dovuto dare qualcosa di più per riportare il punteggio in parità e quindi si riversava “a testa bassa” nella metà campo avversaria ma, come accade spesso in questi casi, lasciava spazio ai contropiede avversari dove, proprio su una di queste situazioni, ancora N’Ze Koussi Desmond al 33’ trafiggeva il portiere avversario; il tempo a disposizione del Corea era ormai poco e quindi il fischio finale sanciva la vittoria del San Jacopo per 3-1.
Concludeva la seconda giornata del turno di qualificazione la partita fra i rioni del Coteto e dell’Ardenza, entrambi alla ricerca di una prestazione convincente, per cui hanno vita ad una gara assai emozionante, piena di adrenalina e di numerosi colpi di scena, dove nessuno si tirava indietro nel momento in cui si doveva affrontare l’avversario. A rompere gli indugi, comunque, ci pensava al 17’ Fabio Barbanti per il Coteto, cui però rispondeva il bravo Saverio Consani al 22’ riportando il tutto in parità. Il copione della gara non cambiava assolutamente nella seconda frazione di gioco, per cui la rete al 15’ di Yari Bientinesi del Coteto non giungeva inaspettata ma, ancora una volta la reazione ardenzina era affidata sempre a Saverio Consani che al 30’ trafiggeva il portiere avversario ritornando così in parità e questo sembrava essere ormai il giusto risultato finale. Tuttavia su una mischia in area dell’Ardenza il pallone veniva inavvertitamente calciato da Cristian Mazzeranghi che lo depositava nella propria porta al minuto 37; il recupero a questo punto era impossibile, anche a causa di quanto accaduto, e così la fine della gara vedeva il Coteto vittorioso per 3-2.

Riproduzione riservata ©